•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 17 giugno, 2014

articolo scritto da:

Riforme, rientrano nel gruppo i 14 senatori autosospesi Pd

rientrano nel gruppo i 14 senatori del pd autosospesi

Rientrano nel gruppo del Pd i 14 senatori democratici che si erano autosospesi per esprimere il loro dissenso nei confronti della sostituzione di Corradino Mineo e Vannino Chiti dalla commissione Affari costituzionali del Senato. La decisione è arrivata dopo la riunione di questa mattina seguita all’incontro di ieri con il capogruppo del Pd, Luigi Zanda.

zanda riunione 14 senatori pd autosospesi che rientrano nel gruppo

In una riunione durata due ore i 14 senatori che avevano deciso di sospendersi per contestare la sostituzione di Chiti e Mineo in Commissione Affari Costituzionali ci hanno infatti ripensato. La loro sospensione tuttavia – fanno sapere i senatori – comunque non significa aver cambiato idea nel merito ed infatti annunciano “si continuerà a dar battaglia all’interno del Pd”. Restano però l’amaro per i sostituiti e il no ad alcune parti del ddl. “Abbiamo presentato i nostri 25 emendamenti in Commissione – spiega al termine della riunione uno degli autosospesi, Massimo Mocchetti – e se questi non verranno approvati, li ripresenteremo per l’Aula”. “Oggi più che mai – prosegue Mocchetti – portiamo avanti la nostra battaglia anche perchè le cose sono in continuo movimento: il governo dovrebbe incontrarsi con il M5S e poi si è aperto un dialogo anche con la Lega. Insomma, vedremo cosa accadrà”. Mocchetti, sempre conversando con i cronisti, ribadisce come nessuno dei 14 senatori abbia mai pensato in realtà di lasciare il gruppo del Pd. “Non siamo mica Turigliatto”, ironizza il parlamentare. Alla riunione, che si è tenuta nell’ufficio di Vannino Chiti, primo firmatario di un ddl di riforma alternativo a quello del governo, non ha preso parte Felice Casson. A far rientrare la protesta, spiegano alcuni dei partecipanti all’incontro, la dichiarazione, fatta ieri dal capogruppo Luigi Zanda, secondo la quale l’articolo 67 della Costituzione vale in realtà per tutti i parlamentari e in ogni luogo: sia in Aula, sia in Commissione. “Il vincolo di mandato – afferma uno dei 14 – o c’è o non c’è. Non è che esista o meno a seconda del luogo”.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

12 comments
Roberto Tempestini
Roberto Tempestini

.....Anche questi 14....sono dei pagliacci....personaggi senza pudore alcuno...!!!

Franco Glerean
Franco Glerean

se magna bene specie se la greppia è bassa......................gnam gnam........!!!!!!!!!!!

Franco Glerean
Franco Glerean

non fanno un pò pena codesti???????????? gli manca la paghetta??????????? giornaliera??????

Pietro Pirozzi
Pietro Pirozzi

lo applicano i cinquestelle sono fassssssssisti lo applicano i democristian va bene. Logica piddina, non fa na piega

Pietro Pirozzi
Pietro Pirozzi

cos'è? La diarrea qui non commenta? Ah no tutti contro i cinquestelle per le loro "espulsioni"

Vanni Mircoli
Vanni Mircoli

o ti dimetti veramente o voti come si è deciso a maggioranza, questa è la democrazia ! Il PD è un partito democratico, Per il M5S o ti dimettono o ti dimettono , le ragioni le sa Grillo , il resto non conta !!!

Mimmo Ristori
Mimmo Ristori

Non l'avrei mai pensato! Hanno deciso: continueranno a votare a favore, ma turandosi il naso..........BUFFONI! Se stavate zitti facevate migliore figura.

Manfredi Rosso
Manfredi Rosso

non l'avrei mai detto! Questa non è una notizia, già lo si sapeva.