•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 17 aprile, 2012

articolo scritto da:

Il Carroccio resisterà alla fine del suo dominus?

il carroccio

La domanda è sempre la stessa? La Lega Nord continuerà a vivere dopo la fine politica di Umberto Bossi? Quali prospettive di vita ci sono ancora per il Carroccio?

La domanda è quanto mai interessante nella misura in cui molti commentatori italiani trattano in maniera molto approssimativa la questione. Secondo molti infatti la Lega Nord è un partito politico destinato al fallimento e ad una lenta agonia a seguito delle dimissioni del suo padre-padrone.

E’ un’analisi comprensibile, ma solo parziale.

[ad]Occorre infatti tenere presenti ben due distinti elementi: le dimissioni di Bossi da una parte (che comprendono lo spinoso tema della leadership futura della Lega) e il problema legato ai fondi pubblici che il Carroccio avrebbe utilizzato per favorire le vicende personali della famiglia del Senatùr e il Cerchio Magico.

Possiamo dire senza alcun dubbio che nel caso di un’ipotetica fine politica del movimento con sede a via Bellerio il secondo elemento (lo scandalo giudiziario) si farà sentire maggiormente rispetto alle dimissioni di Bossi.

Ciò che infatti può compromettere seriamente la struttura della Lega non è tanto un cambio di leadership ma l’omologazione con le altre forze politiche. Il timore non è tanto che con Bossi cadano e si concludano definitivamente le istanze di un certo tipo di autonomismo, bensì il fatto che si è predicato bene ma poi si è razzolato molto male.

il carroccio

Questo crea una situazione al limite del paradossale: l’ignavia e le debolezze della Lega Nord, che è stato per quasi un decennio alla guida con Berlusconi di questo paese, possono essere una delle cause di resistenza del movimento stesso.

La Lega Nord infatti è un movimento politico composto da varie realtà. In primis dalla Lega Lombarda di Bossi che però seppe trovare un accordo federativo con altre “nazioni” e con movimento come la Liga Veneta (che esisteva già prima di quella Lombarda) e altri movimenti politici locali in Emilia-Romagna, Piemonte, Toscana, Liguria ecc…

Il successo di quel progetto politico consisteva nell’aver unificato singole e differenze istanze politiche all’insegna di una critica serrata nei confronti di uno stato considerato troppo centralista e inefficace (attraverso la sua odiata “partitocrazia”). Ciò portava ad un carico fiscale elevatissimo da parte soprattutto del cosiddetto “popolo delle partite Iva” del nord Italia timoroso di versare troppo denaro allo stato senza poi ricevere servizi efficienti.

In questa grande trasformazione sociale che ha portato a questo “idem sentire” in parte del settentrione d’Italia sta il successo della Lega Nord e di Umberto Bossi che all’insegna del federalismo e di queste rivendicazione sociali e politiche si è potuto addirittura permettere di inventarsi una realtà nazionale e geografica inesistente come la “Padania”.

Negli anni tutti i progetti all’insegna del federalismo e della devolution (la fase secessionista del Carroccio corrisponde quasi sempre alle sue fasi d’opposizione estrema al governo) sono miseramente falliti. Basti pensare al risultato del referendum confermativo del 2006 che buttò in alto mare le aspirazioni di Calderoli e company.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments