•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 18 ottobre, 2015

articolo scritto da:

Renzi e il mistero dei pagamenti in contante a quota 3000

renzi in camicia bianca e cravatta celeste

Tra i fulcri della “narrazione” renziana c’è sempre stata la rivisitazione di alcune scelte del centrosinistra (cioè, il suo schieramento politico) degli ultimi anni.

Il principio della rottamazione si basa proprio su questo presupposto, teso ad azzerare gran parte della classe dirigente della sinistra nostrana.

In questo senso fu quanto mai significativa, tra le tante, la presa di posizione di Matteo Renzi (quando ancora non era premier e si limitava a sfidare Bersani alle primarie di coalizione) sul governo Monti.

Il Partito Democratico sostenne quel governo tecnico, in nome della responsabilità nazionale e dello spread verso i 600 punti base. Un’esperienza che però per forza di cose col tempo si è logorata venendo intaccata definitivamente, per quanto riguarda la sua credibilità, dalla “salita in campo” di Mario Monti in politica.

In questo modo il premier popolare agli occhi degli italiani per la sua distanza dalla politica, diventava uno dei tanti. Uno dei tanti da colpire attraverso gli strali dell’antipolitica dilagante.

Ancor prima della discesa in campo di Monti e prima delle primarie del centrosinistra, Renzi definiva l’esperienza del governo dei tecnici “senz’anima” rivendicando il primato della politica.

Una mossa lungimirante tesa nel contingente a differenziarsi su questo fronte dalla scelta bersaniana di schierare il Pd con Monti nel 2011.

In un’ottica di questo tipo può essere vista la scelta, per molti singolare, di elevare a 3000 euro la possibilità di effettuare pagamenti con contante nella Legge di Stabilità 2015.

Come ricorderete, il governo Monti cercò (prima di diventare appunto come tutti gli altri) di marcare un cambio di passo rispetto alla politica anche per quanto riguarda la lotta all’evasione fiscale. Da qui i famosi blitz a Cortina durante le vacanze natalizie del 2011. Un cambio di passo ancor più marcato essendo l’esecutivo montiano successivo al quarto governo Berlusconi, controverso per quanto concerne il tema della lotta all’evasione.

Nonostante tutto è evidente a tutti che questo desiderio di cambio di passo aveva dei limiti nel suo essere una misura spot. Da qui la critica di Renzi, che sottolineava come l’evasione si combattesse coi fatti e non coi blitz notturni nella provincia di Belluno.

Un assist all’allora sindaco di Firenze che però aveva anche una funzione strategica per Renzi, che in questo modo attaccando Monti non criticava solo i blitz, ma si rendeva un interlocutore per tutti quegli elettori che molto spesso vedevano la tassazione nel nostro paese troppo elevata. Così elevata dal legittimare alcuni elementi di evasione fiscale. Un elettorato così forte da aver determinato uno spaccato sociale, capace di fare la differenze al momento delle elezioni rendendo maggioritario il centrodestra nel paese.

Ecco perché Renzi parla così poco di evasione fiscale. Ecco perché porta avanti una misura singolare come l’innalzamento a 3000 per l’uso del contante.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

15 Commenti

  1. Alberto Tosetto ha scritto:

    i 3mila euro non hanno il minimo legame con l’evasione, anche se il limite fosse 1 euro, se pago in nero non ho fattura quindi me ne fotto del limite. E’ solo una leva per aumentare o diminuire il consenso di alcune fasce convinte del contrario. Non per nulla il 70% degli italiani è contento di questo cambio. (completamente inutile)

  2. David Bianchi ha scritto:

    Per prendere i voti degli evasori.

  3. Giampiero Censorii ha scritto:

    ..1000 erano un pò pochi, ma 3000 forse sono troppi….., anche se non ho mai visto fare un assegno a chi paga in nero ….

  4. Carlo Massarotto ha scritto:

    Fasce, non fascie. Imparatevi l’italiano, perdio.

  5. Cesare Erri ha scritto:

    Per questo, prima vanno levati dalla circolazione i biglietti da 500, poi, definitivamente, i contanti.

  6. Virginio Andreuzza ha scritto:

    La cosiddetta moneta elettronica non è a gratis. Ad ogni pagamento la banca ci guadagna, o da chi paga o da chi incassa. Riducendo l’uso del contante si toglie spazio alla piccola evasione di artigiani e commercianti, aumentando i già notevoli costi bancari e di burocrazia, ma non si intacca minimamente la grande evasione, quella che accumula capitali nei paradisi fiscali per intenderci, e tanto meno le multinazionali che le tasse non le pagano rispettando scrupolosamente le leggi. Sarebbero necessari provvedimenti che colpissero i grossi evasori e non i piccoli che cercano in qualche modo di sopravvivere.

  7. Marco Camilleri ha scritto:

    Tosetto ma non scassare la minkia tu e il PD…

  8. Alberto Tosetto ha scritto:

    Non mangiare troppo marco che non lo vedi più poi la sotto xD

  9. Cp84Papini ha scritto:

    tweetpolitica TermometroPol IO NON CI VEDO CHIARO, SOTTO SOTTO CE’ TANTA EVASIONE , PENSO CHE LE FIAMME GIALLE GLI STIANO ALLE COSTOLE

  10. Maria Damaso ha scritto:

    In Italia ci sono molti evasori grandi, piccoli e aspiranti. Renzi non può perdere tutti questi voti.

  11. Pierfrancesco Catapano ha scritto:

    allora n’avete capito: è per recuperare consensi tra quei bottegai evasori che sostengono casalercio associati ma non si identificano coi fascisti, altrimenti starebbero con salvini. È il vuoto elettorale lasciato libero dalla mummia di berlusnano.

  12. Pierfrancesco Catapano ha scritto:

    la gente onesta non ce li ha tremila euro cash per i pagamenti.

  13. Marco Corvi ha scritto:

    Chissà perché? Forse perché come diceva Eugenio Visco, ex ministro delle finanze, gli evasori votano……. se uno vuole sconfiggere o combattere l’evasione deve mettere in conto un calo di consensi!!!!

  14. Luciano Artero ha scritto:

    e chi nn puo’ evadere neanche 1 cent?

  15. ElizaHotz ha scritto:

    La società Crédit Mutuel mi ha salvato dall’impasse finanziaria, in cui mi sono trovata in me, la concessione di un credito di 95.000 euro per una durata di 17 anni, in modo che i miei sogni diventano realtà.Vi lascio il loro indirizzo di posta elettronica:
    Creditmutuel022@hotmail.fr 
    ALEXMARAN6116@gmail.com

Lascia un commento