•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 23 luglio, 2014

articolo scritto da:

Storace: “Federazione centrodestra difficile. Si odiano tutti”

storace vilipendio

La ricostruzione del centrodestra agognata da Berlusconi rischia di rivelarsi un vero e proprio flop. Troppo distanti obiettivi e programmi degli ipotetici alleati. Alfano e Salvini si guardano in cagnesco mentre in Forza Italia sono in molti ad essere scettici su un possibile ritorno all’ovile degli alfaniani. Il problema di fondo però è un altro: tutti si odiano. Questa almeno è l’opinione di Francesco Storace. “Galvanizzato dal processo Ruby, Berlusconi ha deciso di ricominciare una nuova vita e si è messo in testa di federare tutti quelli che si odiano. Partita complicata, direi. Che rischia di essere scarsamente credibile agli occhi degli italiani. Il 50 per cento dei quali non vota più” scrive il leader de La Destra, sul Giornale d’Italia.

Francesco Storace

Francesco Storace

 

A Berlusconi dico, prosegue, che “se non si affronta la partita sul piano dei contenuti, sarà difficile creare una coalizione alternativa alla sinistra. Soprattutto con quelli che con lui ci sono stati più per convenienza che per convinzione e che quando è andata storta si sono messi per conto loro. Vale per il Nuovo centrodestra e vale per Fratelli d’Italia, entrambi hanno preferito giocare in proprio. E non tocco l’argomento delle risorse economiche”. Gli italiani “orfani della destra vanno ricondotti alla base con messaggi affascinanti: non è sufficiente una semplice riaggregazione”, sottolinea Storace.

“Bisogna parlare con chiarezza e lungimiranza. E coerenza”. Molti i temi su cui puntare, secondo Storace: dal presidenzialismo alla messa in discussione dell’assetto europeo e delle sue scelte politiche, dalla battaglia sulla partecipazione nel mondo del lavoro all’immigrazione con il no a Mare nostrum, dalla chiarezza sui temi etici a quella sul rapporto col governo Renzi. “È vero – dice a proposito di quest’ultimo – che sotto sotto riaffiora la volontà di rimettersi a governare con la sinistra? Sarebbe il colpo di piccone definitivo alla ricostruzione di un’alleanza di centrodestra. È bene che Berlusconi lo comprenda una volta per tutte. E comunque c’è tempo per decidere il da farsi attorno al partito-pilastro della coalizione berlusconiana. A ferragosto si fanno i bagni e non la rivoluzione”.

Condividi su

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

4 Commenti

  1. Enrico Ratti ha scritto:

    Si ma la politica non si fonda sui sentimenti ma sul tempo e sul fare!

  2. Alberto Sorvillo ha scritto:

    “È vero – dice a proposito di quest’ultimo – che sotto sotto riaffiora la volontà di rimettersi a governare con la sinistra? Sarebbe il colpo di piccone definitivo alla ricostruzione di un’alleanza di centrodestra”

  3. Alberto Sorvillo ha scritto:

    Sotto sotto? In pieno sole e non da oggi

  4. George Ross ha scritto:

    Ai pienamente ragione , si vogliono chiamare moderati, ed io lo vorrei, ma come si fa’ se tra di loro c’e’ guerra fino l’ultima goccia di sangue in corpo ?
    Per i posti di comando!!!!

Lascia un commento