•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 28 giugno, 2014

articolo scritto da:

Confesercenti denuncia: “Pensionati tartassati, -1400 euro dal 2008”

confesercenti

“Dal 2008, in 6 anni, un pensionato italiano ha perso 1.419 euro di potere d’acquisto”. Calcoli del presidente di Confesercenti, Marco Venturi, secondo il quale sono 118 gli euro “sottratti ogni mesi ai consumi”. Le stime sono state presentate durante l’annuale incontro dei pensionati della Fipac-Confesercenti, organizzato quest’anno a Brindisi. “Siamo l’unico Paese dove i pensionati pagano, in proporzione, più tasse di quando erano attivi – spiega Venturi – accade così che il pensionato subisca un maggior prelievo rispetto al dipendente e che tale extra imposta sia più forte tanto più la pensione è bassa: 72 euro per una pensione pari a tre volte il minimo e 131 rispetto alle pensioni d’importo inferiore. Nel resto d’Europa non è così; anzi, avviene il contrario. In tutti i Paesi, a parità di reddito, un pensionato paga in misura inferiore del dipendente”. “In generale – denuncia il presidente di Confesercenti – i nostri pensionati sono i più tartassati d’Europa”. “Lo possiamo verificare confrontando innanzitutto quanto paga il pensionato italiano rispetto ai suoi colleghi europei: su una pensione corrispondente a 1,5 volte il trattamento minimo Inps – spiega Venturi – un italiano paga in tasse il 9,17% dell’assegno previdenziale, mentre i suoi colleghi di Germania, Francia e Spagna e Regno Unito nulla”.

pensionati in banca

Se fino ad oggi la situazione è stata pessima, annuncia il leader di Confesercenti, si intravedono peggioramenti per le condizioni economiche dei pensionati italiani anche per i prossimi anni: “Nel 2014 un pensionato medio perderà 1.419 euro di potere d’acquisto rispetto al 2008 – ribadisce Venturi – sono oltre 118 euro in meno al mese, sottratti a consumi e ai bilanci delle famiglie, che sempre più spesso sono sostenuti proprio dai pensionati, diventati durante la crisi pilastri del welfare familiare”. Perdita e crollo del potere d’acquisto destinato ad aumentare e contro il quale il governo, avverte Venturi, deve studiare contromisure. Estendere il bonus di 80 euro anche a queste categorie, suggerisce il capo di Confesercenti, potrebbe essere solo il primo passo: “è ora di dare una svolta definitiva a questa ingiustizia, ripensando il sistema fiscale – continua il presidente di Confesercenti – soprattutto si deve tener conto dell’erosione del potere d’acquisto dei pensionati, estendendo anche a loro, come primo passo, il bonus fiscale, in modo tale da ridurre almeno la perdita su base mensile. Essere anziani non può essere considerato un peso sociale: dobbiamo reagire rivendicando rispetto, dignità sociale ed economica per i nostri pensionati”, ha concluso Venturi.

Carmela Adinolfi

 

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

La ricetta di Orlando

La ricetta di Orlando

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

2 Commenti

  1. Andrea Longoni ha scritto:

    Fatemi capire bene, quindi la popolazione attiva deve pagare gli scompensi inps per pensioni calcolate sul reddito e non sui contributi e già che c’è deve pure pagargli le imposte sui redditi? Siamo pazzi?

  2. Gaetano Fano ha scritto:

    non solo la tassazione e’ alta ma c’è il mancato adeguamento per cui una classe media si impoverisce sempre più e poi va a finire che chi non ha mai pagato tasse,finti poveri,si ritrovano anche con 80 euro in più al mese.

Lascia un commento