•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 8 agosto, 2014

articolo scritto da:

Il premier Matteo Renzi: “Italia non è mai stata fuori da recessione, ma possiamo farcela”

renzi

Non intende mollare: “Dalla recessione non siamo mai usciti tecnicamente”, ma “con buona pace di gufi e sciacalli, l’Italia non è finita e può continuare ad essere un punto di riferimento”. A parlare è Matteo Renzi, ospite alla trasmissione televisiva di La7 “In Onda”, che affronta il tema caldo dell’economia.

ITALIA CE LA PUO’ FARE – Pur avvertendo che “alcuni dati dicono che persino paesi come la Germania che hanno dati molto meglio dei nostri iniziano a dare segnali non belli”, Matteo Renzi continua a professarsi ottimista. Perchè l’Italia è “la seconda manifattura d’Europa, c’è domanda d’Italia nel mondo”. L’inversione di rotta ha dunque spazio per materializzarsi, ma ad una condizione: “l’Italia deve cambiare”.

RECESSIONE TECNICA – Il premier minimizza il concetto di recessione tecnica: “dipende dal segno meno consecutivo negli ultimi due trimestri. Ma negli ultimi anni l’Italia ha il segno meno per 11 volte, tranne una pausa. Dalla recessione non siamo mai usciti”. E mostra fermezza dinanzi alle ipotesi di sfacelo: “l’Italia ha delle condizioni economiche per le quali è molto più forte delle paure di chi o teme un default o un fallimento. L’ipotesi che arrivino lettere da Bruxelles non esiste”.

renzi

DEFICIT/PIL E DRAGHI – Matteo Renzi non nega le difficoltà, a partire dal 2015 in cui per stare sotto il 3% di rapporto deficit/Pil “anche con una crescita non esaltante, a noi servono 16 miliardi di spending review”. E si mostra concorde con Draghi, il quale “ha detto una cosa sacrosanta: dobbiamo rimettere in ordine l’Italia per farla diventare più competitiva”.

RIFORME – Il premier affronta anche il nodo riforme, a partire dal ddl Senato. Matteo Renzi rivendica il successo: “oggi si è finito di votare gli emendamenti. Scommettevano che non ce l’avremmo fatta, ora io dico grazie ai senatori che hanno sopportato gli insulti e hanno portato a casa il voto di 7.000 emendamenti alcuni dei quali ostruzionistici”. Una riforma che è importante perchè dimostra “che la politica per una volta non chiede sacrifici alla gente ma a se stessa”, e va ad aggiungersi agli 80 euro, “simbolo che per la prima volta non abbiamo chiesto ma dato ai cittadini”.

TAGLIARE LE TASSE – Per il 2015 Matteo Renzi annuncia anche una riduzione della pressione fiscale: “se nel 2014 abbiamo dato 80 euro da maggio, abbiamo fatto 8/12 mentre il prossimo anno ridaremo tra i 10 e gli 11 miliardi”. Come? Tramite una manovra di taglio alla spesa, già avviata con la riduzione delle auto blu e l’imposizione del tetto agli stipendi dei manager pubblici.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

36 Commenti

  1. Ricciardo Silvio ha scritto:

    prima ti togli dalle palle e meglio sara’ x tutti

  2. Lamberto Giusti ha scritto:

    Con te e i politici attuali MAI….

  3. Paola Mercuri ha scritto:

    fai bene a ridere…hai capito che gli italiano sono una massa di pecorelle….bravo continua così……

  4. Stefano Sonlieti ha scritto:

    mai fuori da recessione ma sempre aperta ai clandestini #piacenzadeiclandestini

  5. Maikol Borsetti ha scritto:

    Proprio ti piace piangerti addosso e peggiorare le cose…
    Secondo me molti italiani meritano la crisi che c’è!

  6. Sergio Jí Ào Radano ha scritto:

    Coglioni italiani! incapaci di cambiare, ancorati al passato, imbecilli, prendete esempio dal nord europa, dalla Germania per primo se ne siete in grado, ma non ne siete in grado, il sud italia è in totale degrado e abbandono, se si escludono le coste turistiche ovviamente. ma siamo troppo latini per essere razionali, siamo dei selvaggi! e chi semina vento raccoglie tempesta. italia e soprattutto sud italia, paese di merda.

  7. Ricciardo Silvio ha scritto:

    A questo punto è doveroso affermare che la politica del governo, soprattutto quella non economica, si sia rivelata uno straordinario buco nell’acqua. Fanfara su 80 euro e riforme stavolta non salveranno la faccia del Messia, neanche l’ululare alla luna dei suoi fedeli. Disoccupazione, pressione fiscale, consumi e PIL parlano chiaro, a meno che non siano veramente tutti dei gufi…..
    Fare peggio di Letta sembrava impossibile, Renzi ci e’ riuscito
    il ministro padovan dichiara stamattina in italia non arrivera la Troika … gli cambieranno il nome … come sempre.
    Siamo come il Titanic che sta affondando e il 40,8% che ha votato PD-Renzi è l’orchestra che continua a suonare.
    Ma il PD non era quello della “speranza” e di “quelli che ci credono”? mi sembra non stia aiutando molto. Pataccari. Voi e chi vi ha votato.

  8. Moscardi Fernando ha scritto:

    e’ l’unica salvezza,altrimenti la MERKEL

  9. Marco Corvi ha scritto:

    Oh questo ogni giorno dice una cosa diversa! Silvio almeno faceva un giorno si è uno no……

  10. Nicola Sforza ha scritto:

    C O G L I O N A Z Z O.

  11. Giuseppe Prestigiacomo ha scritto:

    Un buffone al comando di un paese

  12. Giuseppe Prestigiacomo ha scritto:

    Un buffone al comando di un paese

  13. Giulio Giliberti ha scritto:

    basta con annunci e promesse. E’ tempo di operare concretamente

  14. Giulio Giliberti ha scritto:

    basta con annunci e promesse. E’ tempo di operare concretamente

  15. Luisa Bacocchia ha scritto:

    o cicci smetti di cazzeggiare

  16. Luisa Bacocchia ha scritto:

    o cicci smetti di cazzeggiare

  17. Salvatore Bernocco ha scritto:

    Sì, domani!

  18. Salvatore Bernocco ha scritto:

    Sì, domani!

  19. Strazzulla Giuseppe ha scritto:

    ma dove l’hanno trovato un cretino simile

  20. Strazzulla Giuseppe ha scritto:

    ma dove l’hanno trovato un cretino simile

  21. Assunta Cataldi ha scritto:

    Non ce la farai sei arrogante e prepotente e pensi di fare tutto da solo …illuso

  22. Assunta Cataldi ha scritto:

    Non ce la farai sei arrogante e prepotente e pensi di fare tutto da solo …illuso

  23. Ignazio Farinello ha scritto:

    con i tuoi sprechi sarà dura

  24. Ignazio Farinello ha scritto:

    con i tuoi sprechi sarà dura

  25. Gabriele Lorenzetti ha scritto:

    ebetino

  26. Gabriele Lorenzetti ha scritto:

    ebetino

  27. Alberto Sorvillo ha scritto:

    No, voi siete il problema.

  28. Alfonso Palma ha scritto:

    Ritirati prima che la gente si incazzi maggiormente.Sono contenti gli elettori del pd? Ci facciano sapere.

  29. Vincenzo Lopriore ha scritto:

    Ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah , ci pigliano per il culo alla grande ormai da cinque lunghissimi anni e il bello e’ che peggiora….

  30. Antonio Giovanni Meraviglia ha scritto:

    a volte troppo chianti fa male…..

  31. Grazia Gioè ha scritto:

    ……………………………………. si è sentito???

  32. Gianfranco Leonelli ha scritto:

    passerà alla storia per le sue profezie………..

  33. Guido Moro ha scritto:

    ma mi faccia il piacere….

  34. Oriella Codato ha scritto:

    e proprio la MERKL senza altrimenti.

  35. Nicola Valentino Meddis ha scritto:

    Renzi hai fallito vattene a casa L’ITALIA a bisogno di lavorare che sono senza lavoro grazie alla vostra politica gli italiani l’avete portati alla rovina ……

  36. Franco Rho ha scritto:

    Mai nella storia del capitalismo occidentale si era vista una “moria” di imprese! In italia non è più possibile chiamare un imprenditore “il fallito” negli atti ufficiali come se il dissesto economico-finanziario dell’azienda fosse dovuto esclusivamente ai capricci di coloro che muovono i fili dell’economia mondiale piuttosto che alle decisioni scellerate di chi dirige un’impresa. Io credo invece che i singoli imprenditori possa fare la loro parte per risollevarsi. Per esempio l’accordo di ristutturazione 182bis è l’unico istituto giuridico che permette ad un fornitore di portare immediatamente a perdita il costo dello stralcio, con un’ulteriore possibilità di recuperare l’IVA!
    La possibilità di portare a perdita il credito stralciato e di recuperare l’IVA ti da uno strumento potentissimo nella ricerca di un accordo con i tuoi fornitori per cercare di stralciare e chiudere le loro posizioni.
    CHIAMA il 3421441877 FACENDO MENZIONE DI QUESTO POST https://www.facebook.com/pages/Riaccendere-i-motori-Innovazione-merito-ordinario-rinascita-italiana/240021259517721?hc_location=timeline

Lascia un commento