•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 2 luglio, 2015

articolo scritto da:

Lettera di Berlusconi al Giornale: “L’Europa non può permettersi di perdere la Grecia”

berlusconi con il braccio destro in alto e l'indice puntato

Lunga lettera di Silvio Berlusconi inviata al direttore de Il Giornale sulla situazione in Grecia. In vista del voto sul referendum di domenica i sondaggi registrano grande incertezza. Il leader di Forza Italia sempre molto attento e sensibili alle vicende di natura internazionale compie una analisi della situazione europea. Per Berlusconi c’è la necessità di un intervento a favore della Grecia da parte dell’Europa.

Testo integrale – Berlusconi sul caso Grecia

Caro direttore, sono naturalmente anch’io molto preoccupato per la situazione della Grecia. Rischia di trasformarsi in un disastro non soltanto per i greci, un popolo amico e alleato dell’Italia, ma anche per l’idea stessa di Europa.

L’Europa non può permettersi di perdere la Grecia per ovvie considerazioni storiche e geo-politiche (la Grecia presidia uno dei confini più delicati del continente, un grande crocevia strategico), ma anche per una ragione di fondo: perdere la Grecia significa accettare l’idea che l’integrazione europea è reversibile, che dall’Europa si entra e si esce, che non siamo una comunità di popoli ma un club al quale accedere o da cui recedere, secondo le contingenze.

Non c’è dubbio, il governo greco ha enormi responsabilità in questa situazione. Tsipras rappresenta la sinistra peggiore, un mix di ideologia e di demagogia anticapitalista dagli effetti disastrosi. Ma come siamo giunti a questo? Perché i greci hanno eletto Tsipras? E perché tanti spagnoli votano Podemos, tanti italiani Grillo, tanti francesi Marine Le Pen? Perché questa Europa sta facendo fallire il sogno europeo. Essere davvero europeisti significa prenderne atto, e dirlo con chiarezza. Stiamo perdendo una grande occasione, dissolvendo il grande sogno di Schuman, di De Gasperi, di Adenauer. Il sogno nel quale è cresciuta la mia generazione. L’Europa di fronte alla crisi si è rivelata clamorosamente inadeguata. Invece di offrire una speranza per la ripresa, per lo sviluppo, si è limitata a riproporre regole stupidamente rigide, che hanno peggiorato le difficoltà delle economie più fragili. Alla Grecia l’Europa ha chiesto, giustamente, di effettuare riforme strutturali, necessarie per quanto dolorose, ma al tempo stesso le ha negato l’ossigeno per farle. Il governo Samaras, un governo responsabile, filo-europeo, guidato da Nuova Democrazia, un partito che appartiene come Forza Italia al PPE, è stato travolto proprio da questo paradosso che ne ha rallentato l’azione riformatrice. E così si è aperta la strada a Tsipras.

La formula adottata dalle istituzioni europee e internazionali di un “rigore senza sviluppo”, non soltanto non è accettata dai cittadini di molti Paesi europei, ma è avvertita – a torto o a ragione – come una scelta egoistica da parte dei Paesi più forti dell’Unione Europea. Tagli alla spesa pubblica e crescita della tassazione, insieme, determinano inevitabilmente effetti recessivi, ed è quasi impossibile risanare i conti di un Paese che non cresce. Se a questo si aggiungono l’assenza di qualsiasi garanzia sui debiti sovrani degli Stati, gli stessi effetti del Fiscal Compact, e la politica della BCE, recentemente corretta grazie a Mario Draghi ma che per lungo tempo ha negato liquidità alle economie in sofferenza, si comprende perché l’Europa sia stata vista, non a torto, da molti Paesi come un macigno sulle spalle e non come un’opportunità di sviluppo e di crescita.

Certo, dal punto di vista della Realpolitik non ha molto senso utilizzare, per gli Stati, la categoria dell’egoismo: la politica internazionale, infatti, si basa per larga parte sulla legittima tutela di interessi nazionali. E è proprio ragionando in termini di interesse che mi domando: a chi conviene perdere oggi la Grecia, domani magari la Spagna, dopodomani l’Ungheria, l’Italia o il Portogallo?

A nessuno. Credo invece che si debba porre con forza il problema di ridiscutere a fondo, radicalmente, le regole di convivenza in Europa. Non per smantellare l’Europa, ma per consentirle di andare avanti. Il mio governo si impegnò molto in questa direzione, e forse fu proprio questa una delle ragioni per le quali alcuni ambienti europei, agendo in modo miope oltre che scorretto, lavorarono per farlo cadere.

Oggi il futuro dell’Europa è nelle mani degli elettori greci che domenica si esprimeranno con un referendum. Ma comunque vada, da lunedì sarà nelle mani della lungimiranza delle leadership europee, e della loro capacità di cambiare rotta, regole e metodi immaginando un futuro per il nostro continente, così come fecero i Padri fondatori dell’Europa. Occorre mettere in campo politiche industriali illuminate, agire con leve fiscali a favore delle piccole e medie imprese, guardare con urgenza ai bisogni dell’economia reale come unico antidoto possibile per debellare la nefasta trasformazione in finanza dell’economia stessa.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

10 Commenti

  1. Luisa Bacocchia ha scritto:

    poverino sarà il caldo

  2. Carlo Carapacchi ha scritto:

    Il delinquente !

  3. Alessandro Sopetti ha scritto:

    ma lui non è con quelli che non vogliono più l’euro?

  4. Giuseppe Bonura ha scritto:

    MAI

  5. Marziale Galligani ha scritto:

    Assolutamente Sì.

  6. Marco Morandi ha scritto:

    poveri forzitalioti..

  7. Marco Camilleri ha scritto:

    Ritirati Silvio

  8. Giancarlo Cervoli ha scritto:

    no

  9. Umberto Hvalic ha scritto:

    e berlusconi non puo’ permettersi di perdere le sue olgettine…

  10. Eulano Poli ha scritto:

    Lo dice questo Signore che a perso tutto. Prima di tutto la dignità.

Lascia un commento