•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 7 giugno, 2014

articolo scritto da:

Gay Pride a Roma, l’appello al premier Renzi: “Matteo, mettici la faccia”

L’appuntamento è per oggi pomeriggio alle 15.00, in Piazza della Repubblica a Roma. La capitale si tinge d’arcobaleno per il Gay Pride 2014, il corteo a sostegno dei diritti del mondo gay e della “piena dignità e uguaglianza per tutte e tutti a prescindere dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere”. Quest’anno, al centro della manifestazione, giunta ormai alla ventesima edizione, il bilancio di due decenni di richieste inascoltate. Un dialogo, quello fra istituzioni, cittadini e associazioni, mai avviato su temi come quello delle coppie omosessuali o delle unioni civili. La mancanza, ancora oggi, di una legge conto l’omostransfobia e  il vuoto normativo intorno allo ius soli. Niente sembra essere cambiato in vent’anni, dal primo corteo che il 2 luglio 1994 attraversò per la prima volta le strade di Roma Capitale. 

gay pride

“Matteo mettici la faccia. Fuori i diritti” questo l’appello che, da giorni, gli organizzatori dell’evento hanno rivolto al premier Matteo Renzi, raccogliendo in un videoblob tutti gli interventi e le dichiarazioni dell’allora rottamatore nelle diverse campagne elettorali, per la premiership e la segreteria del partito, prima della nomina a Presidente del Consiglio. Una vera e propria campagna di sensibilizzazione con tanto di hastag: #matteometticilafaccia. Preoccupate le associazioni e gli attivisti arcobaleno che temono di cogliere nell’attività dell’attuale esecutivo una sorta di continuità con i governi precedenti. A 100 giorni dal’insediamento, per esempio, non è stata ancora assegnata la nomina alle Pari Opportunità, ricordano gli organizzatori. Mentre, sul fronte della scuola, si fanno sempre più insistenti le voci che il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, sia propensa ad una rivalutazione delle linee guida per gli interventi contro omofobia e transfobia nelle scuole, accogliendo così “le richieste restrittive e retrograde delle associazioni integraliste”. Segnali preoccupanti, se si tiene conto del fatto che l’Italia è il fanalino di coda, agli ultimi posti in Europa, per l’assenza di una legislazione a tutela delle coppie dello stesso sesso. 

Intanto, per il corteo di oggi pomeriggio non è prevista nessuna presenza di esponenti del governo. Annunciata, invece, già da tempo, la partecipazione del sindaco di Roma, il democratico Ignazio Marino. Dura la replica dei consiglieri pentastellati della giunta romana che, dal blog di Beppe Grillo, attaccano: “leggiamo con stupore che il sindaco marino oggi sarà al gay pride. Diciamo stupore perché la maggioranza Pd che lo sostiene da mesi non calendarizza la nostra proposta per le unioni civili”. Forfait anche per Iavan Scalfarotto, sottosegretario alle riforme e ai rapporti con il Parlamento, da anni in prima fila per i diritti degli omosessuali e dichiaratamente gay. “Fino a venerdì sono fuori per impegni elettorali. Se comunque dovessi partecipare, lo farei a titolo personale”, si è affrettato a dichiarare il sottosegretario dem. 

In contemporanea al corteo del Pride Roma 2014, questo pomeriggio è prevista anche la ‘Marcia per la Famiglia‘, organizzata da Forza Nuova. Il corteo, previsto per le 16.00, partirà da Piazza Mazzini per arrivare fino a Castel Sant’Angelo. Sulla pagina Facebook di Forza Nuova si legge “noi marceremo in quello giusto” riferendosi al corteo. “Difendiamo la #famiglia naturale. Stop #omofollia” l’hastag ufficiale del corteo.

Carmela Adinolfi

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

6 Commenti

  1. Pierfrancesco Catapano ha scritto:

    secondo me senza gay pride e marjuana million march già avremmo le unioni civili e i coffee shop. Se vuoi essere preso sul serio fai il serio. Boh, pensiero mio…

  2. Mario Bertoli ha scritto:

    pagliacci pidioti

  3. Matteo Busoni ha scritto:

    Mettici anche il culo!

  4. Mimmo Ristori ha scritto:

    Con tutto il rispetto, sinceramente, ha altro a cui pensare ora!

  5. Fioravanti Lorena ha scritto:

    deve dare la precedenza acose più importanti!!!!!!!!!!!!!!!

  6. Angelina Di Gregorio ha scritto:

    Sono prioritarie le unioni civili o il lavoro e la lotta alla corruzione?

Lascia un commento