•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 7 aprile, 2012

articolo scritto da:

Danimarca: le difficoltà del governo guidato dalla Thorning-Schmidt

Thorning-Schmidt danimarca

Gli elettori danesi di sinistra non sono soddisfatti del governo guidato dai socialdemocratici. Sono passati solo sei mesi dalle elezioni dello scorso settembre ma i delusi sono già tanti. C’è poco da dire: i sondaggi non lasciano spazio a dubbi. A fine marzo il  quotidiano Politiken ne ha pubblicato uno: solo un elettore laburista su tre ritiene Helle Thorning-Schmidt (nella foto) un primo ministro all’altezza. Pochi giorni dopo ne arriva un altro: a un migliaio di danesi è stato chiesto di indicare chi tra i tre leader della coalizione di maggioranza sta facendo meglio. Ne sono usciti dati impietosi per i due esponenti di sinistra: Villy Søvndal, leader del Partito Popolare Socialista e ministro degli Esteri, ha raccolto solo il 2%; la premier socialdemocratica Helle Thorning-Schmidt il 12%. Su tutti spicca Margrethe Vestager, che guida la Sinistra Radicale (a dispetto del nome un partito centrista) ed è ministro dell’Economia. Difficile non leggere in questi numeri la delusione di una fetta di elettorato che si aspettava di più. Sono di nuovo i sondaggi a raccontare come gli elettori di sinistra stiano abbandonando il partito Socialdemocratico e il Partito Popolare Socialista. Il primo oggi avrebbe – punto più punto meno – qualcosa come il 20%: pochissimo, per un partito che anche nei difficili primi dieci anni del nuovo millennio era stato comunque in grado di galleggiare intorno alla soglia del 25%. Peggio sta il Partito Popolare Socialista (intorno al 6%), in caduta da mesi e ormai abbondantemente superato dall’Alleanza Rosso-Verde che appoggia il governo e che ha sempre più intenzione di farlo pesare eccome, questo appoggio.

[ad]Non sono fulmini a ciel sereno. Alle elezioni parlamentari dello scorso settembre, il partito socialdemocratico aveva preso il 24,9%, mai così male dal 1903. Il Partito della Sinistra Socialista s’era fermato solo al 9,2%, sorpassato in extremis e un po’ inaspettatamente anche dalla Sinistra Radicale. Qualcosa stava succedendo e ha continuato a succedere. Sei mesi dopo, infatti, quel campanello d’allarme suona sempre più forte. Andare al governo, per la sinistra ha probabilmente complicato le cose.

Di fronte a questo scivolamento, il tentativo dei vertici della maggioranza – compresa la stessa Helle Thorning-Schmidt – è stato quello di dare poco peso ai sondaggi: non è servito a molto, come non sono servite certe spiegazioni dal sapore tecnico e un po’ superficiale. Lo scorso gennaio, celebrando (si fa per dire) i primi cento giorni da premier, e dovendo già confrontarsi con le pressioni di una grossa fetta di danesi amareggiati,la Thorning-Schmidtha provato a spiegare perché in tre mesi molti danesi sembravano già stanchi di lei, al contrario di quanto accaduto nel 2001 quando la luna di miele tra i conservatori e l’elettorato era stata abbastanza lunga: “E’ stato sicuramente più semplice assumere la guida del paese nel 2001 rispetto a quanto accaduto a noi nel2011”. Una risposta semplice semplice e in fondo anche vera, ma inaccettabile per una nazione che lo scorso settembre ha scelto di cambiare dopo dieci anni con i conservatori.

Thorning-Schmidt danimarca

Il rapporto tra gli elettori di sinistra e la maggioranza guidata dai socialdemocratici è stato subito complicato. Aspettative disattese, qualche errore a ingarbugliare le cose, certe scelte di comunicazione poco oculate. Anche alcuni atteggiamenti. Come Villy Søvndal, che si è detto stufo delle critiche al suo modo di parlare. Come Helle Thorning-Schmidt che per almeno due, tre mesi (quelli iniziali) ha dato l’impressione di non essere sfiorata dalle critiche, di non sentirle neppure. Una strategia che non ha dato frutti tanto che, come evidenziato da diversi analisti politici, a metà gennaio il comportamento della premier è drasticamente e fulmineamente cambiato.

Il vero problema, però, è che molte delle promesse elettorali dei partiti della coalizione sono rimaste sulla carta. La svolta che tanti danesi aspettavano non c’è stata o comunque non è percepita. Esempi sparsi: c’erano da risolvere i nodi del mercato immobiliare; l’ambizioso piano energetico è stato approvato solo dopo che, a colpi di veti, l’opposizione conservatrice ha ottenuto molto di quello che voleva; la ‘tassa sul traffico’ a Copenhagen è stata accantonata dopo mesi di confuse trattative. Proprio quest’ultimo esempio fa capire di cosa parliamo: stretto tra pressioni esterne e debolezze interne, l’esecutivo si è infilato in un vicolo cieco. E alla fine è andato a sbattere. L’idea di istituire un pedaggio perla Capitaleera stato uno dei capisaldi della campagna elettorale di Villy Søvndal: col denaro recuperato si sarebbero abbassate le tariffe del trasporto pubblico. Inoltre Copenhagen avrebbe risolto il problema del traffico e dell’inquinamento. Niente da fare: dopo settimane e settimane di trattative il tavolo è saltato. Tutto rinviato a data da destinarsi, con la promessa (rinnovata) di investire risorse per migliorare i trasporti. Søvndal ne è evidentemente uscito male.La Vestagersi è cautamente tenuta ai margini del polverone. Sulla premier Thorning-Schmidt sono piovute critiche del tipo “debole leadership” e “maggioranza divisa”.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments