•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 23 maggio, 2014

articolo scritto da:

Leoluca Orlando torna alle origini e va verso il Pd

Orlando verso il Pd: le voci si erano fatte sempre più insistenti nelle ultime settimane. Ora c’è la conferma, a poche ore dall’apertura dei seggi per le elezioni europee Leoluca Orlando, sindaco di Palermo, scende pubblicamente in campo per sostenere il Partito Democratico, e lo fa in prospettiva di una possibile futura sua ricollocazione all’interno dell’area moderata di centrosinistra.

orlando

Una decisione, quella di Orlando (detentore di grandi risorse di mobilitazione elettorale nella sua città), che potrebbe portare preziosissimi voti a un partito che in Sicilia non ha ancora saputo interpretare il malcontento verso la vecchia classe politica di centrodestra travolta da scandali e arresti, malcontento intercettato dal Movimento Cinque Stelle, che punta a bissare il successo delle scorse politiche, quando da solo raccolse più voti dell’intera coalizione di centrosinistra.

Non a caso in molti nel Pd (da Corradino Mineo al segretario regionale Fausto Raciti) salutano con grande soddisfazione il “rientro” di Orlando, il quale nel 1999 fece confluire la sua creatura politica – La Rete – nei Democratici di Prodi, che a loro volta entrarono poi nella Margherita, uno dei partiti fondatori del Pd. Una sorta di ritorno alle origini, potremmo dire, dettato anche da necessità di carattere locale.

Orlando, lo ricordiamo, è a capo del Mov139, nato lo scorso giugno dalle ceneri di un’Italia dei Valori (di cui Orlando è stato dal 2006 uno degli esponenti più in vista) ormai decimata sul piano elettorale e irrilevante su quello politico. A Mov139 aderirono inizialmente quasi tutti i consiglieri comunali di maggioranza (ben 30 eletti nel gruppo Idv, l’unico partito a sostegno di Orlando in grado di andare oltre il 5% previsto dalla legge elettorale siciliana per poter entrare in assemblea) alcuni dei quali hanno poi, nel corso di questi mesi, abbandonato il progetto politico per confluire in altre formazioni. Proprio la risicata maggioranza di cui la giunta palermitana dispone attualmente, infatti, potrebbe essere uno dei motivi per cui il popolare e “storico” sindaco (al suo quarto mandato) ha scelto di riavvicinarsi al partito del presidente Renzi, nonostante i tanti dissapori accumulatisi negli ultimi anni. Ricompattare la squadra per proseguire senza intoppi il mandato, per poi puntare alla riconferma con l’appoggio del Pd. È evidente che, da solo, il carisma non basta.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

Donnie Trumpo

Donnie Trumpo

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

9 Commenti

  1. Massimo Siliato ha scritto:

    Uno che prende il 70% a Palermo e aveva il padre in odore di Mafia puo’ stare o con il PD o con il PDL .

  2. Massimo Siliato ha scritto:

    Uno che prende il 70% a Palermo e aveva il padre in odore di Mafia puo’ stare o con il PD o con il PDL .

  3. Alessandro Il Bardo Bardelli ha scritto:

    le origini ?? era democristiano …. quindi si troverà a casa propria

  4. Alessandro Il Bardo Bardelli ha scritto:

    le origini ?? era democristiano …. quindi si troverà a casa propria

  5. LaNebbia E La Neve ha scritto:

    Trottola trottola

  6. Fernando Savorana ha scritto:

    io penso che stia con chi può garantire consenso fattivo alle sue idee

  7. Massimo Siliato ha scritto:

    Lo penso anche io . Con La Mafia .

  8. Roberto Cipollone ha scritto:

    suca

  9. Eugenio Trovato ha scritto:

    avete la colla attacata al culo delle poltrone altro che origini!

Lascia un commento