•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 14 maggio, 2014

articolo scritto da:

1996, Renzi imita Berlusconi in una recita parrocchiale

“Qui a Rignano abbiamo quei baffetti stalinisti del sindaco che ci fanno schifo”, Matteo Renzi, 1° giugno 1996. Clamoroso e divertente lo scoop di Striscia la Notizia che ieri sera ha mandato in onda un vecchio filmato che ritrae l’allora ventunenne Presidente del Consiglio alle prese con una recita parrocchiale nella sala teatrale di Rignano sull’Arno, pariodia del Maurizio Costanzo Show.

Indovinate qual era il personaggio interpretato dal giovane Matteo… proprio lui, Silvio Berlusconi. Giacca e cravatta, impomatato e con un paio di improbabili occhiali, il giovanissimo Renzi (allora militante dei comitati Prodi e del Ppi) snocciola il classico repertorio del leader di Forza Italia: dal celebrrimo “mi consenta” al “creiamo un nuovo miracolo economico”, finendo con il più classico “forza Rignano”. Infine non poteva mancare il siparietto canoro, durante il quale il futuro premier intona una rivisitazione de “Il ragazzo della via Gluck” di Adriano Celentano.

https://www.youtube.com/watch?v=ifhAgkjtpKg#t=147

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

6 Commenti

  1. Giuseppe Bonura ha scritto:

    Gli stronzi ,non si imitano

  2. Pierfrancesco Catapano ha scritto:

    …e col tempo si è perfezionato

  3. Fulvio Ugo De Lucis ha scritto:

    due vermi usciti dalla stesso umus

  4. Massimo Dannazione ha scritto:

    L’importante che non imiti il pazzo, nazista, omicida grillo

  5. Bruno Dezi ha scritto:

    ha cominciato a imitarlo se si è così fin da piccoli occorre dire che ci si nasce e non ci si diventa

  6. Amaya Wonder Ferrari ha scritto:

    Renzi è spregiudicatissimo, E’ un delinquente politico, io penso questo di lui. E’ un democristiano digitale, si muove su un frame, ha la capacità di cogliere l’attimo, è velocissimo. Ma è quasi solo quello. Io non gli girerei mai le spalle, non gli darei mai il portafoglio”. Questo è quanto pronunciato da Giorgio Airaudo nel fuorionda raccolto durante la registrazione di Taxi Populi, http://tv.ilfattoquotidiano.it/2014/05/15/sel-fuorionda-shock-di-airaudo-renzi-e-delinquente-politico/279563/

Lascia un commento