•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 3 agosto, 2014

articolo scritto da:

Berlusconi e Renzi: un matrimonio felice (per ora)

incontro renzi berlusconi

Martedì? Mercoledì? Quando sarà il prossimo incontro tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi? Gli analisti politici non si sbilanciano ma sono certi: l’attesa réunion tra i due leader avverrà questa settimana. Sarà il terzo appuntamento, l’ultimo prima della pausa estiva, che servirà a fissare i paletti dell’intesa sancita in quel misterioso Patto del Nazareno al cui interno, secondo i dietrologisti più accaniti, sono contenuti accordi segretissimi (grazia a Berlusconi, strada sbarrata a Prodi per il Quirinale).

L’ITALICUM – Al tavolo del terzo summit la portata principale sarà la rivisitazione dell’Italicum. I punti da rivedere sono principalmente tre: alzamento della soglia per evitare il ricorso al doppio turno, sbarramento da abbassare dal 4,5 al 3,5% per venire incontro a NCD e Lega e preferenze (con i capilista bloccati). L’intesa, spiegano i fedelissimi di premier e Cav, è ad un passo. Poi si cercherà di approvare la legge elettorale entro l’anno. E così la marcia delle riforme proseguirà senza sosta e senza ostacoli. Almeno per ora.

INSIEME PER FORZA – Berlusconi e Renzi non nascondono di avere bisogno l’uno dell’altro. “E’ importante che Berlusconi stia al tavole della riforme elettorale come è stata già a quello della riforma costituzionale – ha detto ieri il premier ritornando dall’Egitto – Questo è un elemento di serietà del sistema e sarebbe un segnale importante”. Da Villa San Martino, il leader di Forza Italia ringrazia e raccomanda ai suoi di stare calmi e di non attaccare il premier. Nemmeno sull’economia. “Lasciamo che sia lui a logorarsi da solo. Noi siamo una forza responsabile e impegnata nelle riforme, tutti ce ne dovranno dare atto”.

LA SCONFITTA DEL FRONTE RIBELLE – Il fatto che il patto del Nazareno regga lo si capisce anche dallo sfaldamento del fronte delle opposizioni. Il senatore ribelle del Pd Felice Casson ammette la sconfitta: “Abbiamo condotto una battaglia per mantenere vivo il principio del Senato elettivo – spiega il parlamentare dem in un’intervista a Repubblica – Ma prendo atto del voto della maggioranza, la democrazia è questa”. Sul Messaggero, il suo collega Vannino Chiti analizza i perché della sconfitta: “Avere un oceano di emendamenti simili non conviene a nessuno, svilisce il dibattito. Il passo indietro di Sel? Un grande errore. Non s’è capito che un’opposizione non è forte se presenta 7 mila emendamenti ma se ne presenta 7 e su questi 7 apre un confronto”. La vittoria sul fronte ribelle è certificata anche dalla granitica convinzione del presidente del Senato, Pietro Grasso, che indica l’8 agosto come termine ultimo per l’approvazione della riforma: “Per adesso non ci sono cambiamenti, il calendario resta quello stabilito con i capigruppo”.

ANDARE AL VOTO – Non tutti sono però convinti che il percorso delle riforme procederà senza ostacoli. Secondo alcuni sarebbe meglio andare alle urne e rifare tutto con un Parlamento nuovo. Ne è convinto il sindaco di Firenze Dario Nardella. “Di fronte all’accidia di forze politiche che sanno dire solo no, tanto varrebbe fare la nuova legge elettorale e andare al voto. Il pantano del Senato fa male a tutti, e mina la nostra credibilità anche a livello internazionale” spiega il primo cittadino in un’intervista al Corriere della Sera. “Voto o non voto, comunque ci vuole una svolta. Bisogna sbloccare questa situazione. Così non si può procedere”.

GRILLO “PINOCHET MEGLIO DI RENZI E BERLUSCONI” – Gli italiani hanno il sacrosanto diritto di sapere e i giudici di indagare sui colloqui privati del trio Napolitano-Renzie-Berlusconi dato che riguardano il futuro della Nazione. Meglio Pinochet di questi sepolcri imbiancati e bimbominkia assortiti”. È quanto si legge sul blog di Beppe Grillo in un post dal titolo “I due segreti di Fatima”, alludendo alle “conversazioni tra Mancino e il signor Napolitano” e al “Patto del Nazareno”.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

31 comments
Giuseppina Congiusta
Giuseppina Congiusta

e renzi era atteso come il messia, altroché continuano le solite ingiuste e la politica di sempre

Mirko Brambiti
Mirko Brambiti

non ci vuole molto ad essere meglio di questi tre....

G.b. Perazzo
G.b. Perazzo

tutti ivmatrimoni di Silvio sono felici..poi divorzia e si rifidanza....inaffidabile come partner.........

Mario Mucedda
Mario Mucedda

anttento Matteo,, non diventare il cavallo di troia di Berlusconi,, sarebe la tua fine politica.

Giancarlo De Luca
Giancarlo De Luca

Loro sono dei delinquenti senza scrupoli ma gli li ha votati è in coglionazzo senza cervello

Giuliana Troni
Giuliana Troni

Una bomba d'acqua al Nazareno sarebbe il massimo....

Mimmo Ristori
Mimmo Ristori

Per carità non presentate un semplice rapporto politico (mooolto puzzolente peraltro), come un Sacramento o vi riempio di "sacramenti".

Gerry Preziosi
Gerry Preziosi

Fermate questi, wontend....... Hanno già fatto abbastanza danni

Saverio Lisco
Saverio Lisco

ridi..ridi...sta pensando come infjnocchiare pure te.cialtrone.

Alessandra Zaccari
Alessandra Zaccari

la strana coppia... solo che a differenza dei simpatici Jack Lemmon e Walter Matthau, questi invece non fanno per nulla ridere, anzi....

Francesco E Basta
Francesco E Basta

Renzi è riuscito più che a rottamarlo a ripulirlo x bene! Ora il vecchio deve aiutarlo a governare! Ecco il loro patto segreto.. Il fatto non sussiste per i voti del pdl.. Se noi abbiamo questa magistratura dove i politici possono anche modificare una sentenza, beh allora come paese siamo messi veramente male

Marco Angius
Marco Angius

questi due mi fanno schiffo. ma non hanno colpa, il problema maggiore e di quelli che continuano a votarli

Lorenzo Mascherpa
Lorenzo Mascherpa

ragion di stato, si fanno alleanze per proseguire per la propria strada, di uomo politico e di partito, poco interessano le ragioni etiche e morali e i problemi della gente se tutto va bene la politica di renzi dovesse riuscire avrebbe inciso sul miglioramento dell'economia italiano dello 0, 3 % esagerando. Comunque i problemi non si risolvono facendo miseri regali a certe categorie ( vedi 80.00€) e non interessandosi a quelle produttive per il paese.

Marco Corvi
Marco Corvi

Chi più falso? Uno è truccato da giovane o da trans se preferite, l'altro..... mah che so è uno vero come una banconota (a rendere) da 80€......