•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 7 luglio, 2014

articolo scritto da:

Napolitano: “L’Europa cambi, ma sull’Unione non si torna indietro”

napolitano 2

Integrazione europea. Sempre: continua, ma aperta anche a modifiche sensibili. E’ questo il messaggio di fondo che Giorgio Napolitano dà dalla Slovenia, nazione che da 10 anni è entrata nell’Unione Europea.

Il Capo dello Stato vede i margini per possibili cambiamenti alle istituzioni concretizzate a Maastricht nel 1992. Ma nessun passo indietro sull’Unione. L’integrazione deve andare avanti e, in questo delicato periodo per l’economia del vecchio continente, la crescita è la via da seguire. Napolitano, da Sveta Gora (a pochi chilometri dal Belpaese), ammonisce l’unione dei 28 paesi: “da quando sono stati firmati i trattati di Roma siamo consapevoli dei limiti e delle insufficienze che ha presentato la costruzione della Unione Europea”.

La visita nel paese, che fino a pochi decenni fa era amministrato dalla dittatura jugoslava del maresciallo Tito, nasce in conseguenza dell’anniversario dello scoppio della prima guerra mondiale. Al tempo in quegli scenari si fronteggiavano le truppe del Regno d’Italia e le milizie dell’Impero Austro-Ungarico. Oggi Napolitano e Borut Pahor, Presidente della Slovenia, hanno inaugurato la ‘panchina della pace’. Il mondo cambia.

Legge elettorale, discussione alla Camera Napolitano

E come il sistema politico globale è mutato, l’ex migliorista rilancia la crescita Ue: è doveroso “trasformare l’Ue e nel reagire a qualsiasi tentazione distruttiva e a qualsiasi rischio di dissoluzione di questo patrimonio irreversibile nell’interesse della pace e dei nostri popoli”. E, seppure si siano fatti passi da gigante a livello di integrazione, Napolitano esprime nuovamente il concetto: “dal 1957 di strada ne abbiamo fatta tantissima, tra molti alti e bassi. La costruzione dell’Europa ha conosciuto molti momenti di crisi, nessuno però così grave come il periodo che stiamo vivendo, da 7-8 anni. Ma nel passato la comunità ha saputo superare crisi che erano essenzialmente nei rapporti politici tra gli Stati membri e sono sicuro che supererà anche questa profonda crisi che ci ha colpito negli ultimi anni”.

Daniele Errera


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

7 comments
Lorenzo Sassi
Lorenzo Sassi

Stesse un po' zitto ,farebbe un favore agli Italiani

Puledda Gavino
Puledda Gavino

Mamma mia....secondo me questa bestia di Grillo bisognerebbe lasciarla nel suo brodo.... dare importanza a questo mentecatto e' mettersi al suo pari. Prima faceva ridere per la cazzate che sparava ora fa solo piangere per le idiozie che dice.

Guido Zaccaro
Guido Zaccaro

Probabilmente lui si trova benissimo così..