•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 20 luglio, 2014

articolo scritto da:

Italicum, Boschi: “Avanti così, con M5S si perde tempo”. Di Maio: “Meno spazio per Grillo e Casaleggio”

di maio boschi

Sulle riforme “non vedo grandi margini di trattativa sulle modifiche richieste, visto che abbiamo fatto un lavoro molto approfondito di tre mesi”. Lo afferma il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi in un’intervistata alla Stampa. E chiede di accelerare l’iter: “Ci sono tecniche procedurali nelle modalità di voto degli emendamenti per rendere più rapidi i tempi anche senza arrivare al contingentamento. Speriamo di chiudere le votazioni sulla riforma del Senato qualche giorno prima del 10 agosto”.

L’immunità? “Toglierla lasciando solo l’insindacabilità sulle opinioni espresse dei senatori era la soluzione del testo base del governo. Poi abbiamo ritenuto fosse un argomento ragionevole la tesi secondo cui il Senato debba per forza avere lo stesso tipo di garanzie che hanno i deputati”. Il ministro si sofferma anche sui Cinque Stelle: “Ogni giorno hanno una idea diversa. Hanno due linee opposte, frutto del risultato delle europee, ma noi non possiamo passare il tempo a mediare tra le loro correnti”. E respinge la tesi secondo cui il governo prema sulla legge elettorale per votare a marzo: “Falso. Noi facciamo le riforme perchè servono al Paese”.

Fino al 2018, assicura, la legge elettorale “non servirà. Se riusciamo a trasformare davvero il Paese non c’è motivo di interrompere il lavoro“. Boschi riflette infine sugli effetti della sentenza di assoluzione di Berlusconi sulle riforme: “Penso che il percorso sarebbe andato avanti comunque come sosteneva Forza Italia. Abbiamo riconosciuto a Berlusconi un ruolo politico, perchè abbiamo sempre pensato che giustizia e politica non dovessero essere sovrapposte”. 

maria elena boschi riforme approvazione commissione e aula

Sulle riforme dice la sua anche il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio, oramai leader in pectore del Movimento 5 Stelle. Secondo Di Maio, “d’ora in poi Beppe Grillo e Casaleggio avranno meno spazio ma loro sono contenti e sono in una fase in cui cercano di dare più responsabilità a quelli che oggi fanno parte del Movimento e ne condividono la linea”. “Grillo e Casaleggio – ha spiegato Di Maio – attraverso il blog gestiscono una parte del Movimento, un’altra parte la decidiamo noi in assemblea: questo procedimento porterà a dare maggiori responsabilità a chi prima ne aveva meno e viceversa. Il Movimento 5 Stelle, proprio perchè si chiama così, è in continua trasformazione e subirà altre trasformazioni. Non la vivo come una nostra emancipazione, ma sono loro che stanno dando più responsabilità alle varie entità politiche del M5S”.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

17 comments
Stefania Pellerucci
Stefania Pellerucci

Sinceramente ti fanno venire voglia di dire tante di quelle parolacce......!!!

Salvino Cognata
Salvino Cognata

Dai Boschi, avanti tutta non ti curar di loro ma guarda e passa. Troppa gente inutile scrive commenti.

Marco Corvi
Marco Corvi

La "signorina" tratta solo con condannati o plurindagati!

Francesco D'Alessandro
Francesco D'Alessandro

.RENZI, IL GENERATORE DI RISPOSTE A CASO LE PREFERENZE Di Maio: “Siete d'accordo con l'inserimento delle preferenze?” Renzi: “La Moretti ha preso millemilamigliaia di preferenze.” Di Maio: “Ok, quindi siete d'accordo?” Renzi: “Noi siamo un partito democratico.” Di Maio: “Lo prendiamo come un sì alle preferenze?” Renzi: “Accetto anche di essere insultato per il bene del Paese.” Di Maio: “Allora diciamo che siamo d'accordo sulle preferenze?” Renzi: “Nessuno può dire a un altro cosa sia più giusto fare.” Di Maio: “Ma le preferenze vi piacciono tant'è che ne avete prese tante e blablaba, giusto?” Renzi: “Vediamo che dice Berlusconi (alias "gli altri partiti").” ------------------------------------------------------------------ L'IMMUNITA' PARLAMENTARE Di Maio: “Aboliamo l'immunità?” Renzi: “Io non ho l'immunità.” Di Maio: “Perfetto, allora la aboliamo per tutti?” Renzi: “Siamo così corretti che abbiamo votato per l'arresto di un nostro indagato.” Di Maio: “Bravi, allora aboliamo l'immunità, ok?” Renzi: “In questo tavolo avete più immunità voi di noi.” Di Maio: “Già, siamo stati tutti eletti in parlamento (...) ma non la usiamo e la vorremmo abolire per tutti, ci state?” Renzi: “Dunque, vediamo...l'autobus è già passato? Debora deve tornare a fare il presidente di regione.” Di Maio: “Concludiamo subito, basta che ci dite che insieme voteremo per l'abolizione dell'immunità, allora?” Renzi: “Vediamo che dice Berlusconi ("gli altri partiti").” ------------------------------------------------------------------ CONDANNATI IN PARLAMENTO Di Maio: “Diciamo basta ai condannati in parlamento?” Renzi: “Qui nessuno può dirsi superiore a nessuno.” Di Maio: “Però possiamo dire che non è etico avere condannati in parlamento, siete d'accordo?” Renzi: “Com'era quella cosa lì...quella che avete detto...sì quella cosa...ah ecco: la sanità, com'era?” Di Maio: “Corrotta anche quella, quindi che facciamo coi condannati in parlamento? Renzi: “Beppe mi chiama bradipo, Speranza piange ogni notte perchè ci date dei piduisti.” Di Maio: “Su tante cose non siamo d'accordo, ma sui condannati in parlamento invece?” Renzi: “Eh ma i vostri in senato stanno facendo ostruzionismo.” Di Maio: “Già, pare sia la democrazia, li togliamo questi condannati dal parlamento? Renzi: “Vediamo che dice Berlusconi ("gli altri partiti").” ------------------------------------------------------------------ INDENNITA' PARLAMENTARI Di Maio: “Passiamo alle indennità dei parlamentari, le dimezziamo?” Renzi: **PANICO** **PANICO** **PANICO** Di Maio: “Quindi le dimezziamo?” Renzi: “E ora questo che c'entra?! Eh no eh! Fateci delle proposte serie!” Di Maio: “E' serissimo, noi già lo facciamo, siamo d'accordo sul dimezzamento delle indennità?” Renzi: “Voi tutti prendete più di me.” Di Maio: “Dimezziamole, siete d'accordo?” Renzi: “Beh, è tardi, io devo guidare un Paese, Debora una regione, Alessandra l'Europa, Roberto...qualcosa, non potete fare così!” Di Maio: “E' molto semplice, si otterrebbero milioni di risparmi per i cittadini, basta dimezzare le indennità, ok?” Renzi: “Vediamo che dice Berlusconi ("gli altri partiti")”. Ma non è che il confronto lo hanno chiesto al capo sbagliato?

Francesco D'Alessandro
Francesco D'Alessandro

Ci vuol coraggio a stare ancora dietro a sto schifo ma quelli del pd quando li apriranno gli occhi?? La diretta con Luigi Di Maio sulle riforme parlano chiaro!! Ma fatevi furbi!!!

Auro Gall
Auro Gall

Maledetti dittatori di questo governo fantoccio!!!

Falascina Franco
Falascina Franco

Brava Boschi avanti con chi ci sta. Facciamo funzionare al meglio le nostre Istituzioni

Lello Petrone
Lello Petrone

Il delinquente Berlusconi è più affidabile degli incensurati grillini per il gregge renzoide

Piero Corallo
Piero Corallo

Avanti tutta i tempi sono maturi...riforma del senato(inutile) riforma della giustizia e legge elettorale con le liste bloccate cosi' Renzi sistemera' gente come te e qualche altro zerbino..tutti protetti dall'immunita'..ed il beato Silviuccio da oggi Santo potra' dedicarsi ai suoi passatempi preferiti...e tutti vissero felici e contenti...la speranza sta in qualche scossone d'orgoglio di questo povero paese...che vergogna!!

Antonio Polese
Antonio Polese

vorrei tanto desiderare ke forza italia distruggesse il pd, vorrei vederle /i questi politici cosa direbbero ..