•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 20 luglio, 2015

articolo scritto da:

Manovra fiscale. Parla Yoram Gutgeld, il guru di Renzi: ecco dove prenderemo i soldi

Per recuperare le risorse necessarie a ridurre le tasse «agiremo su tre fronti. Il primo è quello dei tagli alla spesa pubblica: 10 miliardi nel 2016, che aumenteranno negli anni successivi. Il secondo è la crescita dell’economia, che potrà essere più alta del previsto grazie anche alla riduzione delle tasse. Il terzo è il margine che esiste tra il deficit in rapporto al prodotto interno lordo ora previsto e quello che potrà diventare per favorire la ripresa pur senza oltrepassare il 3%». Così Yoram Gutgeld, consigliere economico del premier Matteo Renzi, in un’intervista al Corriere della Sera.

Yoram Gutgeld in primo piano

 

Di quanto si potrà salire sul deficit? «Dipende dalla trattativa che faremo con la Commissione europea. Osservo che per il 2016 lo spazio tra l’1,8% e il 3% vale circa 20 miliardi mentre nel 2017 si sale a 30 miliardi. Questo per dire che il margine di manovra è ampio». Lo slittamento del pareggio strutturale di bilancio? «Uno dei criteri nuovi di valutazione ottenuti con il semestre italiano di presidenza della Ue è la flessibilità delle regole di bilancio in relazione alle riforme. E noi stiamo facendo riforme ampie e profonde. Quanto al debito, dopo 7 anni, comincerà a ridursi e questo, insieme al rispetto del deficit non oltre il 3%, sono i paletti fondamentali per giudicare i conti pubblici. In questo quadro un eventuale nuovo rinvio del pareggio strutturale di bilancio può starci». L’economista sottolinea poi che dal 2017 «il taglio del prelievo fiscale tornerà a concentrarsi sulle imprese», con l’obiettivo «di rendere conveniente per le imprese italiane ed estere investire nel nostro Paese». «Noi – dice Gutgeld – diciamo fin d’ora che nel 2017 ci sarà una riduzione del prelievo tra Ires e Irap di circa 15 miliardi l’anno».

Condividi su

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

21 Commenti

  1. Antongiulio Banelli ha scritto:

    Senza essere economista, posso elencare le tre criticità del progetto del signor Gutgeld:
    1) I tagli alla spesa pubblica in Italia hanno riguardato, più che gli sprechi, istruzione e sanità. Impoverendo già sul breve-medio periodo la popolazione, come contano di sostenere la crescita?
    2) Le stime più ottimiste vedono un tasso di crescita sullo 0,7%: cioè, niente.
    3) La terza parte è legata direttamente al punto 2.

  2. Tommaso Magistretti ha scritto:

    Ma c’è ancora gente che crede a questi magliari? Nemmeno pagano le imprese, cazzoni!

  3. Gino Stefanini ha scritto:

    Sempre la spesa pubblica, loro dicono che tagliano le tasse, ma poi i sindaci, se vogliono andare avanti, devono aumentare. C’è un detto: è lo stesso, o alzi la camicia o abbassi le mutande.

  4. Giovanni Mangione ha scritto:

    Sgravi soprattutto alle imprese. Taglio alla spesa pubblica ( sanità? Scuola?). Quindi taglio ai servizi fondamentali in cambio del contentino su sgravi alla prima casa.. .

  5. Fabrizio Bina ha scritto:

    Guru di sto cazzo al soldo di un cazzaro. Non posso pensare che questa marmaglia decida delle sorti di un popolo intero.

  6. Sergio Bianchi ha scritto:

    Ahahahahahahahahahahahahahahah

  7. Rino Casella ha scritto:

    Aria fritta. Ennesima manovra elettorale a debito! E poi sentenziamo sulla Grecia!

  8. Giancarlo De Luca ha scritto:

    Chi l’economista israeliano consulente delle multinazionali? No grazie!!

  9. Giommaria Derudas ha scritto:

    Caspita , ma allora questo ‘guru’ vale più di monti e padoan messi insieme? Mi scuso per la minuscola. Quindi anche questo stregone sta facendo i compiti a casa che la famigerata Troika dal 2011 sta imponendo a quegli stati con debito pubblico troppo alto al fine di affamare sempre più il popolo bue , cieco e sordo .

  10. Mario Lanata ha scritto:

    ridurre i servizi….. questo è il punto d’arrivo…….drammatico….

  11. Mario Lanata ha scritto:

    ridurre i servizi….. questo è il punto d’arrivo…….drammatico….

  12. Anna Maria Marazzi ha scritto:

    Caspita ma quanti esperti! Perché non andate voi al governo! !

  13. Beppe Roca ha scritto:

    Come no… La Tasi verrà inglobata nella sedicente Service tax. Cambia per l’ennesima volta nome, ma loro diranno che abbiamo abolito la tassa…

  14. Marco Natoni ha scritto:

    Taglio le tasse e la spesa pubblica, così quello che risparmi in tasse lo spendi per pagarti i servizi che ho tagliato. È talmente geniale che non poteva davvero pensarci nessuno primaoooOOPS!

  15. Luigi Torrone ha scritto:

    Ma vaffanculo tu ed il tuo assistito

  16. Tommaso De Falco ha scritto:

    Dalle solite tasche!
    perchè dove li vuoi prendere?
    Mica hai pensato ai Vostri privilegi ?
    Alle vostre pensioni d’oro ?
    O volete tagliare i ” viveri ” agli amici degli amici, come i Gestori del gioco d’azzardo , cui già avete regalato 98 mld di Euro ?
    No ! Forse li vai a prendere dagli ” amici ” evasori ?
    Ma vai a cagare tu e l’altro cazzaro del tuo capo !

  17. Giovanni Lombardi ha scritto:

    ma mi faccia il piacere!!!!!!!!!!

  18. Sandro Di Spigna ha scritto:

    ….dalle tasche dei soliti noti !!!

  19. Assunta Rullino ha scritto:

    e chist ra ro esciut

  20. Dario Erjavec ha scritto:

    Ma che schifezza…. Un bieco McKinsey israeliano puro eletto in Abruzzo. Ma che c’azzecca questo con l’Abruzzo e con l’Italia? Il terminale del Mossad nel parlamento Italiano, e il referente della finanza ebraica nel pool di coloro che stanno guatando il nostro oro. Siamo colonizzati da tutti e governati da pallide figure di quinto piano che pensano alla loro misera pagnottina…

  21. Quadrelli Stefano ha scritto:

    sarebbe già una ottima cosa non avere i due punti di IVA in più a fine anno, e per quelli devono ancora trovare 15 milirdi !

Lascia un commento