•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 17 luglio, 2014

articolo scritto da:

Incontro PD-M5S, Renzi: “Non siamo così lontani”

Social Network, Renzi e Grillo si contendono la leadership (anche) in Rete

A distanza di qualche settimana, Partito democratico e Movimento 5 Stelle sono tornati a sedersi al tavolo delle trattative.  L’incontro, tenutosi alle 15, ha visto la partecipazione per il M5S di Luigi Di Maio (sempre più leader), Danilo Toninelli e i due capigruppo Nuti e Petrocelli, per il PD del vicesegretario Deborah Serracchiani, dell’europarlamentare Alessandra Moretti, del deputato Gianclaudio Bressa.

In disparte, ma presente, il premier Matteo Renzi che al termine del summit si lascia andare a giudizi positivi: “L’incontro è andato bene, abbiamo avuto aperture su molti punti, per esempio sul ballottaggio” sottolineando poi come “sulla riforma del Senato” i grillini “riconoscono che non c’è deriva autoritaria. Il problema è se Di Maio li porta tutti. Vediamo che succede al loro interno”.

Il primo tema al centro del dibattito è quello delle preferenze, ritenute fondamentali per i cinque stelle che insistono anche sulla cancellazione dell’immunità per i nuovi senatori. “Oggi noi vi facciamo una proposta che viene incontro alle vostra per trovare un punto d’incontro. A noi interessa molto la stabilità. Dobbiamo dare poi ai cittadini la possibilità di scegliere i candidati, dopo 8 anni di Porcellum” ha detto Di Maio.

I grillini, oltre alle preferenze, battono anche sul tema del premio di maggioranza, ribadendo l’impianto del Democratellum: primo turno con proporzionale puro senza sbarramento ed eventuale secondo turno, qualora nessuna lista superi il 50%, tra i partiti che hanno preso il maggior numero di voti. Al vincitore un premio di maggioranza al 52%.

streaming

Una proposta che differisce nettamente dall’Italicum, che invece prevede il premio di maggioranza del 52% già al primo turno per il partito che supera il 37%. Ecco perché sia la Serracchiani che la Moretti hanno grossomodo ripetuto quello che i democratici pensano da settimane: sì al dialogo ma niente stravolgimenti.

Sulla legge elettorale, in fin dei conti, l’accordo impostato con Forza Italia regge. Ed è proprio quello che ribadisce Renzi, non senza rinunciare a qualche tono polemico: “Noi non pensiamo che la preferenza sia lo strumento della democrazia ma tra averla e non averla preferiamo averla. Si è arrivati però a un accordo sulla legge elettorale che non le prevede tanto che come Pd facciamo le primarie”. A quell’accordo (con il pregiudicato Silvio Berlusconi) si è giunti proprio per l’inerzia del M5S: “La prima richiesta di confronto con voi l’ho scritta l’8 dicembre. Se io sono un bradipo, voi che ci avete messo 6 mesi per rispondere cosa siete?” ha attaccato il premier.

Per quanto riguarda il ballottaggio, le posizioni paiono nettamente più vicine, con i grillini che si sono detti disponibili ad un compromesso: “Riconosco ai cinquestelle che sul ballottaggio c’è apertura” dice Renzi. Oltre a questo però, i nodi restano: c’è lo scoglio preferenze che è molto forte e c’è lo scoglio di rappresentanza dei partiti piccoli, che nelle alte soglie dell’Italicum non otterrebbero alcun seggio.


Condividi su

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento