•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 8 luglio, 2015

articolo scritto da:

Escluso Renzi (e Italia) da Eurosummit, opposizioni provocano: sfidava qualcuno alla playstation?

matteo renzi e orfini mentre giocano playstation

All’Eurosummit vero e proprio hanno partecipato tutti i capi di Stato e di Governo dell’Unione europea. Da lì è arrivato l’ultimatum alla Grecia che entro domenica dovrà presentare la sua proposta seria e credibile. Prima della riunione vera e propria, conclusasi in tarda serata, c’è stato però un incontro preliminare.

Incontro a 4: Tsipras, Merkel, Hollande e Junker

Al tavolo “che conta”, secondo il parere di molti, c’erano, oltre ad Alexis Tsipras, la cancelliera Angela Merkel, François Hollande e Jean Claude Junker. Ne è rimasto escluso il nostro presidente del Consiglio Matteo Renzi. Una esclusione che non ha lasciato indifferenti le opposizioni ma nemmeno la più vasta opinione pubblica.

Il pedigree dell’Italia

“Della Ue siamo il terzo contribuente, la seconda industria, la terza economia. Ne siamo uno dei sei fondatori” ha fatto notare il direttore del tg di La7 Enrico Mentana. Eppure, avere questo pedigree non è bastato. A quel tavolo l’Italia non c’era.

Mentana: “Italia doveva essere a quel tavolo”

“Contare in Europa non è una pretesa nazionalista da frustrati” è questo l’attacco del post del giornalista e conduttore Enrico Mentana.  “Secondo un report di Exane Bnp-Paribas, lo stato italiano è complessivamente esposto nei suoi crediti verso la Grecia per ben 65,8 miliardi di euro. La Germania è esposta per 98,1 miliardi, la Francia per 75,3 miliardi, la Spagna per 45,3 miliardi. Già questo basterebbe per reclamare la nostra presenza in ogni summit sul debito di Atene” prosegue il direttore maratoneta.

Enrico Mentana, direttore Tg La7

Già nel 2010 l’Italia restò fuori

Ma l’assenza dell’Italia a quel tavolo, dal punto di vista storico, non ha rappresentato uno scenario inedito. A ricordarlo è lo stesso Mentana nel suo post su Facebook: “Nel 2010, quando ci fu il primo salvataggio di Atene, Germania e Francia ne approfittarono per salvare in realtà i loro istituti di credito, di cui fu azzerata l’esposizione, travasata di fatto sui crediti degli stati: le banche francesi avevano un’esposizione di 52 miliardi, quelle tedesche di 35 miliardi”. Anche allora l’Italia non c’era.

Le conseguenze: esposizione verso Grecia +450%

Eppure “anche le nostre banche erano esposte. Sì, ma per soli 4 miliardi. Vedi caso in questi 5 anni la Francia ha così ridotto la sua esposizione verso la Grecia del 30% (23 miliardi in meno!), mentre l’Italia l’ha vista esplodere del 450%, 33 miliardi in più”, conclude il direttore.

“Un danno al nostro Paese a vantaggio indebito di altri”

“Essere assenti dalle riunioni in cui si fanno le scelte più importanti e riservate non è un problema di immagine o di prestigio. È un danno al nostro paese a vantaggio indebito di altri” sostiene Mentana. Alla maratona di Atene, come è stata ribattezzata l’ultima fase della crisi ellenica, anche grazie al successo del direttore del tg de La7, l’Italia ha assistito da spettatrice. Una posizione che ha dato adito a polemiche e sfottò soprattutto dai più critici nei confronti del governo Renzi.

Carfagna: “Renzi gioca a PlayStation?”

Ironico il commento via Twitter dell’onorevole Mara Carfagna, portavoce di Forza Italia alla Camera: “Incontro a quattro Tspiras, Merkel,  Hollande, Juncker sulla Grecia prima dell’Eurosummit e Matteo Renzi dov’è? Sta sfidando qualcuno alla PlayStation?”.

Le opposizioni rimarcano l’inutilità dell’Ue

Sull’onda della polemica soprattutto M5S e Lega Nord che come risaputo sono i più critici nei confronti dell’Europa e dell’euro. Da questi ultimi l’Unione è inesistente se a decidere è sempre e solo l’asse franco-tedesco.

Renzi inascoltato: “Non serve format a due”

Il momento non è dei più facili per Matteo Renzi. Il premier ha dovuto mandar giù anche il boccone amaro dell’esclusione dal quel tavolo. A nulla è servita la telefonata alla Merkel e ad Hollande e sottolineare che “non serve un format a due”. Lui e l’Italia a quel tavolo non c’erano.

 


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

5 comments
Mario Krogh
Mario Krogh

Impostazioni tutte sbagliate. Rispetto della democrazia non è né il referendum greco, in cui 3-4 milioni di greci pretendono di decidere per 3-400 milioni di cittadini europei, né l'aggiunto di un posto al tavolo "che conta" (e perché no anche la Spagna, Paesi Bassi, Irlanda ecc.?). La giusta proposta sarebbe stata molto semplice: stabilire che eventuali emendamenti ad un'ipotesi di accordo e la sua ratifica fossero discussi e approvati dal parlamento europeo, unica vera democratica espressione della sovranità popolare europea.

Mario Lanata
Mario Lanata

Finalmente si vede quando pesa il 40.8 del PD. ...purtroppo