•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 16 giugno, 2015

articolo scritto da:

Arabia Saudita: 100 esecuzioni in 6 mesi

pena di morte

Arabia Saudita: con l’esecuzione di un trafficante di droga siriano le condanne a morte arrivano a quota 100 in 6 mesi.

Arabia Saudita: l’aumento delle condanne a morte

L’ultima esecuzione capitale in Arabia Saudita risale ad appena ieri. Nella regione settentrionale di Jaws, è stato decapitato Ismael Al Tawn, narcotrafficante siriano, ritenuto colpevole di contrabbando di anfetamine.

Il traffico di droga, così come l’omicidio, lo stupro, la rapina a mano armata, vengono puniti severamente dalla “sharia” applicata nel paese. Per completare il quadro della “severità” saudita basta dire che stragrande maggioranza delle esecuzioni capitali consiste nel decapitare il condannato con una spada in una pubblica piazza (nelle regioni del sud si usa anche la fucilazione).

Quella di Al Tawn è stata la 100esima esecuzione in 6 mesi, in tutto il 2014 ne sono state registrate appena 87. Tuttavia, il numero dei messi a morti rimane lontano dal record del 1995, quando in Arabia Saudita vennero eseguite 192 condanne a morte.

arabia saudita

Arabia Saudita: la preoccupazione di Amnesty

Dalla ONG internazionale segnalano come l’Arabia Saudita sia saldamente sul podio degli stati “killer” più prolifici al mondo, superata solo da Cina e Iran (nel 2014 ha superato anche Usa e Iraq).

A fine maggio (90esima esecuzione) Amnesty rilevava come oltre la metà dei condannati a morte era stato sottoposto a un processo “molto al di sotto degli standard internazionali di equità”. Confessioni sotto “pressione”, negazione della rappresentanza legale, mancata comunicazione sull’avanzamento dei procedimenti; inoltre – visto che la sharia non parla espressamente di “droga” – la pena di morte è eseguita a discrezione del giudice, che può ordinarla anche in base al solo “sospetto” di colpevolezza.

D’altra parte, rilevano sempre da Amnesty, su più della metà dei condannati pesavano accuse legate al traffico di droga: tali reati non rientrano nella categoria di “crimini più gravi” sancita a livello internazionale, dunque, l’uso della pena di morte per punirli è illegale.

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento