•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 18 luglio, 2014

articolo scritto da:

Rubygate, la premonizione del magistrato Roia: “Berlusconi salvato dall’ignoranza inevitabile”

Caso Ruby, depositate motivazioni condanna su sentenza Berlusconi

Per l’assoluzione di Silvio Berlusconi nel processo Ruby potrebbe essersi rivelato determinante l’inserimento nella legge italiana del 2012 di recepimento della “convenzione di Lanzarote” della cosiddetta “ignoranza inevitabile”,  clausola che consente maggiori possibilità per l’imputato di provare la mancata conoscenza dell’età del minore, proprio come preconizzato da Fabio Roia, pubblico ministero presso il tribunale di Milano.

Infatti Roia, ex membro del CSM e magistrato esperto in processi dove le vittime sono donne e bambini,  chiamato dall’Huffington Post il 20.12.2012 a commentare l’inserimento della convenzione di Lanzarote del Consiglio d’Europa del 2007 nell’ordinamento italiano, aveva manifestato forti perplessità rispetto al cambiamento introdotto dalla norma di recepimento italiana, che   non consentiva più al Giudice una semplice valutazione sul grado di conoscenza dell’età della vittima da parte dell’accusato. “La cosiddetta ignoranza inevitabile – affermò Roia – è stata estesa a tutti i reati che coinvolgono minorenni, e per le vittime è un indebolimento della loro tutela. L’imputato infatti ha maggiori strumenti per dimostrare di avere fatto ogni accertamento possibile per capire che età avesse la persona, normalmente una prostituta, prima di avere un rapporto sessuale”.

berlusconi

Oggi, intervistato nuovamente  dall’Huffington Post in occasione dell’assoluzione di Berlusconi in Appello, Roia afferma che l’istituto giuridico da lui contestato “può aver aiutato Berlusconi a essere assolto perché molto probabilmente è riuscito a dimostrare di aver fatto di tutto per conoscere la vera età” di Ruby.

Pur dichiarando di voler leggere le motivazioni per essere certo che l’ignoranza inevitabile sia stata la causa dell’assoluzione, Roia ribadisce tutte le sue perplessità: “Naturalmente occorre attendere le motivazioni ma rimane valido quanto detto a proposito della convenzione di Lanzarote: purtroppo si è indebolita la lotta a favore delle vittime che si dedicano alla prostituzione in quanto i loro clienti possono convincere i giudici che non possono essere rimproverati di non aver accertato l’età”.

I commenti a caldo di Coppi, difensore di Berlusconi, sembrano tuttavia confermare la tesi di Roia. L’avvocato infatti sottolineando che la formula assolutoria adottata dai giudici d’appello ‘il fatto non costituisce reato’ implica la mancanza di dolo, ovvero della volontà di compiere il reato di prostituzione minorile, chiosa affermando che Berlusconi: “Se mai avesse avuto rapporti con Ruby, almeno per un certo periodo di tempo, non ne conosceva l’età”.

Riccardo Bravin


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

5 comments
Antonio Parmigiano
Antonio Parmigiano

e tutto un gioco loro vincono e noi moriamo di fame grazie italiani

Mario Spinelli
Mario Spinelli

Ma che credevate? Una volta l'hanno condannato, ma due..... non sia mai

Piero Corallo
Piero Corallo

La "convenzione di Lanzarote"..."Ignoranza inevitabile" se e' stata applicata diventa una bella arma a favore di questi pedofili circolanti infatti l'imputato puo' sempre dire di aver cercato di sapere l'eta' della ragazza, insomma una legge che non tutela i minori..complimenti une vera porcata!!La casta colpisce ancora!!