•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 10 aprile, 2012

articolo scritto da:

Termometro Finanziario: mercati in ribasso, correzione o fine della corsa?

mercati

Termometro Finanziario: mercati in ribasso, correzione o fine della corsa?

 

Settimana in decisa correzione sulle principali borse mondiali: per il momento il calo è abbastanza fisiologico, considerando se si considera il rally in atto da oltre sette mesi, e dunque le prese di beneficio da parte degli operatori non devono stupire. La lente attraverso cui guardare i mercati, però, restano i dati macro, che segnalano luci ed ombre.

[ad]Ricordiamo brevemente che la Spagna sta scricchiolando, e ciò è ben dimostrato dallo spread fra Bonos spagnoli e Bund tedeschi, tornato in area 400 punti: se l’austerity imposta da Berlino e Paesi affini non dovesse funzionare (come la logica,la teoria e la pratica economica fanno intendere), l’Europa potrebbe non avere denaro sufficiente a salvarla, visto che stiamo parlando di un Paese non minuscolo, e con un debito pubblico ben disseminato nel sistema bancario, e che potrebbe dunque scatenare una crisi che accentuerebbe l’effetto domino partito con la caduta della Grecia e il progressivo afflosciamento del Portogallo: subito dopo la Spagna, va ricordato, c’è l’Italia, e il suo elefantiaco debito pubblico.

mercati

I dati macroeconomici, invece, fanno intuire che potremmo essere ad un punto di svolta, e le notizie positive degli ultimi tempi potrebbero lasciare il posto ad almeno un sospiro di rallentamento. Se gli indici dei direttori degli acquisti, segnatamente quelli USA, fanno trasparire ottimismo, non così è per il mercato del lavoro: venerdì il report sul lavoro ha segnalato che, pur essendo il tasso di disoccupazione calato dell’8,2%, i nuovi posti di lavoro creati si sono fermati a 120mila unità, ben sotto le 200mila attese. Dato per nulla incoraggiante, se si pensa che non può esserci ripresa vera se non riparte il mercato del lavoro, e se tutti questi disoccupati non verranno riassorbiti.

Quanto ai dati macro, la settimana prossima sarà piuttosto avara di notizie attese: i report che più condizioneranno i mercati verranno rilasciati prevalentemente giovedì e venerdì.

Nel primo caso, al mattino conosceremo il dato della produzione industriale europea, che dovrebbe attestarsi in contrazione a -0,2%, in ribasso rispetto al mese precedente (0,2%); al pomeriggio usciranno i consueti “jobless claims”, che dovrebbero mostrare che i nuovi sussidi di disoccupazione richiesti negli USA sono stati 359 mila, in rialzo rispetto ai 359mila della settimana scorsa. Completano la giornata i prezzi alla produzione USA, che dovrebbero crescere allo stesso tasso segnato nel mese precedente.

Venerdì mattina occhio ai prezzi al consumo tedeschi, tema molto caro a Berlino e dintorni: questa misura dell’inflazione dovrebbe segnare un rialzo dello 0,3%, come il mese precedente. Nel pomeriggio verrà resa nota la medesima statistica relativa agli Stati Uniti (+0,3% secondo il consensus), e inoltre si avrà la lettura preliminare dell’indice che misura la fiducia delle famiglie dell’università del Michigan, prevista stabile sui livelli dell’ultima rilevazione.

Condividi su

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

La ricetta di Orlando

La ricetta di Orlando

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento