•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 25 luglio, 2015

articolo scritto da:

Taglio TASI: la UE boccia il progetto di Renzi, “prioritario tagliare le tasse sul lavoro”

Taglio Tasi, foto delle bandiere fuori la Commissione Europea

Taglio TASI: la UE boccia il progetto di Renzi, “prioritario tagliare le tasse sul lavoro”

Evidentemente a Bruxelles la pensano come la pensava il PD, renziani in testa, fino a poco tempo fa, ovvero che sia una mossa inutile e non prioritaria.

Questo emerge dall’intervista alla Stampa di Dobrovskis, il vicepresidente della Commissione europea. Il lettone, in passato primo ministro del proprio Paese per il partito New Era, affiliato al PPE, afferma che “noi non suggeriamo in genere agli stati di ridurre le imposte sugli immobili perché non riteniamo sia un tipo di tassa che va a detrimento della crescita”, come invece quelle sulle imprese e sul lavoro, che impediscono gli investimenti.

Taglio Tasi, Dobrovskis foto

Ribadisce invece: “le nostre raccomandazioni economiche hanno posto nuovamente l’accento sull’esigenza di ridurre la pressione fiscale sul lavoro, cosa che l’Italia ha già cominciato a fare”.

Taglio TASI, per Dobrovskis l’Italia deve rispettare il raggiungimento del pareggio di bilancio come promesso per il 2018

Di fronte alla tentazione renziana di abbassare le tasse sugli immobili facendo nuovo deficit, ovvero non riducendo come promesso quello esistente, Dobrovskis risponde: “dal punto di vista della Commissione è importante che l’Italia segua il Programma di stabilità delineato col Def, che prevede il pareggio nel 2018, che passa attraverso un deficit/Pil all’1,8 per cento nel 2016 e allo 0,8 per cento nel 2017, è un piano ambizioso e il suo rispetto costituirebbe un determinante passo avanti”.

Non è una presa di posizione inaspettata considerando che la TASI, nelle sue varie forme di fatto esiste in tutta Europa, come abbiamo sottolineato.

Renzi vorrebbe spingere invece su questi tagli ribadendo un concetto tipico della sua narrazione, ovvero che questo tipo di manovre, nonostante siano accusate di essere “di destra” o “berlusconiane”, sono in realtà di sinistra, in quanto non tolgono servizi ai cittadini, ma rimettono in tasca ai ceti più bassi del denaro, come avvenuto con i famosi 80€.

Taglio Tasi, una casa finta e un euro in bilico

Tuttavia è sulla tipologia di tagli, prima delle tasse sulla casa, e poi sulle imprese, che è già cominciata la querelle, che non è certo destinata a spegnersi, e vedrà un attore molto ingombrante prendere posizione, a Commissione Europea

 

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

Donnie Trumpo

Donnie Trumpo

articolo scritto da:

4 Commenti

  1. Frammenti di Utopia ha scritto:

    65 anni di progetto europeo, 23 anni di Unione Europea.
    Dalla dichiarazione di Robert Schuman all’odierno euroscetticismo dilagante a vista d’occhio nella patria e nella culla di Schuman.
    Sogno di mille ed una notte europeo
    https://goo.gl/nsCtM7

  2. Maurizio Chierici ha scritto:

    ma bisogna fare i tagli che portano voti

  3. Giampy Liberodire ha scritto:

    Ma dice anche che la service tax dovrebbe pagarla chi abita nellacasa e non il proprietario che ne perde il possesso…ma si sa che e’piu’facile tassare chi ha qualcosa e in piu’essendo pochi non ne paghi il prezzo politico….che politica vile…..

Lascia un commento