•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 19 giugno, 2014

articolo scritto da:

Asse Civati-Migliore per tornare ai Ds?

In tempi di calciomercato e di scommesse mondiali non è assolutamente sconsigliato fare esercizio di fantapolitica. Soprattutto sulla sinistra italiana, che negli ultimi anni – dall’ascesa ulivista di Prodi al terremoto elettorale di Renzi – ha indispettito i propri elettori e ha fatto saltare governi. Colpa, secondo molti, dell’eccesso di dialettica interna o, per altri, della ‘romanizzazione’ dei dirigenti di partito. Ma, dopo i flop delle coalizioni unioniste e arcobaleno, la vittoria alle ultime primarie Pd di Matteo Renzi sembrava aver messo fine alle dispute interne e alle carriere di noti esponenti di sinistra della Seconda Repubblica. Se è vero che la rottamazione è parzialmente riuscita, molti dubbi rimangono sugli scontri a distanza tra il premier e una truppa non indifferente di dissidenti: ex bersaniani, neocuperliani, criptodalemiani e altri di non ben definita genia politica.

La notizia di ieri delle dimissioni di Gennaro Migliore da capogruppo alla Camera di Sinistra Ecologia e Libertà ha fatto piacere sia a Renzi, che potrà così contare su una nuova sponda parlamentare, sia a Giuseppe Civati, pontiere tra Pd e Sel, nonché noto avversario dell’ex sindaco di Firenze. Il motivo del gradimento di quest’ultimo è evidente: Civati, dopo mesi di corteggiamento di alcuni esponenti del M5S (reciproco, a dire il vero), potrà occuparsi di nuovo del suo progetto di (ri)unità a sinistra, impegno dichiarato sin dal suo esordio parlamentare (il voto a Rodotà per la corsa al Quirinale è paradigmatico). Infatti, uno degli obiettivi in cima alla lista dell’esponente dem lombardo è sempre stato quello di coinvolgere Sel, nell’immediato futuro, in un processo di fusione col Pd. Questo sogno, però, cozza con la linea del ‘Nuovo Pd’ renziano, che – stando ai suoi detrattori – si è trasformato in una ‘Nuova Dc’, ufficialmente consacratasi all’indomani del plebiscito elettorale (di degasperiana memoria) ottenuto alle Europee.

Tuttavia, questa presunta e novella Balena Bianca potrebbe presto scontrarsi con i redivivi Democratici di Sinistra, magari guidati dallo stesso Civati, già dirigente del partito della Quercia. Sarà pure chiacchiericcio mediatico, fatto sta che in Transatlantico e al Nazareno qualcuno ci sta già pensando seriamente. Migliore e Fava hanno abbandonato Vendola e altri 10 esponenti di Sel sarebbero pronti ad imitarli. Si aggiungano anche le consultazioni frenetiche in Senato degli espulsi 5 Stelle (con l’ausilio dei grillini storici Giovanni Favia e Valentino Tavolazzi), che – secondo quanto scrive la rivista Left – hanno già deciso di creare, entro settembre, un gruppo organico vicino alla sinistra Pd. L’epurato Corradino Mineo, civatiano di ferro, potrebbe dare il benservito a Renzi e al ministro Maria Elena Boschi, unendosi agli ex pentastellati.

Il primo incontro ufficioso dei nuovi Ds potrebbe tenersi a luglio, durante la Leopolda civatiana annunciata questa settimana dal deputato Pd, che si terrà nella Livorno a 5 Stelle. Probabilmente è dal tweet di Migliore che ripartirà la sfida unitaria a sinistra, di un nuovo soggetto che sarà critico nei confronti del governo, ma disponibile a collaborare con l’avversario e alleato Alfano:

Con un ritorno ai vecchi schieramenti de facto, la Terza Repubblica che verrà potrebbe essere il parto delle precedenti.

 

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: