•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 10 luglio, 2015

articolo scritto da:

Stop ai vitalizi, ma soltanto per dieci ex deputati e otto ex senatori

Stop vitalizi: Il Consiglio di Presidenza del Senato ha revocato il vitalizio a otto ex senatori condannati in via definitiva per reati di particolare gravità, quali reato di mafia o terrorismo, o reati contro la Pubblica Amministrazione con pene superiori ai due anni e per reati comuni con condanne definitive superiori ai due anni di reclusione per delitti non colposi, consumati o tentati, per i quali sia prevista la pena della reclusione non inferiore nel massimo a sei anni. La decisione del Senato è avvenuta poche ore dopo l’annuncio dell’Ufficio di Presidenza di Montecitorio che aveva tolto il benefit a 10 ex deputati.

La Camera aveva già deciso in precedenza di far cessare il vitalizio per gli ex deputati, così come ha fatto anche il Senato, lo scorso 7 maggio. I nomi degli ex parlamentari condannati è stato trasmesso alle Camere dal Dipartimento affari giuridici del ministero della Giustizia. Dal ministero è arrivato un elenco di 11 ex Onorevoli, ma la cessazione è stata disposta soltanto per 10, perché l’undicesimo (un condannato a 2 anni e 9 mesi) ha un cumulo di reati che non rientrano tutti nelle fattispecie della delibera dell’Ufficio di presidenza. E’ stato così disposto un ulteriore accertamento. A non percepire più tale vitalizio saranno: Massimo Abbatangelo (ex deputato di Msi), Giancarlo Cito (ex sindaco di Taranto, ex Msi, oggi in Fi), Robinio Costi (ex Psdi); Massimo De Carolis (ex Dc); Francesco De Lorenzo (ex ministro della Sanità, ex Pli); Giulio Di Donato (Ex Psi); Pietro Longo (Ex Psdi); Raffaele Mastrantuono (Ex Psi); Gianstefano Milani (ex Psi) e Gianmario Pellizzari (ex Dc). Per quanto riguarda gli ex senatori, tra i nomi: Berlusconi, Cecchi Gori, Dell’Utri, Girfatti, Inzerillo, Moschetti, Righetti e Squitieri.

berlusconi dell'utri e cecchi gori uno di fianco all'altro in un collage

 

Secondo quanto si è appreso all’Ufficio di Presidenza, a votare a favore sono stati Pd, Ap e Sel, astenuti Lega e M5S, mentre Fi ha abbandonato i lavori.

Il vitalizio viene attualmente percepito da 1.548 deputati, dei quali 346 hanno più di 80 anni, età al compimento del quale viene eliminata l’iscrizione al casellario giudiziale. Su questi ultimi non è stato possibile un accertamento, che ha quindi riguardato solo 1.202 ex deputati. Per questo, i presidenti di Camera e Senato, Laura Boldrini e Pietro Grasso hanno inviato due lettere, una per il rispettivo ramo del parlamento, alla Corte di Cassazione per cercare di capire chi ha ricevuto condanne e provvedere in seguito allo stop del vitalizio.

Dura la polemica di Luigi Di Maio (M5S), vicepresidente della Camera, in merito alle decisioni dell’ufficio di presidenza della Camera: “mentre tanti altri condannati – i cui reati non furono inseriti nella delibera – sono tutti salvi. Quei 10 mi fanno quasi pena”.

Chiara Cappitta

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

2 Commenti

  1. Nico Ted ha scritto:

    STOP vitalizi a tutti i politici. Un operaio deve lavorare 40 anni circa per avere una misera pensione, ai politici bastano dai sei mesi a due anni per avere il vitalizio a vita.VERGOGNA. Ma quando finirà mai questa storia.

  2. Giuseppe Bonura ha scritto:

    Benissimo

Lascia un commento