•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 19 giugno, 2015

articolo scritto da:

Mafia Capitale, Emiliano contro Renzi: “Marino non si deve dimettere”

emiliano in giacca e cravatta indica qualcosa con la mano destra

Marino non si deve dimettere”, interviene così sulla vicenda Mafia Capitale, Michele Emiliano, neo presidente della regione Puglia, ex sindaco di Bari. “Se una persona ha la coscienza a posto e sta facendo il massimo – puntualizza Emiliano –  non vedo perché dovrebbe dimettersi”. È un Michele Emiliano a tutto tondo quello intervistato oggi da Mattino24 su Radio 24. Il  governatore pugliese, come nel suo stile, non si risparmia, ed esprime in libertà il proprio punto di vista su molti temi caldi. Anche al costo di entrare in contraddizione con il premier e segretario del suo partito, il PD, Matteo Renzi.

In un’intervista a Porta a Porta di tre giorni fa Renzi aveva invitato il sindaco di Roma, Marino a “non stare tranquillo”, dandogli una sorta di ultimatum per un cambio di passo nell’amministrazione della Capitale. Secondo Emiliano, tuttavia, un intervento del premier in televisione non può avere come conseguenza diretta la scelta per un sindaco di dimettersi.  “Nessuno può interferire su una decisione del genere”, ha affermato Emiliano.

emiliano in giacca e cravatta indica qualcosa con la mano destra

Senza contare che, nel merito, il governatore, tra le altre cose anche ex magistrato antimafia, ritiene che a Roma “la mafia si sia infiltrata nell’amministrazione. E’ chiaro – continua –  che il budget di Roma è gigantesco e le criminalità sta dove ci sono i soldi”. Emiliano rifiuta anche l’approccio di Renzi riguardo l’abbandono delle primarie come strumento per la scelta dei candidati nelle tornate elettorali. Secondo il presidente pugliese, infatti, il meccanismo delle primarie può essere migliorato, ma nessuno, neppure il premier, può imporre candidati “dall’alto”.

Emiliano apre ai Cinque Stelle

Un altro attacco, neppure troppo velato, Emiliano lo riserva alla stessa maggioranza che sostiene la sua presidenza riguardo la sua proposta di abbassare a 5 mila euro lo stipendio dei consiglieri regionali pugliesi. Ad avviso di Emiliano, infatti, in questi tempi di crisi lo stipendio di un consigliere non può arrivare, come oggi, a 11 mila euro lordi al mese. La sua proposta dovrà essere approvata dal consiglio regionale in cui, tuttavia, Emiliano è solo – come sottolineato da lui stesso – solo “uno dei 30 consiglieri della maggioranza”. Ed è noto che “su questi provvedimenti la maggioranza è variabile”.

Su questi azioni di riduzione dei costi della politica, peraltro, Michele Emiliano, cerca un avvicinamento con il Movimento 5 Stelle, ritenendo che i programmi del PD e dei grillini siano molto simili su vari punti. Il governatore prosegue, infatti, nell’intervista a Mattino24 ribadendo la sua “offerta per un posto in Giunta”. Per Emiliano “potrebbe esserci anche più di un assessore del M5S”. Il presidente ritiene che “il M5S è una delle possibilità che questo Paese ha, insieme al Pd, di rendere migliore l’Italia. Ma bisogna farlo – a suo avviso – governando insieme, anche senza alleanze di sistema”.

Il gasdotto Tap

Emiliano chiude l’intervista intervenendo su due argomenti di più diretto interesse regionale. Il primo, il gasdotto Tap, il cui arrivo è pianificato a Melendugno, Lecce. “Siamo contrari – afferma il governatore – perché non capiamo perché debba arrivare su una delle più belle spiagge della Puglia”. Con il suo approccio “colorito”, Emiliano sottolinea che “la spiaggia di San Foca è talmente bella che l’idea che qualcuno possa stendersi sull’asciugamano con il tubo sotto il sedere scatena la rabbia della popolazione”.  Per il governatore possono essere individuati molti altri approdi preferibili, come alcune zone industriali sul mare con porti attigui, ma rinuncia a pronunciarsi esplicitamente sugli eventuali siti alternativi.

Emiliano e il caso Xylella

Il presidente della regione Puglia, infine, spende un’ultima parola sulla Xylella, il parassita degli ulivi, e sugli interventi necessari ad evitarne la diffusione. Per Emiliano, abbattere centinaia di alberi, spesso secolari, rischia di danneggiare questo settore agricolo, già fortemente provato. Secondo Emiliano “è ovvio che la responsabilità sia dell’Unione europea. Non hanno fatto gli embarghi delle piante ornamentali dalla Costarica in modo adeguato e queste piante hanno infettato gli ulivi”. È necessario, quindi che ora sia proprio l’Europa “a darci una mano”.

Roma, 19 giugno 2015

Silvia Barbieri


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

8 comments
Mario Lanata
Mario Lanata

Termometro Politico....ricordo il monologo di Nanni Moretti sulle parole e il significato... per educare il Popolo a parlare con termini giusti.... il 31 maggio sono stati eletti i Presidenti delle Assemblee Regionali..... Governatore in regione non esiste..... L'unico Governatore in Italia mi sembra sia quello della Banca d'Italia......

Nicola Michele Donvito
Nicola Michele Donvito

Il solito complice.... e il "bello" è che chi lo ha votato e lo supporta crede ingenuamente e dannosamente che sia un buon politico.

Marco Morandi
Marco Morandi

governano , e magnano.. mica scollano da lì

Piero Avella
Piero Avella

Si sporcano le manine è più comodo per loro prendersi lo stipendio e dare sempre la colpa agli altri

Salvatore Caputo
Salvatore Caputo

Tempo sprecato...quelli nn hanno alcuna intenzione di governare