•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 2 luglio, 2014

articolo scritto da:

Ripristino immunità, Pd spaccato. Boschi apre a modifiche in Aula

Sondaggi Referendum Costituzionale: maggioranza italiani contraria all'abolizione del Senato

Il ripristino dell’immunità per i senatori in Commissione Affari Costituzionali ha creato malumori all’interno del Pd. Il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi critica apertamente la scelta di reintrodurre l’immunità: “Io non la voglio. Mi dispiace ma su questo non sono d’accordo” dichiara il governatore in un’intervista a Repubblica. “Potrei capire la tutela delle opinioni, in quel caso è giusto mantenere l’immunità. Ma non certo per le intercettazioni”. “A me sono sempre servite per dimostrare la mia correttezza – ricorda – a parte qualche espressione colorita che mi sono lasciato scappare per telefono e che ho visto poi scritta sui giornali. Ma non ho niente da temere e non mi interessa se mi mettono il cellulare sotto controllo”. E se per Vannino Chiti sull’immunità si è creato “un pasticcio inaccettabile”, per la senatrice di Sel, Loredana De Petris, è necessario ricercare una via di mezzo: “Io ritengo maturi i tempi per eliminare il secondo e il terzo comma dell’articolo 68 della Costituzione: resti solo l’insindacabilità per le opinioni espresse nell’esercizio delle funzioni. Mentre si tolga l’autorizzazione per arresto, perquisizioni e uso delle intercettazioni sia per la Camera che per il Senato”.

MORRA (M5S), SU IMMUNITÀ LARGHE INTESE A DIFESA PARTITI  – “Ricompaiono le larghe intese volte a difendere la partitocrazia, con solo M5S e Sel che votano contro e Minzolini che si astiene. E La Repubblica, il quotidiano che avrebbe sparato a zero se piuttosto che Matteo ci fosse stato Silvio, riporta la notizia dopo aver dato il risultato in diretta di Argentina-Svizzera…”. Lo scrive il senatore ed ex capogruppo M5S al Senato, Nicola Morra, sul blog di Beppe Grillo. “L’immunità concessa ai futuri senatori – osserva Morra – ormai scandalizza ben poco. Il ministro Boschi interviene in commissione sostenendo di aver condiviso l’emendamento Finocchiaro-Calderoli che appunto doterà in futuro i senatori-sindaci-consiglieri regionali di uno dei più odiosi privilegi della casta, la possibilità di sottrarsi alla legge. Così facendo contraddice se stessa, giacché quando pochi giorni fa è esplosa la polemica, lei si era detta all’oscuro di questa volontà da parte dei relatori, venendo poi puntualmente smentita”.

BOSCHI APRE A MODIFICHE – Il ministro per le Riforme, Maria Elena Boschi apre ad eventuali modifiche in aula sull’immunità: “Tutto è sempre possibile in aula. Con i relatori ragioniamo sempre su tutto. Ieri c’è stata anche una lettera del presidente del Consiglio Renzi al M5S su questo”.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: