•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 10 agosto, 2014

articolo scritto da:

Il Presidente del Senato Pietro Grasso: “Su ddl Boschi io imparziale, ma non mi candido al Quirinale”

pietro grasso

Spossato come dopo una maratona, ma sollevato. Questa la risposta del Presidente del Senato, Pietro Grasso – intervistato dal quotidiano ‘Repubblica’ – alla domanda sulle sue sensazioni dopo la full immersion non stop per l’approvazione del ddl Senato. Con un solo obiettivo nel futuro immediato: “Ricaricarmi qualche giorno nella mia Palermo”.

IL GIOCO DELLE PARTI – A chi gli accusa di esser stato – a momenti alterni, durante l’iter del ddl Boschi – dalla parte della maggioranza o dell’opposizione, Grasso risponde con un sorriso: “Mi verrebbe da rispondere con una battuta: sono stato due settimane in croce. Seriamente invece posso assicurare di non essere stato né con l’una né con l’altra: il presidente del Senato ha compiti ben precisi e deve essere terzo e imparziale. Credo di esserlo stato fino in fondo”. E ammette di aver faticato a non replicare agli insulti: “È stato un bel training di autocontrollo. In una maratona così ciascuno ha le sue lamentele, ma io ho cercato di tenere la barra dritta e condurre in porto la barca nonostante la tempesta”. Il tutto con un solo compito: “sono un servitore delle istituzioni che mira a far funzionare una macchina complessa”.

RAPPORTI – Pietro Grasso respinge le critiche di Renzi sugli eccessivi cedimenti all’opposizione – “Non credo, era giusto dare spazio” – e sul voto segreto che ha portato a due sconfitte per la maggioranza:
“io l’ho ammesso su temi specifici, com’è giusto”. Quindi ringrazia il lavoro fatto dai funzionari del Senato: “hanno lavorato giorno e notte sugli emendamenti e mi hanno aiutato nelle decisioni”. Da Grasso parole positive anche per quanto riguarda il rapporto con il ministro Boschi, intestataria della riforma del Senato: “rapporti istituzionali e reciprocamente collaborativi”.

pietro grasso

CORSA AL QUIRINALE – A chi gli chiede se l’atteggiamento tenuto durante l’iter del ddl Boschi può essere uno spot per una sua candidatura al Quirinale, Pietro Grasso risponde: “L’idea di un traguardo del genere non mi ha nemmeno sfiorato. In 18 mesi in Senato con le mie decisioni tra voti segreti e palesi, costituzioni in giudizio e canguri, è chiaramente emerso che non ho mai avuto presente alcun interesse di parte e tantomeno personale”.

SENATO NON ELETTIVO – Grasso, che si era speso per un Senato elettivo, non si sente sconfitto: “In una fase iniziale in cui la riforma era aperta a contributi ho espresso le mie idee. La maggioranza dell’aula ha deciso diversamente, e io rispetto questa decisione”. Grasso ammette che “il muro contro muro ha squalificato la qualità del dibattito” e riguardo ai problemi di democrazia denunciati da Zagrebelsky dichiara: “L’importante è avere un’ottica di sistema. Sarà necessaria una messa a punto alla Camera di questa riforma e al Senato della legge elettorale”. Grasso stempera anche le polemiche a proposito dell’immunità: “Recentemente, le decisioni di Senato e Camera hanno rassicurato i cittadini su un punto dirimente: l’immunità non si trasforma più come in passato in impunità”. Anche se, ammette il Presidente di Palazzo Madama, “avrei preferito demandare le decisioni a un organo terzo come la Consulta”.

ITALICUM E GIUSTIZIA – Sulla legge elettorale, Grasso condivide la necessità di modificare l’alto sbarramento, perché “non si possono tagliare fuori dal Parlamento i rappresentanti di milioni di elettori”. L’inquilino di Palazzo Madama parla anche della riforma della Giustizia, non credendo alle “dietrologie” su un eventuale patto tra Berlusconi e Renzi: “Giudicherò i fatti, valutando le proposte che verranno portate in Parlamento. Ritengo apprezzabile lo sforzo di sistematicità dei 12 punti. La priorità da vent’anni è l’accelerazione dei processi, soprattutto quelli civili, per favorire gli investimenti stranieri”. A proposito di corruzione, Grasso dichiara: “La corruzione è uno dei più gravi problemi del Paese, altera la concorrenza, impedisce lo sviluppo, scoraggia gli investimenti, s’intreccia con la mafia ed è responsabile di una deriva etica della politica. Bisogna intervenire al più presto”. Sulla possibilità che il ministro Orlando possa modificare la prescrizione, l’ex magistrato si mostra ottimista: “Ho fiducia in lui”. Nessun dubbio sulla responsabilità civile: “Il sistema va adeguato alla disciplina europea, visto che siamo in procedura d’infrazione”.

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

La ricetta di Orlando

La ricetta di Orlando

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

4 Commenti

  1. Marco Corvi ha scritto:

    Ah ah ah ah

  2. Luisa Bacocchia ha scritto:

    non puoi quel posto è del corruttore

  3. Domenico Bianco ha scritto:

    manca solo più lui

  4. Francesco Silvano ha scritto:

    Io sto con Casella!!!

Lascia un commento