•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 23 giugno, 2014

articolo scritto da:

Priorità sono crescita e lavoro: l’Italia scrive all’Unione Europea

premier renzi

Crescita e lavoro le linee guida del nuovo Parlamento di Bruxelles. Il suggerimento arriva dal documento, anticipato stamattina dall’Ansa, e consegnato dall’Italia all’Unione Europea. Un testo, quello recapitato al presidente del consiglio europeo Herman Van Rompuy, in cui si anticipano i temi e le necessità che l’Italia avanzerà nel prossimo vertice europeo, previsto per giovedì e venerdì prossimi a Bruxelles. Un appuntamento importante, soprattutto in vista del semestre italiano di presidenza, che comincerà il prossimo 2 luglio, data in cui il premier Renzi terrà una relazione a Strasburgo, durante la prima seduta plenaria del nuovo Parlamento europeo, per presentare il programma di lavoro e le priorità della presidenza italiana. Intanto stamani, riunione dei ministri degli Esteri dei paesi membri: incontro preliminare, questo, in vista dell’assemblea dei capi di stato e di governo prevista per fine settimana. 

PARLAMENTO EUROPEO

Nel documento, messo a punto dal governo e dalla presidenza del consiglio dei ministri, si sottolinea la necessità di “un profondo cambiamento nell’agenda politica ed economica europea perché è arrivato il tempo di ripensare la strategia per rilanciare la crescita e creare lavoro”. “Tocca a noi – si legge nel testo – far ripartire l’Europa, darle un nuovo inizio, perché una rissa sulle nomine sarebbe incomprensibile agli occhi dei cittadini europei”. Non solo le nomine, dunque, e la distribuzione degli scranni fra i diversi gruppi parlamentari, ma anche un impegno concreto, comune, sul fronte delle riforme. Bisogna “incoraggiare le riforme strutturali a livello nazionale perché sono il pilastro della nuova agenda politica europea – emerge dal documento – le riforme sono il principale motore della crescita, soprattutto se lo sforzo è compiuto con ampio consenso a livello nazionale e in contemporanea con altri Paesi”.  

Riforme, nuova agenda politica e inversione di marcia per un’Europa fortemente scossa dall’esito della consultazioni dello scorso 25 Maggio, quando l’ondata di euroscetticismo si è tradotta, ad esempio, nella vittoria dei partiti ultranazionalisti di Marine Le Pen in Francia e di Naigel Farage in Gran Bretagna. Un segnale di cui i vertici europei devono tenere conto e che sta allungando anche i tempi per la nomina del nuovo presidente della Commissione: i veti incrociati di Inghilterra, Francia e Germania, infatti, non ne hanno ancora permesso l’elezione, complice anche la vittoria di misura del candidato dei popolari, Jean Claude Juncker, e l’opposizione dei socialdemocratici di Martin Schulz. Nelle scorse settimane sono circolati diversi nomi, fra cui quello dell’attuale presidente del Fondo Monetario Internazionale, Christine Lagarde. Su tale nomina si è espressa anche l’Italia: “Il nuovo presidente della Commissione europea – questo l’auspicio contenuto nel documento – deve essere audace e innovativo. Deve esigere il rispetto delle regole europee ma essere anche in grado di pensare fuori dagli schemi”. 

Carmela Adinolfi

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

1 Commento

  1. Giuseppe Casantello ha scritto:

    2 non eletti che manderanno in rovina l’Italia e l’Europa.

Lascia un commento