•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 4 giugno, 2014

articolo scritto da:

Caos Scelta Civica, si dimettono Giannini e Romano. Ora la palla passa a Balduzzi

scelta civica

La notte ha portato consiglio. Dopo la lunga assemblea al chiaro di luna, sono arrivati i primi verdetti: via Giannini e Romano, dentro Balduzzi. Non sono i cambi di Italia-Lussemburgo in vista del mondiale, si capisce, ma il principio di un cambiamento radicale ventilato da qualche tempo all’interno di Scelta Civica. Il ministro dell’Istruzione ha rassegnato quest’oggi dimissioni irrevocabili da segretario del partito e a ruota è stata seguita anche dal capogruppo alla Camera. Il reggente sarà Balduzzi, ex ministro della Salute del governo Monti, che entro il 18 giugno dovrà proporre una nuova idea di partito o comunque sondare le varie anime dei centristi per capire cosa fare del progetto Scelta Civica. Certo è che le ultime consultazioni elettorali sembrano aver dato il colpo di grazia al partito montiano: uno scarno 0,8% rispetto al 10% delle politiche del 2013 quantificabile in una perdita di più di 2 milioni e mezzo di voti.

Mario Monti nel 2011 era il nuovo padre della patria. Idolatrato da tutti i giornali, tutte le televisioni e da tutto (o quasi) il Parlamento. Il “loden” di Monti, il sobrio professore… sembrava il Cincinnato che abbandonava la Bocconi (non proprio un orticello) per salvare la patria dalle disgrazie del duo Berlusconi-Tremonti. Un governo tecnicissimo di 13 mesi, le elezioni di febbraio scorso, poi più nulla. Oggi è invisibile ai radar. Non parla da mesi, in televisione non si vede più, in Senato manco per sogno. Eppure Scelta Civica ha appoggiato fedelmente i governi Letta e Renzi (anche perché avrebbe un potere contrattuale assai limitato). Il partito è spaccato: alcuni vorrebbero entrare nel Pd visto l’ultimo risultato elettorale (la corrente cattolica è ancora molto forte) e altri seguire i “diversamente berlusconiani” di Alfano per “ricostruire il centrodestra”.

monti

“Ho rassegnato oggi le dimissioni da presidente del gruppo parlamentare di Scelta Civica alla Camera dei Deputati, allo scopo di favorire una riflessione autentica e priva di qualsiasi ostacolo politico e personale sul futuro del movimento nel quale sono stato eletto deputato nel febbraio 2013 e che nel voto per le Europee ha registrato una chiara ed inequivocabile sconfitta” ha scritto Andrea Romano oggi sul suo profilo facebook. L’ex capogruppo rappresenta quella fazione di Scelta Civica pronta a seguire il premier che sta portando avanti “riforme urgenti e indispensabili, sia per restituire ossigeno ad un paese che merita finalmente di risorgere sia per rispondere con efficacia alla sfida del populismo antipolitico che rischia di minare le basi della nostra democrazia repubblicana e dunque la nostra stessa convivenza civile”.

 


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

12 comments
Antonio Augello
Antonio Augello

E si Ma i soldi se li fottono Mica li ridanno agli Italiani

Mimmo Ristori
Mimmo Ristori

SC sono in 32; 16 formeranno un nuovo partito: scelta civilissima; ma andate a..............!

Miky Isola
Miky Isola

Dovrebbero provare a candidarsi in Germania l'ha forse sarebbero molto apprezzati o forse no?