•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 24 luglio, 2014

articolo scritto da:

Continua il dibattito sulle riforme, tra ostruzionismo e minacce di elezioni

pier luigi bersani pd

“Così non si va avanti”. A guidare la truppa degli insofferenti nei confronti dell’accelerata sulle riforme è l’ex segretario del Partito Democratico, Pier Luigi Bersani. Che, in un’intervista concessa al ‘Mattino’, aggiunge, a proposito del suo partito: “poca dialettica interna”.

“FERMIAMOCI A DISCUTERE” – Le paure di Bersani – che negli ultimi giorni si era già espresso a più riprese sul percorso delle riforme – riguardano la futura conformazione delle Camere e del sistema partitico: “ormai è stato cancellato il finanziamento pubblico, e se da qui a un anno non si cambia rischiamo di trasformarci in un comitato elettorale che si compone, ad ogni appuntamento con le urne, attorno ad un candidato”. E, a proposito della mancanza di dialogo dentro al PD, Bersani parla di problemi strutturali: “per la prima volta il premier e il segretario sono la stessa persona. Non si parla, non ci si confronta perchè ogni volta che lo fai, o ci provi, la dialettica viene riflessa sull’immagine del governo e si sposta sul Paese”. Per Bersani la via d’uscita sulle riforme è una sola: “fermarsi e discutere. Non dico un congresso, ma occorre una dialettica interna perchè vedo che manca ordine e disciplina nel partito”. E smentisce la volontà di guidare l’opposizione interna: “non mi ci vedo affatto nel ruolo di un capo fazione o chissà cosa”.

ORFINI: RIFORME O URNE – “Questa legislatura è nata con uno spirito costituente. È evidente che se l’obiettivo delle riforme costituzionali, che ha giustificato la nascita dei governi Letta e poi Renzi, dovesse rivelarsi impraticabile, le elezioni anticipate sarebbero inevitabili”. L’avvertimento arriva direttamente dal presidente del PD, Matteo Orfini, intervistato da ‘L’Unità’. Che aggiunge: “la maggioranza ha dimostrato un’ampia disponibilità ad accogliere modifiche. Ma non si può accettare uno stravolgimento dell’impianto complessivo”. L’attacco, più che alla minoranza interna, è rivolto al partito di Nichi Vendola: “sono stati i seimila emendamenti di Sel a rendere la situazione ingestibile, e mi pare evidente che non si tratti di questioni di merito, ma di una strumentalizzazione”. Mettendo a rischio anche future alleanze: “se Sel ci accusa di autoritarismo, fino al punto da paralizzare il Parlamento, mi pare evidente che non voglia allearsi con soggetti così pericolosi, neppure a livello locale. Io spero che Sel cambi atteggiamento, se non accadesse la scelta di rompere non sarebbe nostra”.

matteo orfini

D’ATTORRE: URNE? NON CI SPAVENTANO – La minaccia di ricorso alle urne, in caso di stallo reiterato sulle riforme, non va giù però alla minoranza PD. E così Alfredo D’Attorre – intervistato da ‘Repubblica’ – replica a muso duro: “esponenti vicini a Renzi come Roberto Giachetti e Matteo Orfini hanno agitato lo spauracchio. Ma la minaccia di elezioni anticipate non spaventa nessuno, anche un bambino sa riconoscere una pistola ad acqua”. E aggiunge: “andare al voto con il Consultellum non va bene nè per il paese, nè per il Pd, nè per Renzi”. E poi traccia l’identikit di quelli che, a parer suo, sono i veri nemici di Renzi: “a destabilizzare la leadership di Renzi sono coloro che minacciano elezioni anticipate perchè trasmettono un’idea di insicurezza e instabilità”.

DI MAIO (M5S) E L’OSTRUZIONISMO – Sul pantano del percorso di riforme interviene anche Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera intervistato da ‘Avvenire’. L’esponente del M5S spiega: “la fine dell’ostruzionismo è nelle mani di Renzi. Iniziamo dal Senato elettivo e dall’immunità. Diano un segnale di apertura e di dibattito su questi temi e l’ostruzionismo si può fermare”. E rilancia la disponibilità al dialogo: “noi con il Pd stiamo usando un metodo trasparente, senza veti e tabù”. Il problema, per Di Maio, è un altro: “quando c’è da mettersi a trovare un vero punto di contatto, loro rinviano”. Il vicepresidente di Montecitorio rilancia altri punti ritenuti prioritari dal M5S: “riduzione del numero dei deputati e dei loro stipendi, per l’Italicum sbarramento ai pregiudicati, doppio turno di lista per evitare nuovi Mastella che condizionino i governi, il no alle pluricandidature”. Trovato un punto di contatto e sintesi, la strada è una sola: “poi decide la rete”. E avverte, a proposito della minaccia di elezioni anticipate: “noi siamo pronti al voto, ma prima sarebbe auspicabile cambiare la legge elettorale”.

Emanuele Vena

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da: