•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 19 giugno, 2014

articolo scritto da:

Inchiesta Mose, la Guardia di Finanza nella sede di Autovie Venete

mose

Nuovi sviluppi sull’inchiesta Mose, che ha portato alla luce gli affari illeciti di politici e imprenditori attorno alla costruzione della più importante opera italiana. La Guardia di Finanza fa sapere di aver effettuato una perquisizione presso gli uffici triestini di Autovie Venete, concessionaria delle reti autostradali. Secondo le agenzie battute in giornata, gli uomini della GdF hanno sequestrato alcuni documenti al casello di Roncade, che riguarderebbero ditte di costruzioni implicate nella realizzazione del Mose.

Puntuale la smentita dell’ad di Autovie Maurizio Castagna, che al quotidiano locale Il Piccolo ha dichiarato: “I controlli che la Guardia di Finanza ha effettuato negli uffici di Trieste e del cantiere di Roncade fanno parte delle verifiche di routine previste per le grandi opere – ha voluto precisare –, soprattutto se si tratta di opere commissariate come, appunto la Terza corsia della A4 Venezia-Trieste”. Si tratta del terzo sopralluogo delle Fiamme Gialle negli ultimi nove giorni.

La Nuova di Venezia e Mestre ha scritto che l’interesse degli inquirenti sembra essersi concentrato, in particolar modo, sulle imprese impegnate nella costruzione del primo lotto della Terza corsia. Tuttavia, non si hanno al momento notizie di un loro coinvolgimento diretto nell’inchiesta Mose.

 

L’attacco di Raggi al governo – CLICCA IL VIDEO

L'attacco di Raggi al governo

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Salvini: "Il centrodestra è morto". Secondo voi il segretario leghista ha...

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

Qui si fa il Jobs Act o di muore

Qui si fa il Jobs Act o di muore

articolo scritto da:

1 comments