•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 3 luglio, 2014

articolo scritto da:

Vendola non ci crede: “Quella delle riforme è una cattiva strada”

nichi vendola che fa un discorso

“Si vuole fare ancora di più ed ancora peggio quello che si è fatto nell’ultimo ventennio. Questa è proprio la cattiva strada”. Lo ha detto il leader di Sel, Nichi Vendola, parlando oggi a Bari con i giornalisti delle tante riforme proposte dal governo Renzi. “Le riforme – ha aggiunto – spaziano dal generalizzare la flessibilità nel mercato del lavoro al cambiare assetti costituzionali ed istituzionali del Paese per dare sempre più potere agli esecutivi. Riforme tanto evocate ed invocate come una durlindana che dovrà portarci non so dove”.

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

6 Commenti

  1. Franco Balconi ha scritto:

    lo dice uno che ha ottenuto milioni di consensi

  2. Lupo Solitario ha scritto:

    conta ancora qualche cosa questo qui dopo che i suoi compagni di partito lo hanno mandato a cagare

  3. Lorenzo Sassi ha scritto:

    Questa CHECCA ha paura di perdere la poltrona

  4. Felice Galifi ha scritto:

    levaci mano nik

  5. Marco Arte Futura Mariani ha scritto:

    Prossima un’altra scissione in SEL:Nichi da una parte e Vendola dall’altra………

  6. Fernando Giannoni ha scritto:

    Ecco un altro Gattopardo. Tutti (o almeno molti) stanno mettendo il loro sassolino nell’ingranaggio per evitare di eliminare le poltrone al Senato e di ridurre quelle alla Camera. Ognuno inserisce qualcosa di apparentemente innocuo, sapendo che non appena si cede su un punto tutti pretendono cambiamenti e non si modifica più nulla. E’ cosa nota. La casta, pur avendo coscienza che così non può continuare, non viole cedere.

Lascia un commento