•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 10 agosto, 2015

articolo scritto da:

Senato semielettivo, minoranza Pd si oppone: “Sarebbe un pasticcio”

riforma del senato: le ipotesi in campo

Il Senato semielettivo potrebbe essere il compromesso tra il Governo e le opposizioni, prima fra tutte quella della minoranza Pd, per portare avanti le riforme costituzionali. Ma minoranza Pd tuona: “Sarebbe un pasticcio”. La discussione sull’articolo 2 del ddl Boschi, quello che introduce la non eleggibilità del Senato, è appena iniziata ed i tempi per la sua conclusione sembrano lunghi. Intanto si ingrossano le file dei favorevoli al Senato elettivo.

Chiti: “Inutile aggirare problema”

Il ministro delle Politiche agricole Martina ed il sottosegretario Pizzetti, hanno tentato la mediazione ed hanno incassato la risposta di Vannino Chiti: “Inutile aggirare problema di fondo: per garantire il diritto di eleggere i senatori bisogna rivedere l’ art.2. Altrimenti si fanno pasticci. Martina-Pizzetti dicono di voler l’elezione dei senatori, ma non vogliono modificare l’articolo 2. Nasce il Senato semi-elettivo. Come se volessero navigare verso l’India e si ritrovassero in America”.

Min. Martina: “Se facciamo insieme, la sintesi si trova”

A stretto giro, la replica dello stesso Martina: “Abbiamo rilanciato una proposta per costruire con spirito unitario innanzitutto nel PD una soluzione avanzata sulla composizione del nuovo Senato delle Autonomie”. Il ministro, ottimista, prova a ricucire: “C’è spazio per individuare una modalità di partecipazione diretta dei cittadini alla composizione del nuovo Senato nel solco del lavoro fatto fino a qui. Così come rimane necessario rivedere il titolo V e riorganizzare le regioni. Non è una iniziativa di qualcuno contro qualcun’altro. Mi auguro che non ci siano pregiudizi sul merito e che tutti si sforzino di trovare punti di convergenza. Se facciamo insieme questo lavoro la sintesi si trova”.

Il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina

Intanto su Twitter, il ministro ha detto la sua anche in merito agli emendamenti presentati da Calderoli: “Calderoli prepara chili di emendamenti per bloccare riforme, Ocse certifica crescita economica dell’Italia. La differenza tra passato e futuro”.

Gotor: “Necessario creare clima politico nel Pd”

Verso l’apertura al dialogo nelle file democratiche, anche l’intervento del senatore Miguel Gotor: “La decisione di riaprire art.2 dipende dal presidente del Senato, ma se non vogliamo rischiare il fallimento di questo processo riformatore, è necessario creare un clima politico nel Pd, in Parlamento che favorisca la sua decisione. Tanto più che l’art. 2, essendo stato modificato dalla Camera, dovrà comunque essere votato dall’aula e potrebbe essere respinto”.

Brunetta: “Mattarella esamini numeri del Governo”

Intanto l’opposizione di Forza Italia al Governo Renzi, si materializza nelle parole del capogruppo alla Camera Renato Brunetta che attacca: “In merito alle riforme e ai numeri del governo, con rispetto, domandiamo al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, di esaminare la questione nella sua oggettività drammatica e alla luce dei precedenti più immediati”.

“Governo non ha maggioranza in Parlamento”

Brunetta fa notare: “Questo governo non ha la maggioranza in Parlamento (oltre che nel Paese): 176 senatori su 320 hanno firmato emendamenti depositati che bocciano la grande riforma costituzionale che l’attuale premier ha indicato come colonna portante e senso stesso del suo mandato di Presidente del Consiglio. Invocare l’ordalia, il muro contro muro, su una materia per la quale è decisivo l’ampio consenso di Parlamento e di opinione pubblica, è qualcosa di pericoloso e disperato”.

Il capogruppo di Fi alla Camera Renato Brunetta

Contro Napolitano: “Scarsissima sensibilità istituzionale”

Ma il capogruppo di Fi ha voluto rispondere alle parole di Giorgio Napolitano che si era esposto in favore della riforma del Senato. Brunetta ricorda quanto accaduto nel novembre 2011, quando “per molto meno, senza alcuna bocciatura, ed anzi dopo un voto favorevole della Camera dei deputati, il Presidente Napolitano convocò Silvio Berlusconi e gli impose le dimissioni”. Quindi l’attacco all’ex Capo dello Stato: “Ora, con scarsissima sensibilità istituzionale e personale, il Presidente emerito Napolitano cerca di precostituire una strada per il suo successore, chiedendo con il suo silenzio di avallare una sorta di moral suasion di un Quirinale ombra”.

L’attacco a Renzi: “Numero esagerato fiducie”

Brunetta risponde anche al presidente del Consiglio Renzi: “Inutile che il premier faccia riferimento alle 46 fiducie fin qui ottenute. Proprio il numero esagerato dice che Renzi ha dovuto piegare costantemente con la logica della prova di forza la propria maggioranza. Ha dovuto farlo su questioni secondarie e dopo aver in ogni modo impastato compromessi non da governo serio, ma da non-governo”.

Anche Crimi del M5S contro intervento Napolitano

Il capogruppo alla Camera di Fi, incassa il sostegno del M5S. Vito Crimi, dal blog di Grillo: “Qualcuno dovrebbe spiegarci perché il senatore Giorgio Napolitano non vuole che il futuro Senato della Repubblica sia eletto dai cittadini”. Crimi prosegue: “Qualcuno dovrebbe spiegarci perché il senatore Giorgio Napolitano vuole un senato di consiglieri regionali, nominati da altri consiglieri regionali, scelti fra consiglieri regionali, o almeno fra quelli che non sono stati ancora raggiunti da custodie cautelari, avvisi di garanzia, o condanne”.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

14 comments
Giancarlo Cervoli
Giancarlo Cervoli

ma come si fa ad accettare che due camere "nominate"debbano legiferare sulla pelle degli elettori? Questi devono almeno sentire e avere la responsabilità della delega.questa classe politica non merita tanta fiducia.

Valeria Nari
Valeria Nari

Il senato va bene come è stato proposto dalla Boschi ,tanto la min dem non si accontenta mai , a loro interessa mettere Renzi ed il governo in difficoltà per piacere personale e delle riforme a questi non importa nulla .

Vito Casale
Vito Casale

Yes ma ovviamente la minoranza dem deve dire semore solo no sembrano i 5s

Rodolfo Bolla
Rodolfo Bolla

A chi potrebbe interessare una semi democrazia?

Albino Iacovone
Albino Iacovone

A CHI ORA VUOLE QUALCOSA DI DIVERSO ALL’INTERNO DEL PD. INVITO A LEGGERE LA SEGUENTE DICHIARAZIONE E SE NON E' VERO SMENTITELA!!! “” Il sottosegretario per le Riforme Luciano Pizzetti, che con il ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Maurizio Martina si è incaricato di promuovere la proposta, elaborata dal capogruppo Pd al Senato Luigi Zanda e respinta dalla minoranza dem, di eleggere i consiglieri regionali che siederanno in Senato in "listini dedicati", non andando dunque a toccare l'art.2 del ddl Boschi, è andato a rileggersi come nel 1996 l'Ulivo di Romano Prodi voleva superare il bicameralismo perfetto. "Nel programma si legge: il Senato dovrà essere trasformato in una Camera delle Regioni, composta da esponenti delle istituzioni regionali che conservino le cariche locali e possano quindi esprimere il punto di vista e le esigenze della regione di provenienza. Il numero dei senatori (che devono essere e restare esponenti delle istituzioni regionali) dipenderà dalla popolazione delle regioni stesse, con correttivi idonei a garantire le regioni più piccole. Le delibere della Camera delle Regioni saranno prese non con la sola maggioranza dei votanti, ma anche con la maggioranza delle regioni rappresentate. I poteri della Camera delle Regioni saranno diversi da quelli dell'attuale Senato, che oggi semplicemente duplica quelli della Camera dei Deputati. Alla Camera dei Deputati sarà riservato il voto di fiducia al governo. Il potere legislativo verrà esercitato dalla Camera delle Regioni per la deliberazione delle sole leggi che interessano le regioni,oltre alle leggi costituzionali". "Questo era quello che scrivevamo venti anni fa - conclude Pizzetti -. Dunque nè Senato generalista nè Bundesrat. Vent'anni di pasticci o vent'anni perduti e da recuperare? La coerenza paga. Le furbizie no". ( Fonte:La Repubblica.it -10/08/2015)

Rudi Vittori
Rudi Vittori

Meglio eliminare una delle due camere che mantenere i senatori non eletti

Manassero Roma Emanuele
Manassero Roma Emanuele

No le soluzioni sono due o lasci il senato elettivo come adesso , oppure soluzione migliore lo abolisci e pace...