•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 26 giugno, 2014

articolo scritto da:

I nodi sulla legge elettorale in casa Pd e Movimento 5 Stelle

legge elettorale

Dopo l’incontro sul tema legge elettorale tra Pd, con la delegazione guidata da Renzi, e Movimento 5 Stelle si affrontano i nodi più spinosi rispetto all’eventuale intesa. La delegazione del Movimento 5 Stelle, oltre ai capigruppi di Camera e Senato, ha visto partecipare all’incontro il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio col deputato Toninelli.

Pd, Serracchiani “Legge elettorale, Italicum strada maestra” – Per il Partito Democratico interviene la vicesegretaria Debora Serracchiani: “Restiamo sull’Italicum, è la strada maestra. Abbiamo aperto un dialogo con i grillini e abbiamo dimostrato loro che lo facciamo sul serio. Metteremo chiarimenti e risposte sul sito, ci scambieremo mail, poi vedremo quando incontrarci di nuovo”. La numero due del Pd a Repubblica afferma: “la legge elettorale dei grillini è molto lontana dalla nostra. Gli abbiamo chiesto di chiarirci alcuni aspetti, a cominciare dalla governabilità”, dice Serracchiani. “I 5Stelle dicono di volere evitare le ammucchiate, ma se non è sicuro il governo, neppure si sa con chi ci si allea, perché la scelta la fai dopo il voto. Però la coalizione deve nascere sulla base di un programma elettorale molto preciso. Non lo vogliamo decidere il giorno dopo le elezioni, ma l’elettore deve saperlo prima di votarti. Se no istituzionalizzi gli inciuci e incentivi il trasformismo. E poi – aggiunge – c’è il ballottaggio: per noi importantissimo”. In merito alle preferenze “ragioniamo anche su quelle, ma il loro modello, peraltro molto complicato, sulle preferenze è estremamente pericoloso”. “Prevede le preferenze negative, nel senso che puoi eliminare dalla lista uno che non ti piace. Lo fa solo la Svizzera. Si crea in realtà uno strumento di controllo del voto pericolosissimo”.

pd m5s discutono modelli di legge elettorale

M5S, Toninelli “Legge elettorale, nuovo confronto sui contenuti” – Per il Movimento 5 Stelle commenta l’incontro il deputato Danilo Toninelli: “Spero in un altro confronto sui contenuti. Solo così, da posizioni diverse, si può cambiare idea: noi, oppure Renzi. Andremo con delle osservazioni, probabilmente su quanto non possiamo accettare dell’ Italicum. E poi parleremo”. Rispetto a come è andato l’incontro il deputato del M5S Toninelli aggiunge: “Renzi me lo aspettavo come è stato. Non era molto preparato sui contenuti, ma ho riscontrato un’assoluta cordialità. Ha capito l’ importanza di aprire un tavolo con noi”. Secondo Toninelli Renzi “Ha dato importanza al nostro progetto. Non l’ha sufficientemente capito, alcuni suoi rilievi non erano tecnicamente corretti. Sul voto di scambio, ad esempio”. Sul Mattarellum: “l’avevamo scelto perché dovevamo andare a votare subito. Che senso ha sposarlo adesso, visto che ha un impianto completamente diverso dal Democratellum?”. “Se loro però, ci chiedono che il punto di caduta sia il Mattarellum che c’era al Senato, cioè senza liste civetta, lo prendiamo e lo portiamo alla Rete”. Quanto all’ uninominale, “avvicina l’ eletto all’elettore, ma la prima proposta di Renzi – rileva il deputato M5S – aveva un 25% di correttivo maggioritario: con il 15% portavi a casa il 40%. Una straordinaria dispersione dei voti”.

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

La ricetta di Orlando

La ricetta di Orlando

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

3 Commenti

  1. Giuseppe Frangione ha scritto:

    Chi vince deve poter governare, non mi sembra chiedere la luna.

  2. Debora Dozzi ha scritto:

    Chi vota vuole indicare la preferenza.non mi sembra di chiedere la luna

  3. Elisabetta Betty Bassani ha scritto:

    basta confronti con questi leccaculo idioti !!!

Lascia un commento