•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 19 maggio, 2014

articolo scritto da:

I tragici dati del PIL del primo trimestre, l’Italia sprofonda in Europa

Gli ultimi dati sul PIL sono stati una doccia fredda, il calo congiunturale dello 0,1% non era atteso e mette in pericolo i progetti ambiziosi del governo Renzi, ma ci fa capire che molti dei nostri problemi sono strutturali e non dipendenti dalla crisi economica

Il primo trimestre 2014 ha riservato diverse cattive sorprese, l’Italia è calata dello 0,1% a dispetto di attese di un +0,2%, in Portogallo dello 0,7% contro attese di +0,1%, i Paesi Bassi addirittura hanno perso il 1,4% contro attese di crescita zero.

Solo la Germania ha fatto meglio delle attese crescendo dello 0,8%, ma vediamo tutti i dati dalla seguente mappa:

L’Ungheria, a dispetto delle polemiche sulla natura troppo conservatrice del suo governo, affianca la Polonia come guida della crescita in Europa, almeno a livello congiunturale. L’Estonia come al solito si differnzia dal resto dei Paesi Baltici, anche se ora in negativo e segue in recessione la vicina Finlandia.

A livello tendenziale, forse i dati sono più interessanti perchè anno su anno, vediamo cosa succede:

L’Italia è l’unico Paese assieme a Grecia e Cipro che prosegue nella recessione in atto da anni, visto che Finlandia, Estonia e Paesi Bassi, per ora sono new entry, mentre Spagna e Portogallo ne sono uscite con crescite rispettivamente dello 0,6% e del 1,2%.

La Francia a fianco di una crescita zero congiunturale mette a segno uno 0,8% tendenziale, ed è sempre la Germania a sorprendere con ben un + 2,3%.

Al solito le performances migliori sono di Inghilterra ed Est Europa, in particolare Polonia, Ungheria e Romania.

Quello che più di tutto dovrebbe farci preoccupare è il peggioramento de vero dato che certifica il fallimento del modello italiano, il gap di crescita con gli altri Paesi europei, che , lo sappiamo, è una realtà dal 1995, ma è poi proseguito e negli ultimi 3 anni è peggiorato:

Se tracciamo un grafico del differenziale di crescita con la Germania il gap è costante, molto pesante, sopra il 2% e a volte il 3%. Migliora nei confronti della Francia, ma solo perchè i transalpini hanno cominciato a soffrire di difetti simili ai nostri, mentre peggiora verso quelli che erano nostri compagni di sventure, verso Spagna e Portogallo abbiamo un gap negativo per noi, mentre tre anni fa crescevamo di più, o meglio decrescevamo di meno. Persino nei confronti della Grecia, che ora scende solo del1,1% dopo avere toccato abissi del -8% in singoli trimestri, il gap si assottiglia velocemente.

Sono quelle stesse riforme che anche la Francia non ha fatto, e si ostina a non fare, che con la loro assenza ci relegano in queste condizioni, e senza avere la soldità delle aziende e del sistema Paese francese. Il recupero di produttività spagnolo e portoghese, avuto con grandi sacrifici, è stato invece salutare e il confronto con i Paesi iberici è impietoso.

Non giova il fatto che a Palazzo Chigi dopo due anni e mezzo sia tornato il populismo politico, quello che considera economisti come burocrati, i loro avvisi come “gufate”, che pensa sia un problema solo di domanda e di avere più “soldi nelle tasche degli italiani”, e non di più competitività, che pensa che ormai i sacrifici giusti siano stati fatti, anche se non sono state toccate nè riformate le pensioni retributive, e la gran parte del mercato del lavoro, quella a tempo indeterminato.

Qualche brillante ha già cominciato a dire che la responsabilità è della Germania, che avrebbe la colpa di avere avuto la governance più lungimirante d’Europa forse?

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: