•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 9 maggio, 2014

articolo scritto da:

Renzi difende a spada tratta la misura degli ’80 euro’

renzi difende a spada tratta gli 80 euro e attacca i tecnici del senato

Matteo Renzi ha partecipato ieri sera ad Announo, programma in onda su La7, e stamattina in collegamento con ‘La telefonata di Belpietro’ su Canale 5. Tanti gli argomenti toccati dal premier Renzi. “Sulla storia delle coperture degli 80 euro i tecnici del Senato hanno detto una cosa falsa, non è vero che non ci siano le coperture. Noi abbiamo chiesto ai tecnici del Senato anche alcuni sforzi, per esempio abbiamo detto ‘se mettiamo una regola per cui vale il tetto ai manager pari a 240mila euro per la P.A., dovrebbero farlo anche al Senato o alla Camera, a lei hanno risposto? A me no”.

Sempre a proposito degli 80 euro è tornato a parlare della polemica partita dal rocker Piero Pelù: “Nessuno si è arrabbiato con lui” ha detto Renzi “per le frasi pronunciate al concerto del 1 maggio sulla P2: io ho niente a che vedere con la P2. Ma a parte le idiozie sulla massoneria. Pelù ha detto che gli 80 euro sono un’elemosina. Forse sono un’elemosina per lui, ma per un cittadino normale sono un po’ tanti. Dovrebbero essere un patrimonio di tutti”.

renzi studio

Renzi “Non mi interessano previsioni ma posti di lavoro” – Le previsioni sulla crescita bassa dell’Italia “saranno smentite. Ieri Moody’s ha detto che l’Italia può crescere fino al 2%, altro che 0,5%”. Che le previsioni dicano “0,5%, 0,8%, 1 o 2%, quello che a me interessa è che le persone trovino il posto di lavoro. Questo è il punto centrale. Tutto il resto sono chiacchiere dei politici”. Renzi sottolinea “abbiamo una straordinaria occasione, che è quella di vedere l’Italia tornare a creare posti di lavoro. L’Italia può ripartire”.

 

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

18 Commenti

  1. Ignazio Paroti ha scritto:

    ridicolooooooo

  2. Mori Guido ha scritto:

    Potrai commentare quello che vuoi, ma come si fa ad essere in disaccordo quando finalmente la politica rende qualcosa?

  3. Mori Guido ha scritto:

    Questo provvedimento è giusto, bisogna dare a chi ne ha più bisogno. Questa è la strada da seguire!

  4. Paolo D'Eugenio ha scritto:

    Pure Berlusconi voleva dare qualcosa togliendo l’IMU. Ma poi, siccome era una misura demagogica e sconclusionata, si son ripresi tutto e con gli interessi aumentando le altre tasse sulla casa.

  5. Paolo D'Eugenio ha scritto:

    I tecnici del Senato (che storicamente c’hanno quasi sempre “preso”, informati) hanno dubbi sulle coperture. E non sono gli unici …

  6. Luciano Salciccia ha scritto:

    una mattina un ascoltatore di “prima pagina” osservava che in una famiglia con due redditi da 1400€ mensile quindi con un totale di 2800 € entreranno in un anno 2000€ in più, mentre una famiglia monoreddito con 2800€ mensili non entrerà nulla. Il fatto più grave è che anche la famiglia monoreddito con 1550€ non riceverà nulla e qui la disparità di trattamento risulta più grave. Prendiamo poi ad esempio un giovane single con un reddito di 1450 €, riceverà l’incentivo ma non lo riceverà la famiglia con un solo reddito da 1550€. Incentivi per che cosa poi, si dice per stimolare i consumi, come diceva Berlusconi quando invitava gli italiani a spendere con fiducia per superare la crisi. Ma allora erano soldi dei cittadini che li avrebbero dovuto spendere per se stessi, adesso sono soldi di tutti i cittadini che vengono dati, per spenderli, solo ad alcuni. Mi si risponderà che vengono dati a chi ne ha di meno e quindi é una sana azione di redistribuzione della ricchezza, ma ho già fatto notare all’inizio di questo discorso che non è così. Questi soldi verranno spesi in gran parte per beni di consumo; ( sarebbe addirittura comico se venissero accantonati), qualcuno per acquistare beni primari, altri per acquistare il telefonino all’ultima moda o per un viaggetto all’estero. Questo per dire che serviranno, questi soldi dello stato italiano, per finanziare la ripresa di altri paesi come per esempio è avvenuto quando si inventò la rottamazione delle auto, i maggiori vantaggi li ebbero le case automobilistiche che producevano fuori dall’Italia. Non solo ma adesso dico anche una cosa antipatica, Dove vanno a finire tutti il discorsi sul “merito”? Questo intervento provoca un ulteriore appiattimento retributivo. Come faremo a dire” studia perché così avrai un lavoro migliore, pagato meglio” se vengono penalizzati quelli della fascia intermedia ed aiutati quelli che stanno più in basso spesso perché non hanno fatto molto per poter avere di più? Ma ci sono le elezioni a breve e dieci milioni di elettori a cui hai fatto un regalino possono tornarti utili. Ma questo si chiama voto di scambio, e gli italiani sono disposti a vendere il proprio voto, ma almeno i voti di scambio venivano pagati (30, 40,50 € quindi meno di 85) con i soldi di chi li comprava in questo caso invece li comprano con i soldi dello stato.
    Cosa si sarebbe dovuto fare.
    Avendo 10 miliardi di euro, andavano spesi per le opere strutturali necessarie, ad esempio nei trasporti, nei porti, nella ricerca, in una scuola efficiente, nella giustizia, nella conservazione del patrimonio artistico e culturale, nel turismo, in una sanità funzionante distribuita sul territorio per le necessità di tutti i cittadini. Soldi che essendo spesi in attività non delocalizzabili sarebbero rimasti in Italia e avrebbero concorso a formare il redditi di chi lavora già e a creare lavoro per tutti quelli che al momento il lavoro non ce l’hanno. Dopodiché quegli stessi soldi entreranno nel circuito economico come gli 85€ a concorrere a stimolare la ripresa. Non è che non voglio spendere, voglio farlo in modo più produttivo. é quello che in fondo a fatto Roosvelt con il new deal ha finanziato lavori pubblici con i soldi dello stato, come per i cantieri del rimboschimento in Italia dopo la guerra. Se avesse speso i 6,9 miliardi di questo anno nel modo che vi ho appena detto ci pensate a quante ore di lavoro avrebbe creato? Sbaglio in qualcosa? No.

  7. Lorenzo Gucciarelli ha scritto:

    Ancora con la storia degli 80 euro?! E poi siete gli stessi che pretendete il reddito di cittadinanza… mah…

  8. Stefania Pellerucci ha scritto:

    Infatti lui s’intende di conti!!

  9. Paolo D'Eugenio ha scritto:

    Perfetto. E aggiungo che questa misura non fa neppure aumentare il PIL viste le previsioni al ribasso dell’OCSE (cresceremo il 2015 addirittura meno della metà della Grecia!!). Pura misura elettorale. Peggio dell’abolizione dell’IMU (altra buffonata del sodale di Renzi).

  10. MarcoOrsoGiannini1 ha scritto:

    Nel 2013 prima del voto i sondaggi davano M5S al 15% massimo. Monti al 18% minimo e il PD oltre il 35%. Se scrivete su google SFIDA AI SONDAGGISTI PARTE 3 vedrete che io a 2 giorni dal voto diedi i veri risultati. Adesso cercate SFIDA AI SONDAGGISTI 2014 e nei commenti (nei commenti!) vedete che di nuovo, alla fine, io sono mesi che do i veri valori mentre i sondaggisti si svegliano ora (e ancora in modo parziale continuano a sottostimare).M5S e PD appena sotto il 30%
    Oppure:
    http://spread-politica-economia-massoneria.blogspot.it/2014/02/sfidaaisondaggisti2014parte1.html
    Bufera EXPO Greganti sul PD comporterà emorragia di voti,….se i media ne parleranno…

  11. MarcoOrsoGiannini1 ha scritto:

    solo il reddito ai disoccupati distingue precariato da flessibilità e non le elemosine….

  12. MarcoOrsoGiannini1 ha scritto:

    quindi subiro reddito minimo da cittadinanza a tutti i disoccupati.Come ovunque.

  13. Lorenzo Roggi ha scritto:

    non si da a chi ha più bisogno.

  14. Lorenzo Roggi ha scritto:

    coperture incostituzionali,i soldi che vi da oggi li restituirete domani con gli interessi.

  15. Mori Guido ha scritto:

    Chi guadagna quella cifra (entro i 1200) é bene che sia aiutato.

  16. Luciano Salciccia ha scritto:

    il fatto è che li restituiranno anche chi non li ha presi

  17. Luciano Salciccia ha scritto:

    il fatto è che ci sono persone che guadagnano molto meno di 1200€ e anche persone che non hanno alcun lavoro e quindi non guadagnano nulla. Prima si sarebbe dovuto pensare a questi.

  18. Mori Guido ha scritto:

    Io non ne farei una gara tra persone che hanno bisogno, intanto una mano è stata data, è un’aiuto sostanzioso che può fare la differenza, ora lavoriamo perché anche gli altri siano messi in condizioni dignitose.

Lascia un commento