•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 14 luglio, 2014

articolo scritto da:

Primarie Basilicata: quando il PD si spacca come una mela

primarie pd napoli, ncd, pd

Dalle urne per l’elezione del nuovo segretario regionale del PD della Basilicata emerge un “nulla di fatto”. O meglio, la certificazione di ciò che era evidente da tempo: una profonda spaccatura all’interno dei democratici lucani.

I RISULTATI – Tre candidati, nessuno raggiunge il quorum. Circa 54 mila i votanti, che hanno suggellato la fotografia di un PD spaccato come una mela. Il candidato di area renziana, Luca Braia – ex assessore regionale – ha chiuso in testa ma ben sotto il 50%. L’ex assessore si è infatti fermato al 42,6%, appena due punti sopra Antonio Luongo, candidato dell’area “bersaniana”. Terzo e molto distante Dino Paradiso, il comico della trasmissione televisiva ‘Made in Sud’, attestatosi al 16,6%.

UNA SPACCATURA DI LUNGO TERMINE – Il risultato riflette le turbolenze del PD nazionale, amplificandole. La Basilicata è una regione tradizionalmente ‘rossa’, che può vantare elementi di spicco come Filippo Bubbico – ex presidente della Regione nonchè senatore ed ora viceministro dell’Interno – e il capogruppo PD alla Camera Roberto Speranza, sostenitori della candidatura Luongo insieme a Vito De Filippo, governatore uscente. Ma anche la deputata Maria Antezza e l’attuale governatore Marcello Pittella – fratello dell’europarlamentare Gianni Pittella – principali sponsor della candidatura di Luca Braia.

braia luongo paradiso

I tre candidati: da sinistra Braia, Luongo, Paradiso

PAROLA ALL’ASSEMBLEA – Probabilmente l’unico ad esultare, dopo i risultati di sabato, è Piero Lacorazza, ex presidente della Provincia di Potenza ed ora Consigliere Regionale, sconfitto da Pittella alle ultime primarie per la poltrona di governatore lucano ed ora principale sponsor della candidatura del civatiano Paradiso. Un Lacorazza che non usa mezzi termini: “i numeri sono numeri, abbiamo riaperto il congresso Pd. Il valore politico del risultato é molto importante”. Rivendicando implicamente la golden share per la scelta del futuro segretario. Anche perché, come stabilito dal regolamento, la questione passa all’assemblea regionale, organismo elettivo del PD appena rinnovato con l’esito delle Primarie. Cento delegati eletti in proporzione alla percentuale ottenuta dai tre candidati alla segreteria.

EVITARE ULTERIORI FRIZIONI – Intanto il governatore Pittella parla di “grande risultato di Braia” – che peraltro è da sempre critico nei confronti della scelta del governatore di una giunta regionale di soli tecnici, tra cui spicca il nome di Aldo Berlinguer, figlio dell’ex ministro dell’Istruzione Luigi Berlinguer – e rilancia la sfida del rinnovamento: “dobbiamo evitare ulteriori scontri che non potranno che indebolire il lavoro ed il peso del nostro partito a livello locale e nazionale”. Un riferimento preciso anche alla clamorosa sconfitta alle amministrative di due mesi fa, in cui il PD riuscì a perdere una roccaforte come Potenza facendosi superare al ballottaggio dal candidato di centrodestra. Nel 2009 la corsa alla segreteria fu vinta proprio da Roberto Speranza, l’attuale capogruppo alla Camera. Ma anche lì – così come per le primarie di qualche mese fa per la scelta del candidato Governatore – non fu superato il quorum. Alla fine prevalse la logica della volontà popolare, con l’elezione di Speranza, arrivato prima sebbene con una maggioranza relativa e non assoluta. Ma stavolta?

Andrea Turco


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

8 comments
Vanni Mircoli
Vanni Mircoli

...ma la democrazia non è contarsi per sapere chi ha la maggioranza ??? IMBECILLI !!!!

Felice Galifi
Felice Galifi

bersani ormai e finito megilo se molla tutto gli fa piu figura

Beppe Vara
Beppe Vara

spaccato come una mela?! Se il regolamento dice che in questo caso decide l'assemblea, troveranno un accordo in assemblea. Non credo che rimarranno senza segretario regionale.

Nicola Pedone
Nicola Pedone

scusate ma allora che si fanno a fare le primarie se già ci dovrebbe essere un vincitore sicuro ???

Marco Solfrini
Marco Solfrini

I soliti idioti incapaci di reggere il peso ed il prestigio della responsabilità e del potere... I soliti opportunisti incapaci di ragionare da vincenti, ma che San solo guardar il proprio piccolo interesse... Una cosa va detta: Avete presente la nazionale di calcio italiana? Ecco è lo specchio, la rappresentazione vera e propria della nostra società, di come oggi ogni italiano vive e cura le cose private e comuni!!!