•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 3 luglio, 2014

articolo scritto da:

Disboscare la giungla delle società controllate e partecipate: la sfida per il governo Renzi

società partecipate

Società pubblica è sinonimo di buco di bilancio. E’ quanto emerge da un’analisi pubblicata dal quotidiano ‘La Stampa’ relativa alle società controllate o partecipate dalle pubbliche amministrazioni.

PESO INSOSTENIBILE – Al di là della stima quantitativa di tali società – calcolate in più di 39 mila, nonostante la Corte dei Conti invece parli di 7500 – ciò che è evidente è il loro peso sul bilancio dello Stato, nonché di Comuni e Regioni, quantificato in circa 26 miliardi all’anno, cioè un punto e mezzo di PIL.

NORD E LAZIO – Per quanto riguarda le cifre, il maggior numero di partecipazioni appartiene alla Lombardia (7.496 controllate), seguita da Piemonte, Veneto e Toscana. L’onere maggiore spetta invece al Lazio, con 9.5 miliardi, quasi il doppio della Lombardia ferma a circa 5.5.

GIUNGLA DA DISBOSCARE – In queste società si trova di tutto, dalle farmacie alle terme sino ad arrivare persino alla lavorazione delle uova. Una giungla da disboscare, come sostiene Confindustria da anni, trovando ora nel governo Renzi un prezioso alleato. Se Montezemolo le considerava da anni delle “discariche per politici trombati”, ora l’esecutivo punta ad un’energica opera di potatura, tagliando sprechi e facendo cassa.Il compito del governo è arduo, anche perché, secondo la Corte dei Conti, appena 50 delle oltre 7 mila società censite farebbe direttamente riferimento allo Stato, sebbene ve ne siano oltre 5 mila partecipate dagli enti locali.

governo renzi

RISPARMIO – Alla cura di dimagrimento richiesta da Confindustria ma anche dalla stessa Corte – che chiede anche “un disegno di ristrutturazione organico e complessivo” – si aggiunge la volontà dell’esecutivo, deciso a ridurre il numero di partecipate a circa 1000. Questo per frenarne la perdita continua, un rubinetto aperto stimato dal commissario alla spending review Carlo Cottarelli in almeno 1,2 miliardi di euro per il solo 2012. E così via libera ai tagli o, in altri casi, alle fusioni, azione per la quale c’è anche l’ok della Cassa Depositi e Prestiti, disposta a contribuire al finanziamento dell’opera.

QUASI 13 MILIARDI – E’ la cifra che, secondo un’indagine di Confindustra di fine 2013, sarebbe possibile risparmiare tramite la cessione o liquidazione delle società che non si occupano di servizi indispensabili alla collettività. Questa fetta rappresenterebbe, secondo la Corte dei Conti, addirittura l’80% del totale delle partecipate.

Emanuele Vena


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments