•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 14 agosto, 2015

articolo scritto da:

Riforma della giustizia, Toti: “Forza Italia è pronta se Renzi vuole attuarla, ma nessuno scambio”

toti in primo piano con dietro logo forza italia

Giovanni Toti, neogovernatore ligure e stretto collaboratore di Silvio Berlusconi, in un’intervista al Corriere della Sera ha parlato di due tematiche al centro del dibattito odierno: riforme e immigrazione.

Ma non è sulla riforma del Senato che Toti si vuole concentrare, bensì su quella della giustizia. Ad aprire l’intervista una premessa importante: “Nessuno deve permettersi di parlare di scambio”, perchè di “scambi” e “patti” se ne parla ogni giorno e il governatore sembra volersene tenere fuori. “Una volta chiarito questo, se Matteo Renzi è disposto a discutere con noi in modo serio di una riforma della giustizia, noi ci siamo. E ci saremmo anche se le sue risposte sulla riforma del Senato non fossero quelle che noi vogliamo”. “Questo però – tiene ancora a ribadire l’esponente di Fi – non significa che sono temi che possono diventare merce di scambio per concessioni sulle riforme istituzionali, su cui la nostra posizione non cambia, sia per quanto riguarda l’elezione dei membri del Senato, sia per quanto riguarda il passaggio dal premio di lista al premio di coalizione nell’Italicum”.

giovanni toti in primo piano con dietro simbolo forza italia

Punti fondamentali della riforma che Toti vorrebbe – insieme a tutta Forza Italia – sono “separazione delle carriere dei giudici, con l’istituzione di un doppio consiglio superiore, uno per chi giudica l’altro per chi indaga. Poi, limitazione all’uso della carcerazione preventiva. E ancora, fermare i continui abusi sulle intercettazioni. Ribadisco, se Renzi vuole mettere mano a una riforma seria della giustizia, Forza Italia è già pronta”. Aggiunge inoltre che, disdegnando patti e stravolgimenti di accordi “nel chiuso di una stanza”, Fi è “un’opposizione responsabile” pronta a fare sul serio riguardo problemi e tematiche importanti come quella della giustizia.

In Senato Renzi traballa

Non manca poi certo nelle parole di Toti una dura critica al premier che, in un Senato “traballante”, sta cercando di far passare le riforme costituzionali servendosi dei voti  “del peggior trasformismo della Prima Repubblica…“. Il riferimento è chiaramente a Verdini, anche se non ammesso per esplicito.

Immigrazione: “La Chiesa deve fare la Chiesa lasciando che la politica faccia la politica”

In merito invece all’infiammato dibattito sull’immigrazione e al recentissimo commento del leader della Lega, Matteo Salvini, che ha definito il segretario Cei Galantino “un comunista”,  Toti ha detto che “se è comunista non lo so. Dico però che se si fosse risparmiato le uscite infelici avrebbe fatto il bene di tutti“. Ha poi aggiunto che ” La Chiesa deve fare la Chiesa lasciando che la politica faccia la politica. Sono due mestieri diversi”. “Mi spiega perché ricette adottate nelle democrazie più apprezzate da noi debbano essere bollate come xenofobe? Mi spiega perché paesi come l’Australia e gli Stati Uniti si muovono seguendo queste direttrici e noi no? Salvini- conclude il governatore – sul punto, ha ragione”.

 

 


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

9 comments
Amadori Mario
Amadori Mario

niente scambi uauauauaua che cazzo siete pronti a cosa?uauauauaua

Nicola Michele Donvito
Nicola Michele Donvito

Insistono.. hanno troppa paura di finire in galera questi criminali che hanno distrutto l'Italia e continuano a farlo!

Luigi Cristalli
Luigi Cristalli

La cosa inquietante, per me, nasce dal fatto che Governo e teorica opposizione parlano di possibile intesa sulla riforma della Giustizia come se già conoscessero i reciproci propositi riformatori e li ritenessero compatibili fra loro.