•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 9 maggio, 2014

articolo scritto da:

Sondaggio Ixè per Agorà: cresce l’astensionismo per le elezioni europee, partiti stabili

Sondaggio Ixè per Agorà, intenzioni di voto per le Europee.

Sondaggio Ixè per Agorà: cresce l’astensionismo per le elezioni europee, partiti stabili

Anche Ixè pubblica oggi ad Agorà l’ultimo sondaggio elettorale prima del divieto di diffusione dei sondaggi nelle due settimane precedenti il voto, e trova una situazione stabile rispetto alla sua precedente rilevazione che risale all’inizio di questa settimana. Le variazioni registrate da Ixè non arrivano al mezzo punto percentuale, così che il PD crescendo leggermente conferma la sua forte posizione di leadership con il 33,2%, ma il Movimento 5 Stelle non demorde, e anche se con un piccolissimo passo indietro, mantiene una percentuale superiore al 26% che potrebbe essere la base per un’ulteriore crescita nelle ultime due settimane di campagna elettorale. Nei giorni decisivi prima del voto, farà davvero la differenza chi riuscirà a convincere gli indecisi, e la caratteristica anti-sistema del M5S si presta bene per accogliere i voti dei delusi dalla politica e di chi non riesce a scegliere nessuno dei partiti “tradizionali”. Forza Italia intanto continua a soffrire in terza posizione, non riuscendo a riguadagnare terreno in maniera significativa e fermandosi al 18,2%, mentre anche secondo Ixè Lega Nord entrerebbe nel Parlamento Europeo con il 5,2% dei voti, seguita ad un soffio dall’alleanza tra Ncd, Udc e Popolari con il 5,1%. Ancora in bilico Fratelli d’Italia e Tsipras (rispettivamente al 3,8 e 3,7%) che senza una campagna aggressiva rischiano di non raggiungere la soglia di sbarramento del 4% e quindi di non inviare i propri rappresentanti a Strasburgo, mentre Scelta Europea segue con il 2,1% e non sembra avere speranze di superamento della soglia.

Sondaggio Ixè per Agorà, intenzioni di voto per le Europee.

Sondaggio Ixè per Agorà, intenzioni di voto per le Europee.

L’avanzamento di Grillo non dovrebbe incidere sul Governo secondo gli Italiani: il 64% degli intervistati pensa che anche in caso di vittoria del Movimento 5 Stelle Renzi non dovrebbe dimettersi, con un’opinione particolarmente contraria alle dimissioni tra gli elettori PD, superiore al 50% tra quelli di Forza Italia e minoritaria (naturalmente) nel M5S.
sondaggio ix`agorà m5s renzi

Il partito del non voto invece continua ad accogliere una quota di Italiani superiore al 40%, con gli astenuti in crescita oltre il 26% (nei giorni trascorsi tra le due rilevazioni Ixè crescono di ben due punti percentuali) e gli indecisi che diminuiscono passando dal 18,2 al 17,4%. La partecipazione alle Europee del 2009 fu del 66%, e Ixè oggi prevede che a 5 anni di distanza si scenderà al 58%.

Sondaggio Ixè per Agorà, partito del non voto.

Sondaggio Ixè per Agorà, partito del non voto.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

4 Commenti

  1. CostantinoPirisi ha scritto:

    Secondo questo sondaggio palesemente falso gli italiani ritengono che Renzi debba governare senza essere stato votato da nessuno, e,  nonostante la quasi certa disfatta elettorale, diciamo che il sondaggio palesa una contraddizione in termini:
    1) il PD vince le elezioni…è ovviamente falso ma se ci fosse questa certezza Renzi avrebbe dichiarato (come fece D’Alema) di dimettersi in caso di sconfitta tanto ciò sarebbe impossibile secondo i sondaggio falso di IXE (e altri).

    2) Gli stessi italiani che avrebbero risposto a questo sondaggio nel modo descritto avrebbero la certezza della vittoria di Renzi con largo margine sul M5S però dichiarano che in caso di sconfitta Renzi non deve dimettersi……i conti non tornano.
    Io credo che all’indomani del voto molti di coloro che hanno divulgato sondaggi falsi nel tentativo (illusorio) di condizionare il voto avranno seri problemi a uscire di casa.

  2. MarcoOrsoGiannini1 ha scritto:

    Nel 2013 prima del voto i sondaggi davano M5S al 15% massimo. Monti al 18% minimo e il PD oltre il 35%. Se scrivete su google SFIDA AI SONDAGGISTI PARTE 3 vedrete che io a 2 giorni dal voto diedi i veri risultati. Adesso cercate SFIDA AI SONDAGGISTI 2014 e nei commenti (nei commenti!) vedete che di nuovo, alla fine, io sono mesi che do i veri valori mentre i sondaggisti si svegliano ora (e ancora in modo parziale continuano a sottostimare).M5S e PD appena sotto il 30%
    Oppure:
    http://spread-politica-economia-massoneria.blogspot.it/2014/02/sfidaaisondaggisti2014parte1.html
    Bufera EXPO Greganti sul PD comporterà emorragia di voti,….se i media ne parleranno…

  3. Pingback: Elezioni Europee 2014. Ultimi sondaggi: Pd al 33%, Movimento 5 Stelle al 25% e Forza Italia sotto il 20%. Fuori lista Tsipras, Scelta Europea e FdI-An (FOTO) | TopNotizie

  4. Pingback: Elezioni Europee 2014. Ultimi sondaggi: Pd al 33%, Movimento 5 Stelle al 25% e Forza Italia sotto il 20%. Fuori lista Tsipras, Scelta Europea e FdI-An (FOTO) | Notizya.it

Lascia un commento