•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 19 maggio, 2014

articolo scritto da:

Il Benfica fa triplete. I perchè della rinascita del calcio lusitano

Benfica

Anche il Benfica ha conquistato il suo ‘triplete’. La squadra di Lisbona ha vinto la sua 25ma Coppa del Portogallo, battendo 1-0 il Rio Ave nella finale che si è giocata a Lisbona. Le ‘aquile’ di Jorge Jesus si sono imposte grazie a una rete segnata dall’attaccante Nico Gaitan al 20° minuto. Il successo di oggi si aggiunge alla vittoria del campionato e della Coppa di lega. La grande stagione del Benfica, nell’anno della scomparsa, avvenuta il 5 gennaio scorso di Eusebio, il giocatore simbolo del club portoghese, è stata completata dalla finale di Europa League persa poi a favore del Siviglia nella sfortunata finale di Torino, il 7 maggio scorso. Il Benfica non vinceva la Coppa del Portogallo dal 2004, e non faceva la doppietta Coppa-Campionato dal lontano 1987.

 benfica campione

Le azioni del Benfica e del Porto sono i titoli di borsa calcistici che hanno fatto meglio in Europa da inizio 2014. Lo ha rivelato un’inchiesta di Milano Finanza sugli investimenti nel mondo dello sport. In particolare, spiega il settimanale finanziario, l’azione del Benfica, nonostante un rosso di bilancio 2012-2013 di 10,4 milioni, da inizio anno ha registrato una crescita del 54% che ha consentito di recuperare tutta la perdita accumulata a partire dal 2011. La conquista del 33° scudetto, oltre alla cavalcata in Europa League dove il club che fu di Eusebio è arrivato sino alla finale, ha sostenuto i corsi del titolo del club di Lisbona in questa prima parte di 2014, sfruttando anche il fatto che il club biancorosso ha molti tifosi al di fuori del Portogallo

Nello stesso periodo anche i rivali del Porto, nonostante la stagione deludente che li ha visto concludere il campionato soltanto in terza posizione, hanno beneficiato di un’ottima performance di borsa da gennaio in poi, +33%, spiegabile però anche dal fatto che negli anni scorsi l’azione dei Dragoni aveva perso molto.

Insomma, spiega il settimanale finanziario, se c’è ancora incertezza tra i massimi esperti del ranking Uefa sull’eventuale sorpasso del Portogallo ai danni dell’Italia nel ranking Uefa, in borsa non ci sono dubbi su chi sta avendo la meglio, considerando che le tre squadre di Serie A quotate, ovvero Roma, Lazio e Juventus, i cui titoli da inizio 2014 hanno registrato una crescita dell’o,81% nel caso dei biancocelesti, una perdita del 2,9% in quello dei bianconeri e un calo del 25% nel caso della società di Pallotta.

Il titolo della società giallorossa, infatti, occupa l’ultima posizione in graduatoria del 2014, ma va detto che aveva corso molto negli ultimi mesi del 2013, in virtù dell’ottimo avvio di campionato della squadra allenata da Rudi Garcia e per via anche di un’intensa attività di speculazione relativa a indiscrezioni su un possibile ingresso di partner cinesi nel capitale della società. Normale che, una volta verificata l’inconsistenza delle voci, il titolo sia sgonfiata.

Sulla scia di quelle voci, tra l’altro, lo scorso ottobre registrarono una forte impennata anche i titoli di Lazio e Juventus, per quelle leggi non scritte di borsa secondo le quali quando un’azione accelera in maniera sostenuta traina dietro di sé l’intero comparto. Così il titolo della Juventus dopo quella impennata ha via via perso l’abbrivio (con un ultimo calo in concomitanza della recente eliminazione dall’Europa League ad opera del Benfica). Guardando all’arco temporale degli ultimi tre anni, invece, si nota che il titolo del club bianconero ha pagato l’aumento di capitale varato nel 2012 per coprire le pesanti perdite, oltre 95 milioni, registrate del club nella stagione 2010-11. Il titolo Lazio infine risulta stabile (sia nell’arco temporale dei quattro mesi e mezzo del 2014 sia in quello delle ultime tre stagioni). Un’azione solida, dunque, quella del sodalizio di Lotito?. No, soltanto trattata poco o niente nelle contrattazioni

Il settimanale finanziario si chiede inoltre da dove nasca questo boom portoghese. Secondo gli osservatori, si legge nell’inchiesta, alla base c’è una componente finanziaria.

benfica

Come è emerso infatti da un recente studio dell’Eca (l’associazione europea dei club) le squadre portoghesi sono quelle che in Europa fanno maggior uso dei fondi che investono nei cartellini dei calciatori, i cosiddetti Tpo, dall’inglese Third Party Ownership. Questi fondi finanziano le società di calcio in modo che possano acquistare i giocatori, con rimborsi previsti entro tre stagioni. Le squadre possono così mantenere i calciatori e ripagare il debito oppure in alternativa venderli e restituire i soldi del prestito oltre a una percentuale dei ricavi dalla cessione. Insomma, si tratta di una sorta di affiancamento finanziario per far crescere quei club che non si dispongono di ingenti capitali.

Questo fenomeno, nato in Sudamerica, ha preso sempre più piede in Portogallo nelle ultime stagioni. Tutte le tre grandi storiche del calcio lusitano, ossia Porto, Benfica e Sporting, hanno costituito un fondo di investimento con l’obiettivo di avvantaggiarsi ulteriormente di questa situazione. Il Benfica, per esempio, ha costituito il Benfica Stars Fund con una società controllata del Banco Espírito Santo, uno dei maggiori istituti di credito portoghesi. Invece in altre nazioni, prima fra tutte l’Inghilterra, queste operazioni sono vietate, anche se venerdì 16 maggio è arrivata la notizia che il fondo Doyen ha dichiarato di voler trattare con le istituzione britanniche e di voler investire 200 milioni Oltremanica nelle prossime stagioni. Il rischio, secondo quanto viene da più parti paventato, oltre all’opacità finanziaria dietro numerosi trasferimenti, riguarda la stessa attività dei Tpo, che in alcune occasioni arriva a occuparsi di baby-calciatori, spesso provenienti da Paesi poverissimi, ponendo quindi un problema di ordine etico da non sottovalutare

Questa situazione, ha spiegato a Milano Finanza uno dei maggiori dirigenti del calcio italiano, sta creando non pochi imbarazzi nell’Eca, dove i club tedeschi, italiani e inglesi sono contrari, mentre quelli portoghesi o spagnoli (la rivelazione continentale Atletíco Madrid fa ampio uso dei Tpo) strizzano l’occhio a questi intermediari. Sta di fatto che l’eco del problema è arrivata fino alle massime istituzioni calcistiche. L’Uefa infatti vuole vietare questa pratica, mentre la Fifa, dove la componente sudamericana è significativa, ha proposto di discuterne in giugno al congresso di San Paolo.

Anche in Turchia le positive performance delle tre big Galatasaray, Fenerbache e Besiktas hanno una spiegazione finanziaria. I titoli azionari dei tre club di Istanbul sono certamente spinti dalla crescita economica de Paese, ma beneficiano anche di una fiscalità più leggera rispetto ad esempio ai club italiani in termini di compravendita di calciatori, come ha spiegato l’amministratore delegato della Juventus Beppe Marotta in occasione di un convegno organizzato a Castellanza all’università Liuc sul tema calcio&business

In collaborazione con Calcio & Finanza


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

1 comments
Sandro Santececca
Sandro Santececca

Ha vinto tutto in campionato, ma non in Europa.. Dove sta la rinascita del calcio portoghese?