•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 13 agosto, 2014

articolo scritto da:

Accordo di partenariato, la Commissione rimanda il piano italiano per i fondi europei

Rimandato a settembre. Non si tratta di un alunno poco studioso, ma dell’accordo di partenariato con l’Unione Europea sui fondi da spendere nel settennato 2014-2020. La bozza era stata inviata dal governo italiano a Bruxelles lo scorso 22 aprile. Lo si apprende da una lettera che la Commissione ha inviato a Palazzo Chigi già un mese fa e rimasta inedita per tutto questo tempo.

MANCA UNA STRATEGIA – Motivo di questa netta decisione? La mancanza di una strategia. Bruxelles bacchetta l’Italia ancora una volta, evidenziando alcuni punti di debolezza del piano presentato. Il primo riguarda i gravi problemi di governance del nostro Paese, a cui si aggiunge l’assenza di strategie di specializzazione e la confusione tra assistenza tecnica e capacità istituzionale. Non manca, poi, un riferimento all’apparato dello Stato: secondo la Commissione, la Pubblica amministrazione italiana è inefficiente e non funziona bene. Un’altra tegola in testa, dunque, per la macchina statale, dopo quella ricevuta dal bollettino statistico di Bankitalia Finanza pubblica, fabbisogno e debito, che ha messo in evidenza l’ulteriore aumento del debito delle amministrazioni pubbliche di 99,1 miliardi nei primi sei mesi del 2014.

ANCORA TEMPO PER SBLOCCARE I FONDI – C’è, comunque, ancora tempo per correggere le storture e ottenere l’agognato assenso di Bruxelles. Soprattutto si potrà ancora lavorare su quei settori come l’innovazione, la ricerca, la competitività, l’agenda digitale, lo sviluppo economico e la cultura, in cui gli interventi, a detta della Commissione, non sono sufficientemente efficaci. Si tratta di una partita importante, perché consente all’Italia di avere accesso a ben 41 milioni di fondi europei.

ECONOMIA ANCORA IN AFFANNO – Il disco giallo di Bruxelles sui fondi europei da erogare nei prossimi sette anni è l’ultimo degli eventi che mostra ancora una certa difficoltà del quadro economico nonostante i timidi segnali di ripresa, messi in evidenza anche dall’ultimo bollettino trimestrale di Bankitalia. Due giorni fa, infatti, Moody’s ha corretto le stime del Pil, passando dal +0,5% previsto ad una contrazione dello 0,1%. È, invece, notizia di oggi l’allarme lanciato dall’Istat sulla deflazione che sta colpendo le principali città italiane, facendo segnare una fase depressiva nell’ambito dei prezzi che non è mai stata così lunga dai tempi del biennio 1958-1959.

Alessandro De Luca

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da: