•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 10 maggio, 2014

articolo scritto da:

Fmi: “L’Italia investa in innovazione per essere più competitiva”

fmi

Più innovazione, non solo o soltanto correttivi al costo del lavoro: il suggerimento arriva direttamente dall’altra sponda dell’oceano. È il Fondo Monetario Internazionale, infatti, in un paper dell’economista Andrew Tiffin, a illustrare le linee guida che permetterebbero all’Italia di dare una spinta significativa alla propria economia. Freno a mano tirato per il “Bel paese” che sul fronte innovazione e tecnologia, almeno a livello generale, fa registrare performance decisamente negative. A preoccupare l’organismo guidato da Christine Lagarde non è solo l’indice di disoccupazione fermo al 13%, secondo gli ultimi rilievi del febbraio di quest’anno. Nello studio dal titolo European productivity, innovation and competitiveness: the case of Italy si legge che “l’aumento dei costi dei fattori produttivi in Italia non si è tradotto in un aumento equivalente dei prezzi relativi dei beni italiani, in parte a causa del ruolo delle importazioni a basso costo da Paesi a bassa inflazione”.

Lagarde Fmi

L’Italia fatica a partorire prodotti di alta tecnologia. Un quadro aggravato anche dalla mancanza di “riforme strutturali“, più volte annunciate e mai veramente realizzate. A fare le spese di questa situazione, oltre a essere parte in causa della scarsa competitività del nostro paese a livello mondiale, le aziende affette da “nanismo”, troppo piccole e con troppo poco appeal internazionale per traghettare l’espansione dell’export italiano. Export, in questi anni, sostenuto dall’industria tradizionale italiana del tessile, dell’ agroalimentare e dei mobili più “una quota importante che deriva dai fornitori specializzati” ovvero aziende che ideano, sviluppano e realizzano strumenti specifici, destinati a mercati specializzati. Sono proprio queste imprese, animate da “inventiva e agilità” ad aver assicurato la tenuta dell’export. Ma questo, sostiene l’FMI, potrebbe non bastare. Alla lunga le aziende tradizionali potrebbero non essere più in grado di sostenere il comparto, “potrebbero – sostiene Tiffin nel paper – non essere più la fonte di forza che erano in passato» a causa della burocrazia e dell’incapacità di competere sul mercato internazionale. E allora tocca cambiare rotta. Puntare sulle imprese che investono in tecnologia, ricerca e sviluppo, sostiene l’organizzazione internazionale .

Una situazione certo non allarmante, quella disegnata dall’FMI, ma da tenere sicuramente sotto osservazione. La quota delle esportazioni globali  “aggiustata” dall’Italia seppur “deludente, non è critica come potrebbe apparire a prima vista” si legge nello studio. A pesare sul comparto, vincoli e norme burocratiche infinite e riforme troppo attese, che impediscono all’Italia di proiettare sulla scena internazionale l’immagine di un paese più smart e avanzato. Per appianare il gap con le aziende internazionali l’Italia necessita di più forzi. In primis  le riforme strutturali per “innovare ed espandere” le quote di mercato delle imprese che producono made in Italy. Una ricetta quella del Fmi che  mira a “delineare alcune implicazioni per l’agenda di riforme strutturali” del governo italiano. 

                                                                                                                                                            Carmela Adinolfi


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

2 comments
Mario Bertoli
Mario Bertoli

...si e i politici si comprano i tablet...!!1