•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 17 giugno, 2014

articolo scritto da:

Confesercenti: “Basta fare cassa spolpando le imprese”

Confesercenti

Le imprese chiudono. A migliaia. Tra le varie colpe, complice una situazione dell’economia non solo italiana ma mondiale, vi è anche l’eccessiva pressione fiscale. Sulle aziende, infatti, pesa una tassazione altissima rispetto alle cugine d’oltre Alpe ed europee. Marco Venturi, presidente di Confesercenti (associazione di categoria a difesa delle pmi), parla in modo netto: “basta fare cassa spolpando le imprese”. Crisi e tasse hanno portato 53.037 aziende a chiudere, con un saldo negativo di 20.807 unità. Insomma, la crisi morde e lo Stato non aiuta. Ma non è completamente così. Infatti il presidente di Confesercenti, nella seconda parte della relazione all’assemblea dell’associazione, sottolinea pregi e difetti dei Governi succedutosi negli ultimi anni. Partiamo dalle mancanze dell’esecutivo: la Tasi anzitutto. Definita un “pasticcio. Un’imposta mal gestita, che rischia di rivelarsi una vera e propria batosta, soprattutto per le imprese”. Poi l’aumento della pressione fiscale: “in questi anni i contribuenti italiani – dalle colonne de Il Messaggero – hanno visto un aumento di richieste tributarie sia a livello centrale che locale: dal 2010 al 2013 la Confesercenti calcola una stangata da 34 miliardi di euro di tasse in più dalle tasche dei cittadini. Risultato della variazione del prelievo fiscale degli enti locali pari a 20 miliardi a cui vanno aggiunti 14 miliardi di prelievo statale”, sottolinea il numero 1 di Confesercenti.

confesercenti

Ma Venturi parla anche di positività messe in piedi dall’ultimo Governo, quello presieduto da Renzi: anzitutto il bonus di 80 euro: “la spesa dovrebbe tornare positiva”, influenzando così i consumi. Quindi il Dl Lavoro: “contiene un serio tentativo di semplificazione. I sindacati dicono che creerà precarietà, ma non è così: anzi riteniamo che avrà un effetto positivo sulle assunzioni. Anche se questo decreto non sarà sufficiente a farci ripartire”. Infine parla del taglio dell’imposta regionale sulle attività produttive: “pure il mini-taglio dell’Irap è stato positivo, però chiediamo un ulteriore impegno al Governo per innalzare il tetto di esenzione dell’imposta e per sostenere le piccole e medie imprese. Anche Garanzia Giovani rappresenta un’opportunità che non dobbiamo lasciarci sfuggire. E’ un buon progetto, con importanti incentivi”.

POLETTI: PRESTO AGENZIA UNICA ISPEZIONI – “Proporremo al Parlamento l’istituzione di un’Agenzia unica per le ispezioni riferite a tutte le problematiche delle imprese, dalle norme lavoristiche a quelle su salute e sicurezza, di Inps, Inail, Asl e fisco”. Lo ha annunciato il ministro del Lavoro, Poletti. Il ministro,in videomessaggio all’assemblea di Confesercenti, ha spiegato: si tratta di una “grande operazione di semplificazione,efficienza e risparmio” E sul fronte fiscale:il governo intende proseguire nel 2015 nell’alleggerimento “degli oneri su lavoratori e imprese”. 

Daniele Errera


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da: