•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 30 luglio, 2015

articolo scritto da:

Ripresa economica: Confindustria vede rosa, accelera il PIL

ripresa economica, curve sulla produzione industriale e sul fatturato

Da un po’ di tempo a questa parte il consueto report mensile del Centro Studi di Confindustria appare come un grande manifesto di ottimismo verso la sorte dell’economia italiana.

A viale del’Astronomia del resto da tempo è stato deciso di puntare sul governo Renzi come unica speranza per l’uscita da una crisi che è stata senza precedenti dal Dopoguerra e ha lasciato sul terreno innumerevoli aziende come vittime.

L’analisi della congiuntura economica e le previsioni per i prossimi mesi di conseguenza appaiono molto positive.

Ripresa economica: produzione industriale ed export in aumento

La produzione industriale come si vede sotto dopo la delusione della ripresa abortita del 2014 accelera, e va a +0,8% nel secondo trimestre, dopo il +0,5% nel primo. La dinamica del fatturato è ancora migliore e i valori del 2013, il vero e proprio minimo, sono superati.

ripresa economica, curve sulla produzione industriale e sul fatturato

In particolare il dato più positivo viene dal fatturato di provenienza domestica, +4,3% da settembre a maggio contro un +2,9% di quelle estere.

Infatti il recupero dei consumi dopo anni di calo è confermato, sono aumentati dello 0,5% in aprile e maggio rispetto al trimestre precedente, e in primis le automobili, +2,1%

Allo stesso modo è previsto che venga un contributo positivo anche dall’export, +1,3% ad aprile-maggio 2015, in linea con il +1,4% del primo trimestre di quest’anno, esportazioni trainate dall’Asia, +2,7%.

In effetti aumentano parallelamente anche le importazioni, a causa dell’incremento della domande interna.

ripresa economica, curve sull'export

E’ prevista una accelerazione della domanda mondiale, dopo la battuta d’arresto del primo trimestre, e infatti gli indici previsionali PMI sugli ordini esteri e manifatturieri in particolare sono sopra la soglia di 50 che segnala l’espansione, rispettivamente a 50,8 e 56,2

A queste dinamiche ovviamente ha contribuito la svalutazione dell’euro verso il dollaro, che è finita a marzo, ma cui è seguita una stabilità del cambio su valori molto più bassi di un anno fa, circa sul 1,10 dollaro per un euro (era 1,05 a marzo e 1,35 in media nel 2014)

ripresa economica, curve con i cambi euro-dollaro

Inoltre, fattore forse anche più importante visto il peso crescente di queste destinazioni delle nostre esportazioni, l’euro si è svalutato rispetto a un anno fa anche rispetto allo yuan e alla sterlina, per più del 10%, e allo yen, per quasi l’8%. La previsione di una permanenza di questi cambi bassi fa stimare una spinta nel 2015 per maggiori esportazioni e quindi una maggiore ripresa economica.

Ripresa economica: per Confindustria crescita PIL nel 2015 a +0,8%, oltre le previsioni UE

Il grande ottimismo del Centro Studi di Confindustria fa apparire positive anche le dinamiche di quegli indici che in realtà hanno ancora valori negativi, per esempio il giudizio sugli ordini interni delle imprese manifatturiere di beni di consumo o di beni di investimento, che sono ancora ampiamente negativi, a -18 i primi e a -25 i secondi. Tuttavia si è avuto un miglioramento essendo stati nei momenti peggiori, ovvero a metà 2013, sotto i -35 e i -55

ripresa economica, curve dei giudizi dei produttori di beni di consumo e di investimento

Così il credito alle imprese, che continua a calare, dello 0,1% al mese nei primi mesi del 2015, e hanno proseguito ad aumentare le sofferenze bancarie, a 138 miliardi, il 17,6% dei prestiti, ed erano 25 miliardi e il 2,9% nel 2008.

Il Centro Studi di Confindustria sottolinea come il calo nel credito si stia fermando e soprattutto come i tassi di interessi ormai sono calati ai minimi da anni, al 2,2%

ripresa economica, curve sul credito

In realtà questi sono elementi di debolezza che indicano come la ripresa economica sia sempre in pericolo, ma Confindustria sembra vedere questi dati ancora negativi come gli ultimi rimasugli di una crisi ormai terminata.

Piuttosto viene sottolineato come la crescita potrà addirittura essere superiore a quella fin qui ipotizzata, quindi del 0,8% nel 2015 contro una previsione della Commissione europea dello 0,6%, che vediamo dal prospetto pubblicato in primavera:

ripresa economica, tabella con nomi di Paesi e percentuali

Come si vede l’Italia rimarrebbe al di sotto della media UE del 1,5% anche con una crescita dello 0,8%, ma sarà importante vedere, dopo anni in cui ogni previsione è sempre stata rivista al peggio, se sarà possibile invece avere una accelerazione rispetto alle stime.

Infine i toni più ottimistici sono quelli che riguardano l’occupazione, che è vista finalmente in ripresa. Qui il Centro Studi di Confindustria liquida come un incidente passeggero il calo di occupazione di maggio, -0,3% mensile, e invece ricorda l‘aumento record di aprile, +131 mila occupati, e l’incremento dello 0,3% dell’occupazione in aprile e maggio considerati insieme rispetto al primo trimestre.

Anche le risposte positive degli operatori sulle attese di occupazione sono finalmente più numerose di quelle negative

ripresa economica, curve e istogrammi sul numero di occupati

Rimane l’incognita di una disoccupazione che non scende, anche per l’aumento della forza lavoro e la diminuzione degli inattivi, e che per esempio la Commissione Europea nel prospetto di cui sopra stima anche per il 2016 sopra il 12%.

I prossimi mesi saranno fondamentali per osservare se i desiderata e l’ottimismo di Confindustria troveranno riscontro.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

1 comments
Frammenti di Utopia
Frammenti di Utopia

Fallimento del P.I.L. come indicatore nel misurare il benestare della popolazione, automatizzazione della produzione, nuove filosofie industriali e produttive che unite ad avere un sostegno economico permanente attendono la follia di un mondo che strizza l’occhio alla qualità di vita senza affannarsi da una guerra di cifre statistiche. Il problema della sindrome economica di Stoccolma. https://goo.gl/6CleWf