•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 13 giugno, 2014

articolo scritto da:

Cagliari e Sampdoria: la Serie A cambia pelle

Il mese di Giugno ha segnato un cambiamento importante nella nostra Serie A.
Due presidenti “storici” come Cellino e Garrone infatti lasciano rispettivamente il Cagliari e la Sampdoria dopo anni di gioie e dolori.
A Cagliari Massimo Cellino era l’indiscusso patron da ormai 22 anni, ma dopo l’acquisto del Leeds United, società inglese , datata 1 Febbraio 2014, l’imprenditore sardo ha deciso di lasciare il calcio italiano cedendo il Cagliari a Tommaso Giulini.
Giulini
Quest’ultimo, proprietario della Fluorsid, ha pagato ben 48 milioni per assicurarsi l’intera proprietà del club sardo: una cifra ingente che manifesta la volontà di portare a Cagliari entusiasmo attraverso il calcio spettacolo. Non a caso l’unica certezza che accompagna il neo-presidente Giulini è la volontà di puntare su Zdenek Zeman.
L’allenatore boemo sarebbe l’uomo giusto per dar vita ad un progetto giovane e affascinante, tuttavia come ogni estate diversi club (tra cui Pescara e Bologna) sono pronti a dar battaglia per assicurarsi la guida di uno degli allenatori più discussi e allo stesso tempo amati in circolazione.
A Genova invece la trattativa che ha portato al cambio di proprietà ha spiazzato un po’ tutti, tifosi e giornalisti. Nel segreto più totale infatti la famiglia Garrone ha deciso di abbandonare il calcio cedendo la Sampdoria al vulcanico imprenditore cinematografico Ferrero.
Ferrero e Garrone
A differenza del caso-Cagliari però la nuova gestione blucerchiata intende seguire le orme lasciate dalla decennale esperienza dei Garrone: Osti e Braida rimarranno in società, mentre sarà ancora Mihajlovic a sedersi sulla panchina.
Cagliari e Sampdoria rappresentano due esempi diversi di un fenomeno che riguarda però tutto il calcio italiano, dalla Serie A al mondo dilettantistico: i costi che gravano su una società sportiva sono divenuti ormai insostenibili per gran parte degli imprenditori.
La necessità di vendere o aprire a nuove cordate, spesso straniere come nel caso di Roma e Inter, manifesta il momento di difficoltà economica che attanaglia il nostro calcio, soffocato da costi gestionali enormi eppure incapace di “tagliare” le spese in nome di una lungimirante programmazione.
Budget e stipendi continuano a gonfiarsi sempre di più, così come i debiti. Per sopravvivere dunque non resta che vendere o pianificare un nuovo modo di fare calcio.
La Serie A cambia pelle, ma la strada per un calcio sostenibile è ancora irta di ostacoli e poco percorsa.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento