•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 14 agosto, 2014

articolo scritto da:

Mara Carfagna (Forza Italia) “Tendiamo una mano, Paese in emergenza”

forza italia

Da Forza Italia una mano tesa verso il Governo di Matteo Renzi: “Noi ci siamo e tendiamo una mano” per senso di responsabilità, perché “il Paese è in emergenza”. Lo dice Mara Carfagna, deputata di Forza Italia, in un colloquio con Repubblica: “Non credo che verrà offerto un patto per l’emergenza, ma avvertiamo la necessità di dare un contributo per uscire dalle secche”. “Questo vuol dire – spiega – che se Renzi porterà in Parlamento misure destinate a ridurre drasticamente la spesa pubblica, ad abbattere le tasse e semplificare le regole, ecco, in linea con i nostri principi liberali daremmo il nostro sostegno”. Poi, aggiunge “bisognerà capire se il premier ha capacità e volontà di trasformare il suo consenso in una svolta vera, fatta di riforme coraggiose e dolorose“. “Renzi osi, dimostri di essere anche disposto a sacrificare parte del suo consenso per rimettere in moto l’economia”.

mara carfagna forza italia

Sul rapporto con Alfano e l’Ncd, Carfagna vede “troppi egoismi e ambizioni personali in chi ha voltato le spalle a Forza Italia. Noi crediamo ancora nell’unità di tutte le forze alternative alla sinistra. Per questo abbiamo proposto un tavolo di consultazione sulle priorità dell’agenda politica. Più che primarie per la leadership” perchè il leader resta Berlusconi, “occorrono primarie delle idee”

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

15 Commenti

  1. Mario Rovani ha scritto:

    Te ne può pur i non mancheresti a nessuno

  2. Adriano Realdini ha scritto:

    Ma anche NO! Di cosa è stato capace questa gentaglia quando ha governato siamo tutti consapevoli 🙁 Dobbiamo al KAPO’ di F. I. se ci troviamo in questa situazione: tutti ricordiamo quello che diceva mentre l’Italia spofondava nel baratro :-O Idee poche e ben confuse se non erano rivolte al personale interesse del pluripregiudicato……salvato proprio da leggi AD PERSONAM che il fido (un cane) Angelino traditore ha promulgato per consentire al CONDANNATO per EVASIONE FISCALE mentre era il Primo Ministro della NOSTRA Nazione. Un Grillesco VAFFANCULOOOOOOOOOO all’EX TUTTO smascherato che ha un profilo MORALE ed INTELLETTUALE INDEGNO per chi deve rappresentare l’Italia nel mondo. GLI ATTUALI GOVERNANTI SONO ECCELLENTI PER SBAGLIARE DA SOLI! :-O

  3. Lello Petrone ha scritto:

    La grande ammucchiata renzusconiana

  4. Gigi Grieco ha scritto:

    Si cara un pezzo da novanta come te è fondamentale per la crescita di questo paese

  5. Luisa Bacocchia ha scritto:

    ma smettila di cazzeggiare

  6. Mimmo Ristori ha scritto:

    Perchè non torna ai calendari?

  7. Francesco Scarano ha scritto:

    Vai a CAGARE

  8. Remo Barca ha scritto:

    troppi e incapaci

  9. Remo Barca ha scritto:

    troppi e incapaci

  10. Vito Leonardo Ventura ha scritto:

    Un pezzo a 90 direi.

  11. Giulio Giliberti ha scritto:

    questa volta devco condividere il pensiero della Carfagna. Siamo obiettivi e badiamo alla concretezza

  12. Gianfranco Ferrari ha scritto:

    La scuola è sempre una!

  13. Sara flor ha scritto:

    QUELLO CHE I GRILLINI NON RICORDANO:
    Abbiamo sentito dire da Grillo che non avrebbe fatto un tour a pagamento, e poi l’ha fatto, senza battere ciglio… gli abbiamo sentito dire che la tv era “il male” ed abbiamo assistito ad espulsioni violente… sino a quando non ha deciso che la tv serviva, ha scelto chi come dove e quando poteva e doveva andarci.
    Gli abbiamo sentito dire che lui in tv mai… che Vespa era il simbolo della casta… e poi lo abbiamo visto andarci, e andare anche da Vespa.
    Ogni volta che Grillo sentenziava come balle quelle altrui, frotte di obbedienti ed osannanti fan hanno assaltato chiunque, dal giornalista al dissidente, in nome della coerenza del verbo del Megafono del movimento.
    Finanche quando da megafono si è scoperto che ne era capo politico, che ne era proprietario del logo, del marchio, giudice unico e assoluto del chi è dentro e chi è fuori: senza appello.
    Anche di fronte a tutto questo, schiere genuflesse di seguaci ad arrampicarsi sempre più ripidamente sugli specchi difendevano la linea.
    Ha fatto sottoscrivere un contratto “illegale” ai candidati in Europa per cui oltre a multarli in caso di espulsione (sempre decisa da lui) solo lui poteva decidere chi assumere, come spendere i fondi dei gruppi, come comporre gli staff e infine con chi allearsi…
    Ci aveva detto che se non prendeva almeno un europarlamentare più del pd si sarebbe ritirato.
    …e invece eccolo andare a Bruxelles, prendere accordi in nome e per conto del suon movimento, e riproporre l’ennesima buffonata online, che più che una scelta democratica è qualcosa tipo “approvate voi la decisione che ho preso io?” …ovviamente liberi di dire no… tanto non cambia nulla…
    18/7/2014.. Ci dispiace, ma non c’è più tempo – scrive Grillo sul blog!
    9/8/2014 convincere gli italiani uno per uno, un porta a porta nazionale, ma arriveremo al governo. Non abbiamo fretta!

  14. Pina Barbaro ha scritto:

    Ma che gente di buon cuore…..

  15. Eugenio Trovato ha scritto:

    brutta zoccola hai fatto la tua fortuna allargando le cosce a berlusconi,taci troia che è meglio!

Lascia un commento