•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 10 agosto, 2015

articolo scritto da:

Minoranza PD, Damiano stoppa le polemiche: “Non possiamo uccidere in eterno i nostri leader”

foto di Cesare Damiano riforma delle pensioni

“A Bersani, Cuperlo, Speranza e a me stesso dico: non possiamo uccidere in eterno i nostri leader, uno dopo l’altro, appena varcano la soglia di Palazzo Chigi. È già capitato, purtroppo, nel passato”. A porre un simbolico ramoscello d’ulivo nei confronti di Matteo Renzi è l’ex ministro Cesare Damiano, esponente della minoranza PD. Intervistato da Repubblica, Damiano spiega le possibili conseguenze di un mancato sostegno all’attuale segretario nonché premier: “Se però si mette sotto il governo sul ddl Boschi, giocando di sponda con le opposizioni, si apre una falla. Si presta il fianco a Grillo e Salvini, che vogliono elezioni anticipate. Un vuoto di potere sarebbe disastroso per l’Italia”.

rimpasto foto Damiano

Damiano sul ddl Boschi

L’ex ministro è molto autocritico riguardo alle modalità con cui si è giunti all’attuale leadership: “Ai compagni della mia generazione vorrei ricordare che se Renzi è il segretario-premier, questo è frutto anche delle nostre scelte, che alcuni giudicano come incapacità e contraddizioni”. E spiega: “Io renziano non sono. E sicuramente non lo diventerò. Il mio impegno è correggere gli errori, a volte grossolani, del governo. Non ho digerito quello commesso, purtroppo, sui licenziamenti collettivi”.

Tra le proposte da modificare, c’è il ddl Boschi “da modificare. Penso alle proposte di Zanda e di Martina. Serve un listino per eleggere i nuovi senatori in occasione delle Regionali”. Ma poi arriva l’avvertimento sul Senato elettivo: “Ma non bisogna toccare l’articolo due, altrimenti si torna al bicameralismo”.

Manconi: “Compito garantire unità è di Renzi”

Alle parole di Damiano, segue l’intervento del senatore Pd Luigi Manconi: “Mi auguro che si sappia tutti tenere a bada l’irresistibile pulsione scissionista che percorre da sempre la sinistra italiana. Più che un tragico errore politico, sarebbe una sesquipedale sciocchezza”.  Manconi aggiunge: “Ma, se evitare la scissione è responsabilità di tutti, il compito fondamentale di garantire l’unità del partito è, va da sè, di Matteo Renzi. Dunque, trattare negoziare mediare. E ancora trattare negoziare mediare”. Poi la precisazione: “Per parte mia, ho sottoscritto gli emendamenti presentati dalla minoranza del Pd, ma certo non sono interessato a sommare il mio voto a quelli degli xenofobi e dei reazionari di destra e di sinistra”.

 

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: