•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 8 luglio, 2014

articolo scritto da:

Maurizio Sacconi (NCD): con Jobs Act addio ad articolo 18

italicum reazioni sacconi

“È importante inserire un criterio di delega che consenta la riforma dei contratti a tempo indeterminato”. Maurizio Sacconi, presidente NCD della Commissione Lavoro al Senato, rilancia la sua battaglia contro l’articolo 18. E, in un’intervista al quotidiano ‘La Stampa’, spiega quali devono essere le priorità in materia di riforma del lavoro: “poter ruotare le mansioni e sapere con certezza quale potrebbe essere la conseguenza ed in particolare il costo del recesso da un contratto permanente”.

ADDIO ARTICOLO 18 – Maurizio Sacconi coglie al balzo le ultime dichiarazioni del ministro Poletti, che aveva inserito l’articolo 18 tra le materie implicitamente interessate – e perciò da discutere – dal progetto di legge delega, anche se “non dice come modificarlo”. Anche perchè, secondo Sacconi, “più della metà dei lavoratori italiani – conclude Sacconi – non gode dell’articolo 18; non risulta che siano più precari o che i loro datori di lavoro siano sempre lì pronti a licenziare”.

sacconi-jobs-act-poletti

CREARE DISCONTINUITA’ – L’ex ministro del Welfare ha una sua idea, un progetto di fondo: fare della riforma del lavoro una grande “manifestazione di discontinuità rispetto a quel ‘900 ideologico che da noi più che altrove ha condizionato il mercato del lavoro”. E traccia i particolari, a proposito dell’articolo 18: “la reintegrazione dovrebbe rimanere solo nel caso di licenziamento discriminatorio“, perchè “oggi, nell’epoca dell’incertezza, ogni impresa chiede regole semplici e certe per investire ed assumere”.

LA MARCIA DEL GOVERNO E CONTRATTO UNICO – Maurizio Sacconi esamina la riforma del lavoro anche nell’ottica di un giudizio complessivo sull’azione di governo: “ancora una volta la riforma del mercato del lavoro sarà il metro di misura, in Italia e in Europa, della vera direzione di marcia del governo”. E aggiunge: “è una riforma fondamentale anche dal punto di vista della valutazione europea dei cambiamenti strutturali in Italia”. E poi spiega la questione del contratto unico, riguardo alla quale è stato presentato un emendamento firmato da una cinquantina di senatori dell’area moderata di governo. “Si ipotizza un testo unico delle tipologie contrattuali che si collochi in un contesto di maggiori tutele dei disoccupati attraverso la estensione dei sussidi ed il potenziamento dei servizi. In questo ambito anche il contratto a tempo indeterminato può essere reso più semplice”.

Emanuele Vena

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

3 Commenti

  1. Luigi Vigji ha scritto:

    bla,bla,bla… in italia ci sono ben 40 sistemi di assunzione!

  2. Vaccaro Vincenzo ha scritto:

    Con quale autorità fissa i paletti perche non si autorattama

  3. Omar Polaris ha scritto:

    Bravo. Dopodichè ci saranno assunzioni a pioggia!

Lascia un commento