•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 12 giugno, 2014

articolo scritto da:

Mondiale 2014: se ci fosse la Jugoslavia

mondiali-2014-jugoslavia

Il 27 Aprile 1992, dopo 47 anni di vita, cessava di esistere la Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia.
La Jugoslavia, che univa i popoli di Bosnia ed Erzegovina,Croazia, Macedonia, Montenegro,Serbia, Kosovo, Voivodina e Slovenia, ha segnato la storia europea degli ultimi decenni e provoca ancora oggi accese discussioni.
Alla vigilia dell’inizio del Mondiale, che si aprirà con il match tra Brasile e Croazia il pensiero non può che soffermarsi sulle vicissitudini del popolo balcanico, incapace ieri come oggi di vivere in serenità e collaborazione.
Se si volesse rimanere all’interno del recinto calcistico tuttavia una domanda sorge spontanea: che squadra sarebbe oggi la Jugoslavia? Sulla carta una delle Nazionali candidate al successo finale.
Handanovic
Già dalla selezione dei portieri si comprende il potenziale della “fantasquadra”: Handanovic, Brkic e sloveno Oblak, in forza al Benfica.
In difesa spazio all’esperienza dei vari Vidic, Ivanovic e Kolarov, ben supportati da giovani talentuosi e ben conosciuti nel calcio italiano: Vrsaljiko, Savic, Nastasic e Tomovic.
Progredendo verso la metà campo si migliora in qualità ed esperienza. Tra i possibili centrocampisti infatti figurano i due croati Modric e Rakitic, vincitori rispettivamente della Champions e dell’Europa League con Real Madrid  e Siviglia.
Ma non è finita qui: oltre al giovane Kovacic, anch’egli croato,ed al talentuoso Matic figurerebbero campioni del calibro di Pjanic, Ilicic oltre agli “oriundi” Behrami e Shaqiri, entrambi di origine kosovara.
Modric Rakitic
Il vero fiore all’occhiello della selezione jugoslava però è senza dubbio l’attacco.
E’ in questo reparto che la concorrenza si fa più spietata e l’abbondanza regna sovrana: oltre ai titolari Dzeko, Jovetic, Ljajic, Mandzukic e Januzaj scalpitano giocatori come Vucinic, Matavz, Markovic, Sulejmani e Pandev.
Una squadra fortissima, che unisce quantità e qualità, gioventù ed esperienza. Per completare quello che vuole essere solo un gioco di fantasia manca la guida tecnica.
Il ct ideale ha un identikit preciso, e corrisponde al totem Srecko Katanec.
L’ex allenatore di Slovenia, Olympiacos, Macedonia, Emirati Arabi Uniti e attuale selezionatore della Slovenia sarebbe la persona giusta per unire giocatori di origine diversa in un unico grande sogno: battere il Brasile all’esordio del Mondiale e conquistare la finale.

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento