•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 30 giugno, 2015

articolo scritto da:

Perché la proposta firmata Giovanni Toti può essere laboratorio nazionale

primo piano di giovanni toti

Da Genova, guardando Roma. La Liguria non è mai stata, come oggi, centro della politica nazionale. La vittoria di Giovanni Toti è stata, difatti, la prima, vera e grande sconfitta di Matteo Renzi. Aprendo, nei fatti, scenari per il futuro del tutto impensabili, fino a pochi mesi fa. Ha vinto l’idea del centrodestra proposta da Toti; la sua intuizione, nell’osservare nella divisione a sinistra la possibilità di ritrovare voti nel proprio, naturale e disperso, bacino moderato.

L’approccio moderato di Giovanni Toti

Ha vinto il suo approccio moderato: la sua capacità di riunire tutti attorno a un tavolo e di apparecchiare per tutti, come in nessuna delle altre sei regioni al voto. E certamente non come a Roma, dove Alfano e Salvini non prenderebbero neppure un caffè, insieme. Contemporaneamente, a esser stata sconfitta, è stata la stessa idea del Pd di Matteo Renzi. Quell’idea, incarnata in Liguria da Raffaella Paita, è quella di un partito sfrontato, a tratti arrogante, che non si vergogna di guardare al centro e a destra. Marginalizzando e umiliando la sinistra.

Battuta d’arresto per Renzi

Nei giorni successivi al voto ligure, i renziani più sfegatati urlavano alla sinistra “rosicona e scissionista”. Colpevole, per aver consegnato la vittoria al centrodestra. La realtà, ha disegnato sì i contorni di un laboratorio politico: ma non quello dei “colpevoli” Cofferati, Civati e Pastorino; ma di un Pd a immagine e somiglianza del premier, spaccato a sinistra e alla ricerca di un allargamento della propria base elettorale al centro e a destra.

Sperimentato già da gennaio, con le drammatiche primarie che hanno messo alla porta Sergio Cofferati e spostato verso il centro il baricentro del partito, questo laboratorio ha poi clamorosamente perso. Stretto, tra sinistra e moderati, è crollato sotto i 28 punti percentuali, quando il Pd ligure, da solo, sfiorava i 50, ad Ottobre. Proprio quei moderati, che Renzi ricercava nel mezzo della confusione allora sovrana nel centrodestra, pensando di poter ben fare a meno di qualche pezzo, a sinistra. Quella sinistra “vecchia, logora, la sinistra del 25%”.

La vera intuizione di Toti

E qui, è stata l’intuizione di Giovanni Toti, che scendendo in campo ha saputo riunire il voto moderato intorno a sé e sfruttare, efficacemente, la divisione a sinistra. Brutalmente, i numeri della coalizione di centrodestra raccontano di una Lega che ha quasi doppiato Forza Italia (20,25%, rispetto a 12,66%), e raccolto da sola più voti di tutti gli altri partiti della coalizione insieme (110mila circa, contro i restanti 95mila)

Ma guardando ai flussi elettorali, e osservando il massiccio voto disgiunto di chi, nel Pd, ha preferito votare il proprio partito ma contemporaneamente Pastorino (candidato a sinistra) o addirittura Toti, Presidente; leggendo, insomma, il voto ligure in chiave squisitamente politica, è chiara e nettissima, la vittoria tutta personale di Toti. Se si fosse candidato un leghista, come leader del centrodestra, non avrebbe vinto. Abbiamo la prova, manca la controprova. Ma certamente nessun leghista, oggi magari in ballo per un ruolo di governo regionale, se ne avesse possibilità tornerebbe indietro, con in mano la leadership per la campagna elettorale.

A sinistra, quei tantissimi che hanno individuato in quella paitiana una proposta annacquata, inopportuna e non autenticamente della propria area politica, l’avrebbero probabilmente lo stesso ingoiata, se l’alternativa era una possibile vittoria leghista. Dall’altro lato moltissimi voti moderati, senza la discesa in campo di Toti, sarebbero stati dispersi o direttamente inglobati dalla coalizione paitiana. Come avvenuto, appunto, durante le primarie, con una buona fetta partitica di Area popolare in appoggio della Paita e non solo.

 giovanni toti con dietro la bandiera dell'europa

La proposta elaborata da Giovanni Toti, pur nello scetticismo iniziale, ha saputo invece coalizzare e blindare l’intera area tra centro e atteso exploit leghista, soffocando gli avversari tra sinistra e moderati e trovando, così, il clamoroso successo. Oggi, il laboratorio proposto in salsa ligure da Renzi e sfruttato da Toti con la sua intuizione, si sta lentamente realizzando in chiave nazionale.

La sinistra si sta pigramente scindendo, il Pd perde pezzi. Cominciando proprio dalla Liguria con Cofferati e Pastorino, continuando (per ora) con Civati e Fassina. Gufi, per raccontarla nel linguaggio renziano, che hanno tratto il dado e attraversato il Rubicone, quale confine di un Pd che per loro non era più sinistra.

Il centro destra d’altra parte continua ad apparire come una complessa torre di Babele. Da Alfano a Salvini, è contemporaneamente maggioranza e opposizione. In Italia, quanto in Europa. In più, i moderati hanno perso la perenne possibilità di riunirsi contro l’atavico nemico rosso: di comunisti, oggi, ne sono rimasti ben pochi, anche grazie a Renzi che sta, appunto, cambiando l’identità della sinistra italiana.

Le elezioni si vincono al centro

Come sempre, in Italia, le elezioni si vincono al centro: ed è proprio al centro che un progetto vicino alla figura di Toti può covare maggiori chance di successo, rispetto a una leadership incarnata dalla figura di Matteo Salvini. La questione, oggi sopita, tornerà certamente di attualità: l’Italicum di Renzi rende ineludibile la ricerca di una lista unica di centrodestra, se quest’ultimo vuole almeno provare a battere il PD.

E il tema della leadership tornerà prepotentemente alla ribalta, contenendo nella discussione, inevitabilmente, anche il perimetro delle alleanze cucito intorno alla stessa. Intanto dopodomani, Mercoledì, si riunirà il primo Consiglio della regione Liguria, ed entro dieci giorni saranno annunciati i nomi della giunta, che ai più pare ormai blindata in un accordo che comprende tutte le aree della coalizione. Vedremo nei prossimi mesi se il laboratorio politico, vincente, di Giovanni Toti saprà trasformarsi anche in un’efficace proposta amministrativa e di governo. Dall’alto del suo ufficio in Piazza De Ferrari, nel frattempo, non mancherà certo uno sguardo su Roma.

Giorgio Borrini


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

5 comments
Moris Bonacini
Moris Bonacini

ha proposto di spostare la capitale della Liguria a Novi Ligure?

Nicola Romano
Nicola Romano

Certamente un laboratorio,per lo studio dei disturbi neurovegetativi.

Scordo Pietro
Scordo Pietro

da quella testa..esce qualcosa...ma lo vedete

Trackbacks

  1. […] su Affaritaliani (28/06/2015), Formiche (29/06/2015) e Termometro Politico […]

  2. […] Pubblicato su  Affaritaliani,  Formiche,  Termometro Politico. […]